SERVIZIO BARTER: il baratto digitale e il nuovo commercio passano da HBConsortium

2 luglio 2015 ·

Con il nuovo servizio di digital trading gli hotel risolvono i problemi di sprechi, eccedenze e liquidità e valorizzano le proprie risorse.

Il sistema alberghiero rappresenta oggi più che mai un terreno ideale per superare la tradizionale dipendenza del b2b e del commercio di beni e servizi dalle modalità tradizionali di interscambio, legate al “face to face” e alla movimentazione in contanti. Il turismo è infatti per sua natura il settore dove si possono studiare le forme più innovative di comunicazione a distanza, oltre che di dialogo legato alla presenza fisica, sul posto.

Questa opportunità si estende anche agli aspetti gestionali e finanziari delle strutture alberghiere, sottoposte ai rischi di lentezze burocratiche, esposizione al debito e divisione poco flessibile (anche come qualità e tempi di lavorazione e consegna dei materiali) dei ruoli fornitore/acquirente/rivenditore. Inoltre le aziende alberghiere sono esposte al rischio che il numero di pernottamenti sia insufficiente a coprire le spese di acquisto e manutenzione di spazi e oggetti d’arredamento  magari di valore, ma per varie ragioni commerciali “sottoutilizzate”: occorre allora un servizio che aiuti a rendere più diretto lo scambio di valore tra ciò che l’hotel possiede e la forza comunicativa e finanziaria dell’hotel stesso.

Il sistema di barter o digital trading proposto da HBConsortium va esattamente in questa direzione, perché l’hotel è prima di tutto una serie di servizi in continua differenziazione, anche tecnica, con possibilità d’uso sempre nuove da studiare e sfruttare per essere sempre un passo avanti alla concorrenza.

Già oggi occorre che l’imprenditore compri, elabori e rivenda servizi e forniture per l’azienda in modo molto più rapido e continuo rispetto al passato; se i ruoli sopraindicati rimangono gli stessi, è altrettanto vero che il futuro porterà sempre più una tendenza a sostituire la compravendita con uno scambio creativo di servizi, una loro “rielaborazione” continua.

L’evoluzione digitale del più antico baratto è il barter multilaterale  che assume pieno valore operativo e gestionale. Nel modello proposto da HBConsortium si sostituisce alla movimentazione in denaro l’interscambio di beni e servizi mediante un’apposita piattaforma online; esso permette di finanziare  gli acquisti aziendali (già previsti a budget) con vendite extra budget commerciale di questi stessi beni e servizi.

Un esempio di come può funzionare  il barter lo può dare un hotel di 20 camere che intende comperare materassi. Ogni materasso costa 500 € per un totale di 10.000 € di fornitura. Grazie al nuovo servizio, l’albergatore, anziché pagare il fornitore per contanti o aprire una linea di credito, mette a disposizione 100 pernottamenti a 100 € ciascuno. HBConsortium verifica  le modalità di prenotazione camere e attribuisce all’Hotel 10.000 € di debito nei confronti del Sistema di barter. Ad ogni came- ra venduta si scala infine il debito fino al con- correre dell’ammontare di 10.000 € .

La scelta tattico/strategica vede HBConsortium come fulcro del modello di relazioni e di compravendita tra i vari aderenti al Network (alberghi e  aziende fornitrici); HBConsortium, per favorire il business, funge da cassa di compensazione in modo da evitare che il produttore di materassi si preoccupi di ospitare persone nelle camere di un suo cliente (ciò è compito dei professionisti del Commerce Network supportati dalla piattaforma online).

L’albergo che aderisce al circuito di HBConsortium ottiene quindi diversi tipi di riscontro, su tutti l’aumento del fatturato e il risparmio, grazie alla possibilità di far circolare in modo più sistematico il nome dell’hotel senza dover investire e indebitarsi per complessi riposizionamenti di marketing, per il cambiamento  dei fornitori o per  spese straordinarie di rifacimento camere; ciò che si acquista viene pagato con i propri prodotti e con le proprie forniture alberghiere e viene immediatamente rimesso a disposizione di altri contatti commerciali e tecnici.

La qualità delle forniture e dei servizi è il vero punto di forza di un hotel, e senza di essa è difficile rafforzare l’immagine stessa della struttura a livello di marketing; con il servizio  di barter in via di lancio, dunque, l’albergatore può ridurre la complessità gestionale legata alle spese da affrontare e proporsi a sua volta sul mercato come proprietario di una struttura ricca di relazioni commerciali e in grado di partecipare attivamente allo sviluppo del mercato, dell’innovazione e delle tendenze di design, gusto e tecnologia turistica.

 

Visita la pagina dedicata al Baratto per gli operatore del settore turistico ricettivo …

 

Bottone_Richiedi Info

 

 

Bottone_Torna Servizi

Verso BMT 2013: appuntamento a Napoli

20 marzo 2013 ·

Torna anche nel 2013 BMT- Borsa Mediterranea del Turismo, il tradizionale appuntamento con il trade organizzato da Progecta srl.  L’edizione numero 17 di BMT è in programma negli spazi  della Mostra d’Oltremare di Napoli dal 5 al 7 aprile; tra le numerose novità spicca “BMT Training”, il ciclo di corsi formativi organizzato in collaborazione con Estensa (società specializzata in web turistico) e agenzia di comunicazione Asitnews e dedicato al web marketing turistico; i corsi, composti da moduli di un’ora, sono aperti a giovani professionisti, tour operator, agenti di viaggio e personale alberghiero e illustreranno lo stato dell’arte tecnologico e strategico nell’ambito del web marketing turistico.

