EcoWorldHotel vince il premio Sviluppo Sostenibile 2012

18 Ottobre 2012 ·

EcoWorldHotel, la catena di eco-hotel sostenibili e di nuova generazione, è tra i vincitori del Premio Sviluppo Sostenibile 2012, istituito per il quarto anno consecutivo dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e da Ecomondo con l’adesione del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. La cerimonia di premiazione avverrà a Rimini il 9 novembre prossimo all’ interno di Ecomondo-Key Energy, la Fiera internazionale del Recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile. Il premio offre riconoscimenti e segnalazioni a 30 aziende il cui impegno nelle tecnologie ambientali ha ricadute positive anche sull’occupazione e sulla ripartenza dell’economia. Tre sono le sezioni del premio: “Rifiuti e risorse”, “Energia e mobilità” e “Prodotti e servizi innovativi ad elevate prestazioni ambientali”. Nelle prime due sezioni i primi premi sono andati rispettivamente al’azienda Policarta di Bassano in Teverina (VT) e a Poste Italiane. Policarta ha progettato infatti un sistema di imballaggio alimentare utilizzabile con normali confezionatrici automatiche, compostabile e riciclabile insieme agli scarti alimentari; Poste Italiane ha avuto un riconoscimento per il progetto di acquisto, entro la fine del 2012, di 700 quadricicli elettrici. La terza sezione ha visto invece premiata EcoWorldHotel, catena che raggruppa 130 strutture ricettive a cui vengono assegnate le eco-foglie, il contrassegno che ne certifica il processo di miglioramento ambientale. Ecoworld è inoltre supportata da un portale per le prenotazioni e da un gruppo di acquisto specializzato in prodotti e servizi ecologici, eco-shop e e-commerce per acquisti di prodotti ecologici. (Nella foto: il presidente di EcoWorldHotel Alessandro Bisceglia).

Dl semplificazioni, novità per turismo ed Expo

1 Febbraio 2012 ·
Novità importanti anche per il comparto nel decreto del governo

Il decreto legge sulle semplificazioni approvato venerdi scorso dal  governo Monti tocca anche il comparto turistico nazionale con interventi sulla gestione dei fondi e di revisione del Codice del Turismo approvato lo scorso anno dal governo Berlusconi. Oltre allo sblocco dei finanziamenti per la realizzazione delle infrastrutture legate a Expo 2015, il decreto prevede iniziative tese a migliorare l’organizzazione del “turismo accessibile” per giovani, anziani e invalidi, a sostenere i circuiti turistici e le località di eccellenza e a ridistribuire i fondi sequestrati alla criminalità organizzata a giovani sotto i 35 anni per l’avvio di imprese nell’ospitalità turistica. Il decreto è attualmente in attesa della firma del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.