Expo tocca quota 111 paesi partecipanti. La Cina ha firmato il contratto di partecipazione

28 Novembre 2012 ·

Sale a quota 111 il numero dei paesi partecipanti a Expo 2015. Tra le nuove adesioni spicca quella della Repubblica Popolare Cinese, che il 20 novembre  ha firmato il contratto di partecipazione a Expo 2015 e avrà a disposizione un padiglione da 4590 mq. Il contratto è stato sottoscritto a Roma, presso la Farnesina,  da Wang Jinzhen, Commissario Generale del Padiglione cinese, e da Giuseppe Sala, Amministratore Delegato di Expo 2015 S.p.A. (nella foto),  che ha anche annunciato lo sviluppo di un “Progetto Cina” collegato a Expo e concepito per raggiungere l’obiettivo di un milione di visitatori cinesi durante il periodo di svolgimento di Expo.  Nuove adesioni sono arrivate inoltre nel mese di novembre dalla Turchia, dal Myanmar e da due paesi centroamericani (El Salvador e Cuba).  La scorsa settimana, infine, l’AD Sala ha presentato lo stato dei lavori di preparazione per Expo a Parigi, durante la riunione dei Paesi  aderenti al Bureau International des Expositions, e ha annunciato che sono stati già assegnati 11 spazi per i padiglioni nazionali (il 64% degli spazi disponibili) e altri 6 (il 54% del totale) per i Cluster, ovvero i padiglioni che raggrupperanno diversi Stati partecipanti secondo temi comuni, mentre per altri 18 padiglioni nazionali e 4 cluster sono ancora in corso trattative.

Expo 2015: Diana Bracco presenta il concept per il Padiglione Italia

19 Novembre 2012 ·

La Triennale di Milano ospita martedi 20 novembre alle ore 17.00 la presentazione del tema creativo di base per la progettazione del padiglione italiano a Expo 2015. A illustrare il progetto sarà Diana Bracco, Presidente di Expo 2015 S.p.A e Commissario Generale per il Padiglione Italia, che ha anticipato così l’evento: “Abbiamo deciso di lanciare entro novembre una gara europea per la progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva del Padiglione Italia che si svilupperà lungo il Cardo, e per questo abbiamo organizzato un evento pubblico per raccontare all’intero Paese il concept che sarà alla base di questa prima importantissima gara. Il nostro compito è proporre contenuti di alta qualità che sappiano comunicare ed emozionare”. Il concept è descritto da Bracco come “una vetrina del Sistema Italia e un ponte tra le eccellenze italiane e quelle del resto del mondo” ed è stato curato da Marco Balich, noto in tutto il mondo come organizzatore di eventi di richiamo internazionale, tra cui spiccano le cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi Olimpici: Balich è stato infatti Direttore Creativo ed Executive Producer delle cerimonie a Torino 2006 e a fine 2011 ha vinto la gara internazionale per la produzione esecutiva delle cerimonie dei Giochi di Rio 2016.

Successo per la promozione di Expo 2015 in Brasile

26 Giugno 2012 ·


Formigoni, Clini e Sala ospiti al padiglione italiano del summit “Rio +20” 

Il commissario generale di Expo Roberto Formigoni e l’ambasciatore d’Italia in Brasile, Gherardo Lafrancesca, insieme al ministro dell’ambiente Corrado Clini e all’Amministratore delegato di Expo 2015 spA Giuseppe Sala, hanno presentato i progetti per l’Esposizione Universale in occasione di “Rio+20”, il summit Onu sullo sviluppo sostenibile organizzato a Rio De Janeiro. Durante la presentazione sono stati introdotti i progetti delle Aree Tematiche, in particolare i padiglioni a tema alimentare che raccoglieranno le rappresentanze di più paesi. Secondo Sala I padiglioni saranno 70-75 e rappresenteranno i 140 paesi che sono il nostro obiettivo finale. I 60 maggiori paesi avranno un loro spazio espositivo, gli altri non seguiranno un ordine geografico come avvenuto finora ma tematico. L’Italia avrà lo spazio espositivo più grande con 25 mila metri quadrati”.  Sala ha inoltre aggiunto che nell’area espositiva (1,1 milioni di mq) si attendono 20 milioni di visitatori, ma gli eventi e il sistema interattivo in via di creazione potranno arrivare fino alla cifra del miliardo di contatti. (Fonte: ANSA/Expo 2015)