Completano il ricco programma i 4 workshop dedicati a Incoming, Turismo Sociale, Incentive & Congressi, Terme & Benessere; quest’ultimo ambito sarà centrale nell’edizione 2013 di BMT, anche grazie a specifici spazi tematici e di incontro tra i professionisti italiani e internazionali dell’ospitalità, della promozione territoriale e della wellness. Altra novità importante, infine, la partnership stabilita con Trenitalia, grazie a cui cui agenti ed espositori (sia individuali che in gruppi composti da più di 10 persone)  potranno usufruire di sconti dal 30% al 50% per raggiungere Napoli con treni a lunga percorrenza come Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca, Intercity e Treni notte.

(Fonte info: Bmtnapoli.com)

 

 

Expo 2015: un indotto da 25 miliardi fino al 2020

20 febbraio 2013 ·

Effetti positivi su occupazione, investimenti esteri e patrimonio immobiliare

Expo 2015 SPA e la Camera di Commercio di Milano hanno promosso un’importante ricerca che raccoglie le previsioni sull’impatto economico dell’Esposizione nel periodo 2012-2020.  Secondo il progetto, guidato dal professor Alberto Dell’Acqua (SDA Bocconi), la ricaduta sull’indotto e sull’occupazione sarà rispettivamente di 24,7 miliardi di produzione aggiuntiva (4 dei quali provenienti dal turismo) e di 199 mila persone occupate. Importanti anche i benefici sulle start up (1,7 mld di produzione aggiuntiva e 12,4 mila occupati) e sugli investimenti diretti esteri (per i quali si prevedono 1 mld di valore aggiuntivo e 16,5 mila occupati).  Anche nel settore immobiliare si avranno effetti positivi, con 1,1 mld di produzione aggiuntiva e 8 mila posti di lavoro portati anche dalla rivalutazione di immobili e strutture nell’area espositiva. L’ AD di Expo 2015 S.p.a. Giuseppe Sala, (nella foto), commenta così i dati dell’indagine: ci saranno effetti e ricadute positive in tutti i settori produttivi anche negli anni successivi. Per questo motivo è fondamentale che le istituzioni, locali e nazionali, investano risorse, energie e idee in questo progetto. In gioco c’è molto: l’immagine del nostro Paese nel mondo, uno sprone a uscire dalla fase di stallo che stiamo vivendo e la possibilità di dare alla nostra economia un nuovo passo”.

(Fonte: Expo 2015)

Federalberghi: gennaio 2013, mercato ancora in difficoltà

12 febbraio 2013 ·

Male anche gli arrivi dall’estero. Bocca: intervenire subito

Non inizia bene il 2013 del turismo italiano, secondo l’indagine mensile di Federalberghi, con una caduta che nel mese di Gennaio ha toccato anche il punto di forza principale del settore, ovvero gli arrivi dall’estero. Questo il commento di Bernabò Bocca, presidente della Federazione: “Il 2013, turisticamente parlando, parte in modo estremamente preoccupante per uno dei pochi settori economici che nonostante tutto continua a produrre giro d’affari ed occupazione”.

 Continua Bocca: “Al crollo delle presenze alberghiere registrate dagli italiani (rispetto al gennaio 2012), pari ad un -9,6%, che rispecchia chiaramente la crisi dei consumi delle famiglie, si assomma una lieve flessione delle presenze alberghiere degli stranieri pari all’1,1%. Anche sul fronte dei nostri collaboratori si evidenzia un dato in caduta libera del -5,4% a gennaio (rispetto al gennaio 2012), con una flessione del 4,5% per i lavoratori a tempo indeterminato ed una debàcle del -7,0% per i lavoratori a tempo determinato.

 Conclude con durezza Bocca: ““Mai si era registrato un inizio d’anno così negativo, che impone subito a tutte le forze politiche in corsa per le imminenti elezioni una seria riflessione e l’indicazione, in maniera più puntuale nei reciproci programmi, di quali misure andranno ad adottare una volta dovessero essere chiamate alla guida del Paese. Da parte nostra riteniamo che le priorità riguardino il varo di iniziative promozionali per garantire maggiori flussi turistici, corsie preferenziali di credito per assicurare quella liquidità indispensabile allo svolgimento dell’attività imprenditoriale e misure specifiche sul mercato del lavoro. Il tutto sotto il coordinamento di un Ministero del Turismo con portafogli”.

(Fonte: Federalberghi)

Ai nastri di partenza BiT 2013: la Cina è protagonista

12 febbraio 2013 ·

 

In programma dal 14 al 17 febbraio la Borsa Internazionale del Turismo

Torna questa settimana negli spazi di Rho Fiera Bit-Borsa Internazionale del Turismo. L’edizione 2013 è in programma da giovedi 14 a domenica 17 febbraio e si distribuirà su 9 padiglioni, con un afflusso previsto di circa 90.000 visitatori. L’evento sarà riservato agli operatori nei primi due giorni di salone e aperto al pubblico nel weekend del 16 e 17 febbraio. Evento di apertura, giovedi 14 febbraio alle ore 10.30, la presentazione del Piano Strategico per il Turismo Italiano voluto dal ministro del Turismo Piero Gnudi.

