Confesercenti: inflazione e accise benzina pesano sul turismo

5 Luglio 2011 ·

L’aumento record dell’inflazione rilevato dall’Istat (2,7%, il dato più alto dal 2008) e le previsioni di aumento delle accise sulla benzina nella nuova manovra economica del governo sono commentati con preoccupazione in una nota di Confesercenti. L’ente li definisce “l’ennesimo colpo basso contro il nostro turismo” e afferma che “la crescita dell’inflazione non può derubricare la questione consumi e gli interventi  a sostegno della crescita. Le cause del rialzo sono chiare e dovrebbero suggerire un radicale mutamento di atteggiamento: non guardare solo al cartellino dei prezzi, ma risalire a monte per intervenire sui reali motivi. È legittimo chiedersi ad esempio se sul fronte energetico non debba cessare il tempo delle vacche grasse per lo Stato e i petrolieri”. (Fonte: Reuters)

Antitrust vs. Ryanair: sanzioni e polemica sulle spese aggiuntive

5 Luglio 2011 ·

Nuovo capitolo nel difficile rapporto tra Ryanair e l’Antitrust italiana. Il garante della concorrenza Antonio Catricalà ha infatti multato di 500.000 euro la compagnia irlandese per la mancata indicazione nelle pubblicità e sul sito del vettore dei costi amministrativi opzionali e aggiuntivi rispetto alla tariffa base (servizio di web check-in, supplementi per la carta di credito, IVA sui voli nazionali),  oltre che per altre pratiche commerciali ritenute scorrette verso i consumatori, dalla pubblicazione in lingua inglese delle condizioni contrattuali agli esborsi aggiuntivi richiesti in caso di cambio di prenotazione o riemissione della carta d’imbarco. Il portavoce della compagnia irlandese, Stephen McNamara, ha dichiarato che i clienti possono da tempo evitare di pagare le spese amministrative se all’atto della prenotazione utilizzano una carta di credito prepagata Mastercard, e che la richiesta dell’Antitrust è “scorretta, illogica e fuorviante”. In seguito alla sanzione la compagnia ha annunciato il ricorso in appello.  Nei  mesi precedenti l’Antitrust aveva sanzionato anche altre compagnie, tra cui Alitalia e Easyjet, per un totale di quasi un  milione di euro.