Accordo AICA-Assoimmobiliare: verso un nuovo laboratorio per il turismo

13 Marzo 2013 ·

AICA-Associazione Italiana Confindustria Alberghi e Assoimmobiliare, l’Associazione dell’Industria Immobiliare aderente a Confindustria e ad AICA,  hanno siglato un accordo di collaborazione per la crescita dell’attrattività delle strutture turistico-ricettive nazionali. L’accordo si tradurrà in un Laboratorio di analisi e operatività sul territorio, con iniziative di analisi del mercato, proposte di perfezionamenti normativi e un sostegno specifico alle imprese private, legato soprattutto alle opportunità derivate dalle valorizzazioni e dismissioni del patrimonio immobiliare pubblico. In una nota stampa diffusa da AICA si mette in evidenza come il rilancio del settore sia un’urgenza non più rinviabile, legato alla situazione di stallo dell’intero comparto: secondo i dati dell’ Osservatorio AICA, il turismo contribuisce per il 9% al PIL nazionale, ma l’Italia ha perso nel tempo rilevanti quote di mercato a causa di un’offerta incapace di modernizzarsi e di seguire le tendenze tecnologiche e di mercato del turismo contemporaneo. AICA evidenzia inoltre un’eccessiva incidenza delle città d’arte tradizionali sul mercato turistico italiano, che limita la possibilità di sviluppo di location alternative e meno conosciute, soprattutto nel Sud; infine l’Osservatorio mette in luce la necessità di intervenire sul RevPar, in calo anche nel Nord Italia (dal -2,3% di Milano al -12,5% di Genova) e la forte difficoltà del turismo marittimo, uno dei tradizionali punti di forza dell’offerta nazionale, in contrasto col trend di crescita (+8,2%) del sistema turistico del bacino Mediterraneo.

(Fonte e info: AICA Confindustria)

Legambiente e TCI: presentata la Guida Blu 2012

26 Giugno 2012 ·

Premiate con le “vele” le migliori località balneari italiane: in testa la Sardegna
È stata presentata da Legambiente e TCI l’edizione 2012 della Guida Blu, il tradizionale volume che raccoglie le  “vele”, ovvero i riconoscimenti di qualità assegnati ai comuni balneari italiani dalle due associazioni. I parametri di giudizio vanno dalla pulizia delle acque alla qualità ambientale e alla qualità dei servizi ricettivi, fino all’impegno nella difesa del territorio e nelle politiche di sviluppo energetico. Il comune balneare premiato come miglior sistema turistico è quest’anno Santa Maria Salina (Me), nell’arcipelago delle Eolie, seguìto da Pollica (SA), Posada (NU), Castiglione della Pescaia (GR), Capalbio (GR), Villasimius (CA), San Vito lo Capo (TP), Bosa (OR), Noto (SR), Ostuni (BR), Maratea (PZ), Baunei (OG) e Melendugno (LE). Spazio nell’indagine anche per le località lacustri, sei delle quali hanno ricevuto il massimo riconoscimento, le “5 vele”: Appiano sulla Strada del Vino (Lago di Monticolo, BZ), Fiè allo Sciliar (Lago di Fiè, Bz), Molveno e il lago omonimo (TN), Bellagio (Lago di Como, l’unico “5 vele” lombardo), Massa Marittima (Lago dell’Accesa, GR) e Tuoro sul Trasimeno (Lago Trasimeno). La guida è acquistabile sul sito di TCI a prezzo scontato per i soci dell’associazione. (Fonte: TCI)