 Tra i temi che verranno affrontati nel programma di incontri e convegni spicca il rapporto con l’Oriente: la Cina è stata infatti scelta come paese ospite dell’edizione 2013 e sarà al centro di eventi come il dibattito intitolato “L’ospitalità italiana al servizio del turista con gli occhi a mandorla”,  in cartellone venerdi 15 febbraio alle ore 10.00.

L’integrazione diretta e digitale tra b2b e b2c, tra promozione delle destinazioni e business aziendale, in un’ottica di attenzione all’incoming, è poi alla base della principale novità organizzativa: l’inserimento del workshop Bit BuyItaly (diviso quest’anno in giornate tematiche) nel padiglione dedicato all’Italia (con un’intera giornata dedicata agli incontri tra buyer e regioni con stand superiore a 200 mq) e della nuova area Business Village nei padiglioni The World, scelta che facilita il contatto diretto tra espositori e buyer, gestori di catene alberghiere e fornitori di servizi, agenzie di viaggi e aziende di trasporti. Tornano anche appuntamenti tradizionali come il workshop BitBuyClub, dedicato nella giornata di apertura all’associazionismo e al turismo tematico, e non manca l’attenzione alle prospettive del turismo ecosostenbile, a cui sarà dedicata sopratutto la giornata di sabato 16 febbraio.

 Il programma completo è disponibile sul sito ufficiale bit.fieramilano.it.

 (Fonte: BiT)

 

Sicily Tourism Week: il digitale per il turismo nell’isola

12 febbraio 2013 ·

Dal 26 Febbraio all’ 1 Marzo un’iniziativa gratuita che fa il punto sul turismo nella regione

URAS Federalberghi Sicilia e TRIVAGO organizzano dal 26 febbraio all’ 1 marzo 2013 “Siciliy Tourism Week”, un ciclo di 4 seminari gratuiti che esaminano lo stato attuale e il potenziale del turismo nell’isola, con un’attenzione particolare alle nuove opportunità offerte dal web marketing e dallo sviluppo dell’online reputation.

Queste le tappe previste:

  • 26 febbraio: Hotel Palazzo Failla, Modica (RG);
  • 27 febbraio: Best Western Dioscuri Bay Palace hotel, Agrigento;
  • 28 febbraio: Hotel Palazzo Sitano, Palermo;
  • 1 marzo: Europa Palace Hotel, Messina.

 Gli incontri saranno tenuti da Giorgia Valagussa e Marco Amico di @trivago.it, che presenteranno focus statistici e guideranno gruppi di lavoro su temi come l’andamento delle presenze, il benchmark con le destinazioni concorrenti, le oscillazioni dei prezzi, il booking online e la presentazione del gestionale Trivago Hotelier; Vito d’Amico illustrerà invece le logiche di segmentazione e targetizzazione della clientela in un’ottica che combina revenue management e valorizzazione del territorio regionale.

Per l’iscrizione occorre registrarsi al link http://bit.ly/104yoHl

Per informazioni: segreteria organizzativa- marta.biffi@trivago.it/ 02.400 420 33.

(Fonte: SicaniaSC)

Viaggiandum Est: le ville storiche del Veneto per il turismo locale e nazionale

31 gennaio 2013 ·

Le ville storiche del Veneto sono state protagoniste dell’edizione n.13 di Viaggiandum Est, la tradizionale Borsa del Turismo Culturale organizzata dalla Regione del Veneto in collaborazione con IRVV-Istituto Regionale Ville Venete.

L’edizione 2012 di Viaggiandum Est si è tenuta lo scorso 16 novembre presso la Villa Contarini di Piazzola sul Brenta (PD) e ha visto la presenza di 30 selezionati tour operator e di circa 100 operatori turistici italiani specializzati nel turismo culturale.

Tour operator e buyer hanno avuto possibilità di incontrarsi e di stringere relazioni one-to-one all’interno di un programma di appuntamenti che ha tradotto in pratica commerciale le osservazioni e le conclusioni emerse negli altri due eventi cardine di Viaggiandum Est 2013.

Il primo di questi è stato il convegno dal titolo “VENETO DI VALORE. Cultura, Impresa, Territorio. Un capitale comune”. All’incontro hanno partecipato importanti rappresentanti istituzionali come Marino Zorzato (Vicepresidente e Assessore alla Cultura e al Territorio Regione del Veneto) e Italo Candoni (vicedirettore di Confindustria Veneto) insieme a figure come Francesco Borga, che in qualità di segretario del Comitato Promotore per Venezia capitale della cultura 2019 ha evidenziato le diverse sfaccettature delle politiche di marketing e valorizzazione territoriale attualmente in via di elaborazione.

Tema del dibattito è stato il fatto che l’incontro tra ville storiche e turismo culturale rappresenti una forma parallela e ancora oggi poco esplorata di gestione del territorio e di rafforzamento dell’offerta turistica. In questo senso la ricerca di nuovi strumenti di competitività turistica richiede e insieme offre la possibilità concreta di mettere al centro dell’offerta il patrimonio architettonico del territorio; tale offerta però non deve ridursi a una semplice fruizione o al mantenimento in vita delle pregiate strutture, ma deve anche stabilire sinergie e integrazioni con il contesto, attraverso destinazioni d’uso e opportunità legate a eventi e percorsi di esplorazione che toccano tutto il territorio regionale e macroregionale.

