Expo 2015 a quota 117 paesi. Aderiscono Niger, Laos, Zimbabwe e Malta

17 gennaio 2013 ·

Il Niger è il paese numero 117 ad annunciare l’adesione a Expo 2015, che è ormai prossimo al raggiungimento dell’obiettivo fissato dei 130 paesi partecipanti. Lo stato africano è il quarto paese ad aderire a Expo nel 2013, e la sua adesione all’evento segue di pochi giorni quella di di Laos,  Sovrano Ordine di Malta e Zimbabwe.  I paesi che hanno finora ufficializzato la loro presenza all’Esposizione Universale (a cui mancano poco più di 800 giorni)  sono in ordine cronologico: Svizzera, Montenegro, Azerbaijan, Turchia, Romania, San Marino, Egitto, Perù, Russia, Uruguay, Togo, Germania, Guatemala, Cambogia, Honduras, Mauritania, Slovenia, Principato di Monaco, Uzbekistan, Spagna, Albania, Israele, Kuwait, Colombia, Armenia, ONU, Siria, Iran, Gabon, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Mongolia, India, Georgia, Bolivia, Santa Lucia, Lettonia, Tunisia, Argentina, Lituania, Congo Brazzaville, Ucraina, Bielorussia, Kazakhstan, Sri Lanka, Mali, Algeria, Dominica, Belgio, Repubblica di Palau, Micronesia, Ecuador, Cina, Cile, Emirati Arabi Uniti, Mozambico, Bangladesh, Repubblica Dominicana, Moldova, Nepal, Qatar, Thailandia, Libano, Slovacchia, Tagikistan, Francia, Guinea Bissau, Oman, Corea del Sud, Kirghizistan, Pakistan, Italia, Vietnam, Saint Vincent e Grenadine, Haiti, Uganda, Giappone, Palestina, Austria, Arabia Saudita, Eritrea, Costa Rica, Guinea Conakry, Brunei, Repubblica di Panama, Benin, Yemen, CERN, Congo Kinshasa, Ungheria, Ghana, Gambia, Tanzania, Etiopia, Bulgaria, Indonesia, Vanuatu e Costa d’Avorio, Angola, Iraq, Malesia, Città del Vaticano, Afghanistan, Estonia, Myanmar, Cuba, El Salvador, Paraguay, Nigeria, Zimbabwe, Sovrano Ordine di Malta, Laos e Niger.

Expo tocca quota 111 paesi partecipanti. La Cina ha firmato il contratto di partecipazione

28 novembre 2012 ·

Sale a quota 111 il numero dei paesi partecipanti a Expo 2015. Tra le nuove adesioni spicca quella della Repubblica Popolare Cinese, che il 20 novembre  ha firmato il contratto di partecipazione a Expo 2015 e avrà a disposizione un padiglione da 4590 mq. Il contratto è stato sottoscritto a Roma, presso la Farnesina,  da Wang Jinzhen, Commissario Generale del Padiglione cinese, e da Giuseppe Sala, Amministratore Delegato di Expo 2015 S.p.A. (nella foto),  che ha anche annunciato lo sviluppo di un “Progetto Cina” collegato a Expo e concepito per raggiungere l’obiettivo di un milione di visitatori cinesi durante il periodo di svolgimento di Expo.  Nuove adesioni sono arrivate inoltre nel mese di novembre dalla Turchia, dal Myanmar e da due paesi centroamericani (El Salvador e Cuba).  La scorsa settimana, infine, l’AD Sala ha presentato lo stato dei lavori di preparazione per Expo a Parigi, durante la riunione dei Paesi  aderenti al Bureau International des Expositions, e ha annunciato che sono stati già assegnati 11 spazi per i padiglioni nazionali (il 64% degli spazi disponibili) e altri 6 (il 54% del totale) per i Cluster, ovvero i padiglioni che raggrupperanno diversi Stati partecipanti secondo temi comuni, mentre per altri 18 padiglioni nazionali e 4 cluster sono ancora in corso trattative.

Con Bulgaria e Indonesia Expo raggiunge i 100 paesi partecipanti

3 ottobre 2012 ·

Monti chiede uno sforzo comune delle istituzioni per il successo dell’Esposizione Universale

A meno di 950 giorni dall’apertura (30 aprile 2015) e in anticipo di tre mesi rispetto al termine fissato (fine anno), Expo 2015 ha raggiunto giovedi 27 settembre l’importante obiettivo dei 100 paesi partecipanti all’evento.  Le ultime nazioni ad aderire in ordine di tempo sono state la Bulgaria e l’Indonesia. Tra i principali paesi che hanno aderito finora a Expo ci sono Francia, Spagna, Germania,  Emirati Arabi Uniti, Turchia, Giappone, Cina, Russia e India. L ’annuncio è stato dato a New York dal premier Mario Monti, che ha affermato: Si tratta  di una soglia simbolica che manifesta il grande interesse per la manifestazione che avrà luogo nel 2015”.  Il presidente del Consiglio è poi intervenuto nuovamente sul tema Expo lunedi 1 ottobre, in occasione del Forum della Cooperazione Internazionale che si è tenuto presso il Piccolo Teatro di Milano, e ha invitato “tutte le istituzioni lombarde e milanesi, tutte le forze della società italiana ma in particolare lombarde e milanesi, per questo sforzo impegnativo e collettivo che darà, se avrà successo anche frutti importanti per costruire un permanente cordone ombelicale fra Milano e l’Italia e i Paesi nel mondo che coltivano questi valori e le politiche per realizzare questi valori”.

Expo 2015: arriva l’adesione della Germania

26 settembre 2012 ·

Sale a 98 il numero dei paesi partecipanti

Martedi 25 settembre la Repubblica Federale di Germania ha ufficializzato la presenza a Expo 2015, firmando il relativo contratto di partecipazione. La Germania è il 98° dei paesi che hanno finora confermato l’adesione a Expo, e il suo padiglione occuperà un’area di ben 4913 mq. Soddisfazione è stata espressa da Dietmar Schmitz, Commissario Generale di Sezione del Padiglione Tedesco, e dai responsabili istituzionali di Expo. Ha dichiarato Schmitz: “La Germania, come membro attivo e dedicato della comunità globale, ha sempre partecipato a tutte le Esposizioni Universali autorizzate dal BIE, il Bureau International des Expositions. Anche all’Expo del 2015 saremo  presenti e ancora una volta avremo uno dei padiglioni più grandi. A Milano metteremo in luce le straordinarie capacità e le competenze del nostro Paese: nel padiglione tedesco mostreremo che siamo un popolo cosmopolita e creativo, con un buon senso dell’umorismo”. Secondo Giuseppe Sala, ad di Expo 2015 S.p.A, “siamo in una fase in cui i rapporti operativi con i Paesi partecipanti si stanno facendo sempre più concreti. La firma di oggi ne è un esempio eccellente. La Germania, infatti, avrà un ruolo fondamentale all’interno di Expo Milano 2015: siamo certi che il padiglione tedesco interpreterà in modo originale il tema ‘Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita’. Questo contratto è uno dei migliori biglietti da visita con cui ci presenteremo all’International Participants Meeting di ottobre. L’IPM sarà l’occasione per molti altri Paesi di siglare la propria partecipazione”.

(Fonte: Expo 2015.org)