Trivago presenta l’indagine tHPI 2012: prezzi medi in calo in Europa, ma in salita nelle capitali

17 Gennaio 2013 ·

Il motore di ricerca per prezzi alberghieri Trivago ha pubblicato i risultati dell’analisi 2012 condotta da tHPI – trivago Hotel Price Index (tHPI), l’osservatorio dedicato al monitoraggio del mercato alberghiero europeo che opera sulla base di 1 milione di richieste quotidiane di comparazione prezzi gestite da Trivago.

Le tendenze per il 2012 mostrate dall’indagine tHPI vedono un leggero calo del prezzo medio delle strutture in Europa, che tuttavia non ha riguardato tutte le maggiori mete turistiche, molte delle quali presentano invece la tendenza opposta. Ad esempio Londra (203 euro a notte) e Parigi (179 euro a notte) segnano un aumento di tariffe rispettivamente del +9% e del +8% che le rende la seconda e la quarta tra le città più care in Europa a livello di servizi alberghieri. In testa rimane Ginevra (242 euro a notte), mentre il +1% dei prezzi fatto registrare da Venezia (196 euro) le permette di sorpassare la stessa Parigi in questa speciale classifica.

Anche nell’Est Europa è consistente la crescita dei prezzi (oscillante tra il +5% di Budapest e Istanbul e il +9% di Praga), che testimonia un’ormai raggiunta capacità di fare concorrenza alle più tradizionali mete mediterranee ed atlantiche; i prezzi rimangono peraltro ancora molto bassi e concorrenziali, come dimostra la Bulgaria, il paese più economico con una media di soli 66 euro a notte.

Anche a livello nazionale si ripresenta la stessa tendenza, come nel caso di Firenze, che vede un aumento del 5% del costo medio di una stanza per notte (134 euro), contro i 135 di Roma e i 151 di Milano.  Nel complesso l’Italia, con una media di 129 euro a notte, segna un calo medio del prezzo dell’1% rispetto al 2011 ed è al sesto posto tra i paesi più costosi: il nostro paese è quindi più conveniente rispetto a Svizzera (209 euro), Svezia (153), Francia (151) e Gran Bretagna (144 euro), ma soffre la concorrenza di Germania (106 euro), Spagna (100 euro) e Grecia (90 euro).

A livello regionale la classifica è invece la seguente:

Veneto    156 €

Lombardia 138 €

Trentino Alto Adige 134 €

Lazio 134 €

Valle d’Aosta 128 €

Toscana 124 €

Sardegna 117 €

Liguria 115 €

Campania 111 €

Basilicata 108 €

Marche 106 €

Piemonte 106 €

Puglia 106 €

Friuli Venezia Giulia 102 €

Emilia-Romagna 102 €

Sicilia              99 €

Umbria 95 €

Calabria 95 €

Molise 91 €

Abruzzo 86 €

Sempre per il mercato interno, infine, le destinazioni cittadine più economiche sono San Giovanni Rotondo (64 euro a notte), Sassari (69 euro), Trapani e Agropoli (71 euro) e, a sorpresa, Pompei (73 euro). I prezzi più alti sono invece quelli di località di lusso come Madonna di Campiglio (210 euro), Cervinia (201 euro) e Capri (200 euro).

(Fonte: www.trivago.it)

Thpi Trivago: una stagione controversa per il turismo invernale

11 Gennaio 2012 ·

Forti oscillazioni dei prezzi per l’hospitality italiano tra dicembre e gennaio

L’ultimo report di Thpi Trivago conferma la difficile leggibilità della situazione del turismo invernale nella stagione 2011-2012, anche  a livello di listini alberghieri. I dati appaiono molto variabili da regione a regione: se i listini in Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta aumentano del 7% e del 3%, la Lombardia subisce un calo quasi equivalente. Balzano rispettivamente dell’ 11% e del 13% il costo di una camera doppia standard a Madonna di Campiglio (331 euro) e a Cervinia (274 euro), mentre il prezzo a Livigno scende del 7% e a Bormio del 5%. In forte calo anche le tariffe a Cortina (-21%), peraltro al centro dell’attenzione in questi giorni per i controlli fiscali sugli esercizi commerciali. Migliore la situazione sull’Appennino e al Sud,  dove il prezzo medio in camera doppia trova punte di convenienza a Roccaraso (Abruzzo, 91 euro a notte) e a Linguaglossa (sull’Etna), con un costo di 67 euro.

(Fonte: Trivago/TTG)

Trivago lancia il programma “Hotel test”

29 Novembre 2011 ·

Il motore di ricerca turistico trasforma il turista in un “mystery shopper”

Il motore di ricerca alberghiera Trivago.it lancia “Hotel test”, il primo programma sperimentale di “mystery guest” per il turismo.  Il “mystery guest” è la pratica di marketing in cui un esperto di settore si finge un cliente e testa in questo modo la qualità del personale. In “Hotel test” sarà invece direttamente il turista a fare da “shopper”, e alla fine del soggiorno compilerà una valutazione online in forma anonima,  premiata con sconti e bonus sulle tariffe. L’albergatore riceverà a sua volta un report utile al suo posizionamento sul mercato.  Il progetto sarà presentato il prossimo 2 dicembre a Firenze in occasione di BTO 2011. Commenta Giulia Eremita, Country manager di trivago.it: “l’Hotel Test è un prodotto di evoluzione nel campo delle tecnologie 2.0 applicate al turismo che raccoglie l’esperienza delle recensioni dei viaggiatori, supera i limiti dovuti alla unicità, quindi soggettività, dell’esperienza di viaggio in sé, per dargli così una forma più scientifica e targettizzata”.

(Fonte: TTG)