Secondo appuntamento è stato l’educational tour che sabato 17 novembre ha accompagnato lungo tutta la giornata i rappresentanti dei tour operator esteri nell’esplorazione delle Ville Venete della Riviera del Brenta, in località ricche di storia come Mira, Stra, Malcontenta e Oriago: gli operatori sono stati inoltre ospitati in strutture ricettive di alto livello toccando con mano l’offerta termale, congressuale, leisure ed enogastronomica dell’intera area.

L’edizione 2013 dell’evento si terrà dal 14 al 16 novembre 2013.

 

(Fonte testo e immagini: Viaggiandumest.com)

Farnesina ed ENIT: accordo sui visti d’ingresso per i viaggiatori da India, Russia e altri paesi

30 gennaio 2013 ·

Presso la Farnesina è stato firmato un protocollo di intesa tra ENIT-Ente Nazionale del Turismo e il Ministero degli Esteri, teso a facilitare gli arrivi verso l’Italia dai paesi asiatici per turismo e attività d’impresa.
L’accordo prevede infatti un supporto diretto di ENIT alle ambasciate italiane in paesi come Russia, India, Ucraina e Kazakhstan, per la concessione più rapida di visti turistici d’ingresso nel nostro paese. L’Italia è secondo i dati riportati da ENIT una delle destinazioni preferite dai viaggiatori di origine asiatica: nel 2012 sono stati oltre 631.000 (+8,2% rispetto al 2011) i visti concessi a viaggiatori russi, 288.000 (+12,8%) a cinesi, 116.000 quelli concessi a turchi (+14,5%). Nel complesso i visti nel 2012 sono stati 1.870.000 (+9 % rispetto al 2011), in gran parte per motivi turistici (1.360.000, +15,3%) ma con una crescita anche nell’ingresso di imprenditori (202.000 visti, +5,4%).
Il segretario generale della Farnesina, Ambasciatore Michele Valensise, ha così commentato l’accordo: “La politica dei visti è fondamentale nell’azione della diplomazia italiana a sostegno della crescita del Paese. Essa favorisce l’afflusso sia di turisti, attratti del patrimonio culturale unico dell’Italia, sia di imprenditori, interessati alle opportunità di investimento nel nostro Paese. Facendo fronte in tempi più rapidi all’accresciuta domanda di visti rafforzeremo la capacità della nostra rete di fornire un servizio sempre più efficiente in un settore per noi strategico”.
Il Presidente Celli (nella foto) ha commentato a sua volta: “È uno strumento che rafforza ulteriormente una collaborazione che ha già dimostrato ciò che possiamo fare operando insieme alla Farnesina. Desidero ringraziare il Ministro Gnudi che sin dal suo insediamento ha affrontato la questione nelle competenti sedi nazionali, europee ed internazionali, così come il Dipartimento per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport, al quale va il merito di aver reso possibile l’accordo, facendosi carico degli oneri finanziari, altrimenti insostenibili per l’ENIT”.

Fiavet e Isnart: bilancio negativo per il turismo 2012, sotto accusa il sommerso

19 dicembre 2012 ·

Un 2012 assolutamente da dimenticare per il turismo italiano secondo Fiavet, la Federazione nazionale delle agenzie di viaggio, e ISNART, l’Istituto Nazionale delle Ricerche Turistiche. Le indagini più recenti dei due enti vedono infatti un vero e proprio crollo del volume d’affari, non solo per il comparto nel suo insieme,  che scende da 11,8 a 8 mld di euro (-25,6% rispetto al 2011), ma anche per il turismo interno, che subisce una contrazione record del 18%, e per le imminenti vacanze natalizie (per le quali Isnart anticipa un calo della spesa attorno al 4,7% e circa 11 milioni di presenze, contro gli 11,4 milioni del 2011). Appare tuttavia in aumento il ricorso a viaggi organizzati attraverso le agenzie (+2,6% rispetto allo scorso anno). Secondo il presidente di Fiavet Fortunato Giovannoni (nella foto), una pesante responsabilità in questo scenario così negativo è da ricondurre al sommerso, che genera un fatturato di quasi 2 miliardi di euro e riduce di 382 milioni di euro il gettito dell’IVA. Dichiara a questo proposito Giovannone: “Alla luce di quanto emerso, ci chiediamo allora per quale motivo prendere in considerazione l’ipotesi di un ulteriore aumento dell’aliquota IVA quando, solamente combattendo il sommerso nel nostro settore, si potrebbero recuperare ingenti risorse per il bilancio dello Stato, oltre che contribuire all’occupazione. È evidente, quindi, come la lotta all’abusivismo continui a rappresentare una delle priorità della nostra Federazione, che avrà tra le altre linee strategiche per  il 2013 il rinnovo del CCNL del turismo, la ridefinizione dei rapporti con i fornitori, l’allargamento della base associativa e la formazione agli associati”.

