Expo: Firmato protocollo di intesa con il Comune di Monza

19 dicembre 2012 ·

Il Sindaco di Monza Roberto Scanagatti e il General Manager Business Operations di Expo 2015 S.p.A., Christian Malangone, hanno sottoscritto un importante Protocollo di intesa (valido fino al 31 dicembre 2015) sul contributo della provincia briantea all’Esposizione Universale. Il protocollo evidenzia come premessa la varietà di offerta del sistema turistico monzese, che oltre al sistema del Parco, della Villa Reale e dell’Autodromo (730 ettari) comprende un vasto numero di dimore storiche e una rete di strutture congressuali di alto valore. Gestito attraverso un nuovo tavolo di coordinamento comune, l’avvicinamento di Monza e della Brianza a Expo 2015 passerà soprattutto da un sostegno alla promozione e alla visibilità internazionale delle tradizionali attività del territorio locale: enogastronomia e agricoltura si affiancheranno quindi in chiave di eco- sostenibilità e a design, industria del mobile e dell’arredo e produzione artigianale, passando anche da investimenti nel rilancio della formazione scolastica e professionale e delle strutture ricettive.

(Fonte info: c.s. Expo 2015 S.p.A.)

Expo: firmato dai governatori il protocollo di collaborazione tra Piemonte e Lombardia

17 luglio 2012 ·

Il turismo, l’alimentazione e le infrastrutture al centro della collaborazione e della promozione congiunta

I governatori di Piemonte e Lombardia, Roberto Cota e Roberto Formigoni, hanno sottoscritto il 13 luglio a Torino il primo protocollo di collaborazione interregionale per Expo 2015, a cui seguiranno accordi tra Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna.  L’accordo sarà incentrato sulla promozione delle eccellenze territoriali, da realizzare attraverso una cabina di regia comune e attraverso il rafforzamento dell’offerta turistica e di trasporto. Per quest’ultimo si prevede un’integrazione dei diversi mezzi (treni ad alta velocità e trasporto aereo) anche a livello di tariffe e biglietti, mentre per le imprese turistiche e il sistema alberghiero è in programma un piano generale di supporto, anche attraverso scambi organizzativi tra fiere e musei e nuovi pacchetti viaggio dedicati in particolare alle aree lacustri, alle testimonianze storico-architettoniche della Storia delle due regioni (ville storiche, castelli, residenze sabaude e viscontee) e alle aree di eccellenza agroalimentare (sia per la produzione che per la ricerca universitaria legata a energia, veterinaria, zootecnia e biotecnologie) poste in particolare al confine tra le regioni e lungo il bacino del Po.