Assemblea Federterme: Jannotti Pecci, comparto in difficoltà ma tante iniziative per il 2013

19 dicembre 2012 ·

Costanzo Jannotti Pecci, presidente di Federterme (nella foto), ha tracciato in occasione dell’Assemblea annuale dello scorso 13 dicembre  le prospettive per il settore termale nel prossimo anno. Nonostante il turismo termale non si sottragga all’andamento negativo di tutto il comparto, sono numerose le iniziative annunciate dalla Federazione per il prossimo anno. Jannotti Pecci sintetizza così i dati raccolti da Federterme: “L’anno 2011 per il settore termale è stato un anno di ulteriore ridimensionamento dei livelli di attività produttiva con un calo del valore aggiunto a prezzi correnti che ha registrato una flessione di quasi 2 punti percentuali, attestandosi a 452.6 milioni di euro, con una variazione negativa di segno opposto a quella del biennio precedente.

 

Anche i numeri dei primi nove mesi 2012 indicano una perdurante tendenza in calo che sarà difficile compensare a breve termine, per effetto del previsto protrarsi delle attuali difficoltà per tutto il 2013.È una situazione che abbiamo portato responsabilmente e tempestivamente all’attenzione del Governo e delle Regioni e delle rappresentanze sindacali – ha spiegato Pecci – in sede di avvio dell’esame delle piattaforme per il rinnovo del CCNL dei dipendenti delle aziende termali”.  Tra le attività e iniziative annunciate da Jannotti Pecci per il 2013, la concentrazione delle risorse disponibili nella promozione del sistema termale; la partecipazione a progettazione di iniziative di valorizzazione integrata delle risorse termali nell’ambito del progetto EXPO 2015; supporto all’azione promozionale di ENIT tramite iniziative progettuali condivise; partecipazione alla realizzazione di itinerari del benessere termale; facilitazione all’accesso alla fruizione del benessere termale ai camperisti; inoltre, “Terme Aperte 2013”, evento che metterà in atto una direttiva UE del 2011 promuovendo la libertà per i cittadini europei di scegliere liberamente lo stabilimento termale in cui curarsi e soggiornare.

Provincia di Milano: turismo in crescita nel primo semestre 2012

28 novembre 2012 ·

Dati largamente positivi per l’andamento del turismo nella Provincia di Milano. È questa la tendenza evidenziata dall’Osservatorio Turismo della Provincia di Milano, secondo cui il territorio dell’area metropolitana, nei primi sei mesi del 2012, ha visto una crescita del 4,1% negli arrivi rispetto al 2011 (oltre 3 milioni di arrivi) e del 3,35% nelle presenze (più di 6 milioni di presenze). Altri dati interessanti riguardano la provenienza dei turisti: i visitatori in città provengono soprattutto dalla Russia (95.569 arrivi), dalla Francia (86.951) e dagli USA (86.013), mentre la Cina dimostra un interesse crescente per l’intera provincia con 44.404 presenze e stacca nettamente Giappone (39.546) e Germania (26.260). Per quanto riguarda il turismo interno, interessante invece il dato secondo cui i cittadini lombardi sono i principali visitatori di Milano, seguiti da turisti provenienti da Lazio e Veneto. L’assessore provinciale al Turismo Stefano Bolognini commenta così i dati dell’Osservatorio: “Italiani e stranieri continuano a visitare il nostro territorio. Si può ipotizzare che in vista di Expo 2015 questa tendenza aumenterà. Bisognerà lavorare, anche utilizzando la rete creata per valorizzare l’immagine di Milano, affinché aumenti la permanenza media e perché tutta l’area metropolitana sia all’altezza della grande sfida che ci attende”.

Nuovo CCNL dell’industria turistica: avviata la trattativa

28 novembre 2012 ·

La scorsa settimana è partita la trattativa per il rinnovo del contratto collettivo nazionale dell’industria turistica, condotta tra Federturismo Confindustria, Associazione Italiana Confindustria Alberghi e le organizzazioni sindacali di settore Filcams CGIL, Fisascat CISL e UILTuCS. La discussione ha raggiunto come primo risultato un accordo per la riduzione degli intervalli tra un contratto a termine e il successivo-necessario per trovare una sintesi tra le esigenze di flessibilità delle aziende del settore turistico (anche sulla base della stagionalità e della ciclicità che caratterizzano l’attività annuale di gran parte del comparto) e l’allungamento degli intervalli determinato dalla recente riforma Fornero del mercato del lavoro.

 

(Fonte: Federturismo. Per maggiori informazioni: Matteo Nevi, Relazioni Industriali Federturismo Confindustria-Viale Pasteur, 10 – 00144 Roma, Tel. 06.5903383 – Fax 06.5910390; e-mail: m.nevi@federturismo.it)

EcoWorldHotel: tavola rotonda a Taranto per il turismo ecosostenibile

13 novembre 2012 ·

ATT (Associazione Taranto Turismo) ed EcoWorldHotel insieme per il rilancio di Taranto in chiave di turismo green. Questo il tema della tavola rotonda che si tiene oggi martedì 13 novembre 2012 dalle 10 alle 18 presso l’ Ascom di Taranto (Viale Magna Grecia 119). Saranno presenti tra gli altri all’incontro il presidente di EcoWorldHotel Alessandro Bisceglia (nella foto) insieme all’ Organic Food & Beverage Manager Roberto Fusaro; il presidente di ATT Irene Lamanna; il  presidente di Federalberghi provinciale Francesco Palmisano; l’assessore regionale al Turismo Silvia Godelli e l’assessore al Turismo della Provincia di Taranto Giovanni Longo. Durante l’incontro EcoWorldHotel spiegherà agli albergatori pugliesi le strade percorribili per il rilancio del turismo della città, in questi giorni al centro della cronaca per le note vicende legate ad ILVA; in programma anche la presentazione di case history di successo, all’insegna della volontà di unire la bellezza, la storia e l’unicità di Taranto e della Puglia con una riduzione dell’impatto ambientale, resa possibile anche da una corretta gestione delle attività alberghiere.  

Assoturismo critica il ministro Gnudi sulla “rottamazione” degli hotel italiani

31 ottobre 2012 ·

Claudio Albonetti, presidente di Assoturismo-Confesercenti, ha criticato le recenti dichiarazioni del Ministro del Turismo Piero Gnudi, che in occasione della presentazione delle linee guida del Piano Nazionale del Turismo alla Commissione Attività Produttive della Camera aveva definito gli hotel italiani  “troppi, troppo vecchi e troppo piccoli” e dunque  “da rottamare”. In una nota Albonetti, pur concordando con il ministro sull’importanza della qualità delle strutture, dichiara: “Meglio ragionare sulla qualità e non sulle dimensioni. L’idea di rottamare gli hotel in base a criteri dimensionali e non qualitativi ci lascia  basiti. Non riteniamo che questa sia una scelta che spetti al Governo, quanto piuttosto al mercato. Inoltre, ci preme sottolineare il fondamentale valore della rete dei piccoli alberghi, che è funzionale alla vocazione turistica italiana, che si estende a tutto il territorio, ed è in grado di intercettare tutti i turismi, non solo quelli d’élite.  Non si possono costruire giganti della ricezione in ogni angolo d’Italia: sarebbe antieconomico e un grave danno per il nostro splendido Paese. Se l’obiettivo è il rinnovamento della rete alberghiera italiana  lo Stato ci aiuti piuttosto a reperire le risorse necessarie che, in questo clima di crisi, non possono certo essere messe in campo dalle sole imprese. Sarebbe un intervento, questo, cui non potremmo che plaudire”.

A TTG Fiera la presentazione ufficiale dell’OPS su Banca del Turismo

22 ottobre 2012 ·

Si è svolta il 19 ottobre a Rimini Fiera, in occasione di TTG Incontri, la Conferenza stampa “Una Banca per il Turismo – Dal progetto alla realtà”, durante la quale è stata presentata l’ Offerta Pubblica di Sottoscrizione (OPS) delle azioni della costituenda Banca Popolare del Turismo, in seguito all’autorizzazione alla pubblicazione del Prospetto Informativo ricevuta da parte di CONSOB nei giorni precedenti.

La conferenza stampa è stata organizzata dal Comitato Promotore della Banca ed è stata preceduta dalla  presentazione informale del progetto della Banca Popolare del Turismo in occasione del Travelport Night Award, organizzato da Travelport presso il Grand Hotel di Rimini nella serata del 18 ottobre, in concomitanza con lo spettacolo pirotecnico “L’arte del Made in Italy” di Antonio Scarpato.

Il dott. Paolo Valentino, Vicepresidente e Tesoriere del Comitato, ha sintetizzato la natura del progetto sottolineando le tre parole chiave contenute nella ragione sociale della costituenda banca:  Banca come realtà bancaria e finanziaria, Popolare intesa nel senso di essere  “rivolta ed aperta alla partecipazione di tutti”  e Turismo come risorsa fondamentale di un settore che rappresenta la bandiera del Made in Italy e che contribuisce, tenendo conto anche del contributo indiretto e indotto, per il 9,54% a livello aggregato nella formazione del Prodotto Interno Lordo del  Paese Italia.

Su questi temi importante anche l’intervento del dott. Martino Maurizio Pimpinella, Presidente del Comitato Promotore della Banca. Il presidente Pimpinella ha da un lato ricordato come da un lato la scelta del modello di Banca Popolare (preferito a quello di SpA) abbia lo scopo di radicare la banca nel territorio e rispetto ai cittadini, e dall’altro ha evidenziato, in parallelo al dott. Silvio Paganini (Consigliere del Comitato Direttivo e Direttore Vendite di TravelPort) l’importanza della creazione di un team di alta professionalità per la futura banca. Gli operatori turistici e gli imprenditori, ha spiegato infatti Paganini, hanno un ruolo fondamentale nella progettazione e nella costruzione di una Banca per il turismo, per interpretare le necessità e le potenzialità  del settore e rispondere ad esse con servizi e prodotti disegnati su misura.

Il presidente Pimpinella ha inoltre ripercorso l’evoluzione del progetto negli ultimi cinque anni, definendo l’autorizzazione della CONSOB “una tappa fondamentale raggiunta solo grazie all’attiva partecipazione dei soci promotori, che hanno profuso le proprie energie per gettare le basi di un istituto bancario che si propone il confronto attivo con le problematiche degli operatori del settore turistico, disegnando soluzioni finanziarie innovative e mirate”.

All’incontro ha partecipato anche Andrea Babbi, Amministratore Delegato di APT Servizi Regione Emilia Romagna, nonché  neo-direttore generale di ENIT: Babbi ha tra l’altro evidenziato l’importanza per le imprese turistiche di accedere ai nuovi strumenti di incasso e pagamento elettronici, nonché a meccanismi di finanziamento che sappiano valutare appieno la potenzialità di un’iniziativa imprenditoriale.

La presentazione è stata completata dal Consigliere del Comitato direttivo del Comitato Promotore, dott. Aureliano Gentilini, e dall’ avv. Marco Zechini, legal advisor nel processo autorizzativo CONSOB. Gentilini e Zechini hanno illustrato i termini, le innovazioni e i vantaggi dell’offerta pubblica di sottoscrizione, che, ricordiamo,  è partita il giorno 11 ottobre 2012 e si concluderà il 24 settembre 2013.  La quota minima di sottoscrizione è pari a n. 1 (una)  azione del valore nominale di €2.500,00,  fino ad un massimo di n. 17 azioni per un totale di €42.500,00 nel caso in cui il capitale sottoscritto ammonti a €8.500.000,00, ovvero di n.  24 azioni per un totale di €60.000,00 nel caso in cui il capitale sottoscritto ammonti a  €12.000.000,00. Il controvalore delle azioni sottoscritte dovrà essere versato al termine della raccolta di tutte le sottoscrizioni, ancorché i sottoscrittori (persone fisiche o giuridiche) dovranno perfezionare il proprio impegno alla sottoscrizione di azioni della costituenda Banca Popolare del Turismo tramite un atto notarile.

 

Per ulteriori informazioni:

Responsabile Relazioni esterne: Dott.ssa Francesca Rossetti

email: relazioniesterne@comitatopromotorebancapopolaredelturismo.it

Telefono: 06 44254401

www.comitatopromotorebancapopolaredelturismo.it

 

Indagine SRM: il turismo nel Sud traina il settore, ma continuano i problemi. Che fare?

18 ottobre 2012 ·

“La Rassegna Economica”, periodico di analisi economica e finanziaria curato dall’Ufficio Studi del Banco di Napoli e da SRM-Studi e Ricerche per il Mezzogiorno, ha presentato una nuova indagine sull’andamento del turismo nel Sud Italia nell’anno 2011, visionabile all’indirizzo web http://www.sr-m.it/numeri-rassegna.
Secondo l’analisi, nel nostro paese nel 2011 i pernottamenti sono calati del 15,1% e i viaggi nel loro insieme (anche senza pernottamento) del 16,1%. L’indagine conferma la tendenza generale rilevata da tutte le fonti statistiche, secondo cui la domanda interna, in forte calo, è compensata da un aumento delle presenze straniere: la spesa turistica straniera nel 2011 è stata di 3.875 mln di euro (circa il 13% del totale italiano), in crescita del +6% rispetto al 2010.
L’Italia possiede inoltre il maggior numero di stanze d’albergo in Europa (2.251.217) ed è al terzo posto come numero di esercizi alberghieri (33.890); il turismo ha un’ incidenza del 5,4% sul Pil nazionale e una percentuale del 6% al valore aggiunto totale dell’economia.
Per quanto riguarda il Sud, spicca soprattutto il dato sul numero di posti letto (1,2 milioni: il 26% del totale posti letto nazionale, un numero superiore al totale di Paesi Bassi, Grecia e Austria). Gli alberghi nel sud Italia, secondo l’indagine, sono 6970, il 21% del totale italiano; Gli occupati nel settore alberghi e ristoranti al Sud, sono 275.900 unità (pari al 4% dell’Italia e al 22% degli occupati meridionali; il Valore aggiunto apportato dal turismo nel Mezzogiorno, infine, è di 17,4 mld di € (circa il 21% dell’Italia), pari al 5,4% del valore aggiunto totale meridionale.
Dati positivi, dunque, che tuttavia non mettono in secondo piano i problemi. L’Italia è infatti solo al 27° posto nell’indice di competitività internazionale del sistema Travel & Tourism, e il 47,5% dei posti letto nazionali è ancora classificabile come parte di strutture ricettive alberghiere di tipo tradizionale, soprattutto al Sud non sempre in grado di rispondere alle esigenze dei turisti BRIC, che sono sempre più interessati a strutture di nuova concezione, dal b&b ecologico all’ostello: occorre lavorare soprattutto su questa strada di modernizzazione, suggerisce l’indagine, che evidenzia anche come nel Sud il 27% delle strutture ricettive siano alberghi, contro il 22% della media italiana, e come la spesa media dei turisti stranieri nel Sud Italia sia inferiore alla media nazionale: 70,3 euro al giorno contro 92,2 euro al giorno. (Nella foto: Massimo De Andreis, direttore generale di SRM-Studi e ricerche per il Mezzogiorno).

Un approfondimento sulla ricerca di SRM sarà pubblicato nel prossimo numero di “Hospitality Business Magazine”, il  magazine ufficiale di HBConsortium.

Finanza: parte l’Offerta Pubblica di Sottoscrizione per la “Banca Popolare del Turismo”

11 ottobre 2012 ·

Presentazione ufficiale del progetto il 19 ottobre, all’interno di TTG Incontri

Parte oggi 11 ottobre  l’OPS per il  capitale sociale della futura “Banca Popolare del Turismo”. Il comitato promotore della Banca ha infatti ricevuto da Consob il via libera alla pubblicazione del  Prospetto Informativo sulla sottoscrizione, che si chiuderà il 24 settembre 2013.  Il progetto della Banca, avviato nel 2010, si propone secondo il Comitato di unire al credito tradizionale programmi di sostegno e crescita per gli operatori turistici, con al centro la cultura del risparmio e del reinvestimento, la digitalizzazione del settore e la diffusione dell’e-commerce. La Banca Popolare del Turismo ha adottato come forma giuridica di società cooperativa per azioni. La quota minima per la sottoscrizione è pari a un’azione (valore nominale 2.500 euro) e la quota massima è pari allo 0,50% del capitale sociale sottoscritto; il numero totale di azioni offerte è compreso tra 3400  e 4800, corrispondenti quindi a un importo di capitale sociale  tra 8.500.000 e 12.000.000 di euro. La presentazione ufficiale del progetto avverrà il prossimo 19 ottobre a Rimini Fiera, in occasione di TTG Incontri.

Per informazioni: http://www.comitatopromotorebancapopolaredelturismo.it

A BrixiaExpo torna la Borsa Nazionale del turismo lacustre

3 ottobre 2012 ·

Appuntamento per il 5 ottobre presso il polo espostivo di Brescia

Venerdi 5 ottobre è in programma presso BrixiaExpo, il polo fieristico di Brescia, l’edizione 2012 della “Borsa Internazionale dei Laghi d’Italia”, da 16 edizioni appuntamento centrale per gli operatori del turismo lacustre italiano e dell’indotto collegato. Afferma Marco Citterio, ad di Fiera Brescia: “Borsa dei Laghi è un format vincente, permette agli operatori di conoscersi, di incontrarsi realmente, e in un’epoca del ‘virtuale’ questi incontri face-to-face conferiscono  un valore aggiunto inestimabile all’appuntamento tra gli operatori presenti. Ancora una volta la Fiera mette in mostra  l’eccellenza italiana, in questo caso l’eccellenza dei servizi e gli elevati standard qualitativi  dell’offerta lacustre, molto apprezzata all’estero. In una giornata esclusivamente business la Borsa  dei Laghi rappresenta, per il sedicesimo anno, un appuntamento da non perdere, occasione  importante non solo per aprire o consolidare affari e contatti commerciali, ma soprattutto per un  confronto culturale e professionale tra gli operatori, che ci auguriamo possa essere da stimolo”.

Per informazioni: Ufficio stampa 030 34 63  495;  ufficiostampa@immobiliarefiera.it; www.brixiaexpo.it

Incontro Gnudi-Regioni al ministero degli Affari Regionali

19 settembre 2012 ·

Pronto entro fine 2012 il Piano Nazionale per il Turismo

Il Piano Strategico Nazionale del Turismo è al centro dell’importante incontro in programma per oggi 19 settembre presso il ministero degli Affari Regionali tra il ministro del Turismo Piero Gnudi e  i rappresentanti delle Regioni. L’incontro produrrà un documento di programmazione strategica che sarà in seguito sottoposto all’attenzione del premier Monti, e toccherà tutti i temi oggetto di polemiche negli ultimi mesi: la gestione della tassa di soggiorno, le politiche troppo dispersive di promozione internazionale del turismo italiano, le richieste (avanzate da enti di settore e regioni) di detassare e incentivare l’ammodernamento delle strutture ricettive e le iniziative a sostegno del turismo nelle zone terremotate. Nel corso della conferenza stampa di presentazione della Giornata Nazionale del Turismo (in programma a Campobasso il 29 e 30 settembre e dedicata al tema del turismo sostenibile) il ministro Gnudi ha dichiarato in proposito:  “’Il Piano non è soltanto mio ma dovrà essere condiviso con le Regioni e da loro domani mi attendo gli opportuni suggerimenti e valutazioni per poter rilanciare presto il turismo italiano”, che secondo il ministro è stato per troppo tempo trattato come un’ “attività di seconda categoria”.

Bicocca: aperte le iscrizioni al Master “Comunicare il turismo sostenibile”

24 luglio 2012 ·

Il corso annuale  è organizzato in partnership con Provincia di Milano.

Sono aperte fino al 4 settembre le iscrizioni al Master di primo livello “Comunicare il turismo sostenibile”, organizzato da Università di Milano-Bicocca e dedicato alla comunicazione e alla promozione del turismo responsabile e green. Il corso, di durata annuale, sarà incentrato su temi come politiche ambientali, valorizzazione del patrimonio culturale e naturale, principi di ecologia e indicatori di sostenibilità, applicati nei percorsi didattici alle forme di comunicazione moderna come editoria, fotografia, web e tv. Partner principale del master è Provincia di Milano-Settore Turismo, che intende in questo modo rafforzare le professionalità in vista della progettazione di Expo 2015 e dei suoi itinerari turistici sul territorio, e ospiterà uno degli stage finali del master. Il bando e le informazioni sul programma didattico sono disponibili all’indirizzo http://www.unimib.it/open/news/Comunicare-il-turismo-sostenibile/6950671967080530722.

Pagina successiva »