Fiavet: “no al canone Rai per pc e tablet”

21 Febbraio 2012 ·

Polemica sulla richiesta di pagamento che ha coinvolto anche le agenzie di viaggi

Il neopresidente di Fiavet, Fortunato Giovannoni, si è espresso in una nota contro l’iniziativa della RAI, che in questi giorni sta inviando la richiesta di pagamento del canone anche ad aziende e agenzie di viaggio, basandosi sul decreto legge del 21 febbraio 1938 che dichiara soggetti al canone tutti gli apparecchi in grado di ricevere trasmissioni, inclusi quindi gli odierni computer, tablet e smartphone.  Secondo Giovannoni, “in un momento di crisi come quello che stiamo attraversando obbligare gli operatori dell’intermediazione turistica al pagamento di questo inutile ulteriore balzello significa sacrificare risorse che le imprese potrebbero invece destinare agli investimenti nel settore turistico, necessari per raggiungere l’obiettivo di portare dal 13 al 18 per cento il Pil del comparto, come auspicato solo alcuni giorni fa dal ministro del Turismo Piero Gnudi”.

(Fonte: TTG)

Turismo nautico, Regioni: sì all’imposta sulle imbarcazioni, no allo stazionamento

1 Febbraio 2012 ·
Presentata al ministro Gnudi la proposta di reintrodurre la tassa sul possesso dei natanti

Tra i temi discussi la scorsa settimana nell’incontro tra i rappresentanti delle regioni e il ministro del Turismo, Piero Gnudi, c’è stato anche il turismo nautico. Su questo tema le organizzazione del settore hanno proposto al ministro la reintroduzione di un’imposta sul possesso dei natanti. Dichiara Mauro Di Dalmazio, coordinatore nazionale degli Assessori al Turismo: “Siamo favorevoli al ripristino di una tassa sull’imbarcazione con una sorta di bollo piuttosto che sul semplice stazionamento degli yacht, che rischia di provocare l’esodo dei turisti verso le coste croate o slovene”. Una posizione confermata anche  da Maurizio Vianello di Confturismo, secondo cui la tassa di stazionamento porterebbe “una riduzione del numero di barche estere, in particolare quelle tedesche”.

(Fonte: TTG)

Brambilla: “Per i Contratti di sviluppo, 400 milioni di euro”

11 Ottobre 2011 ·

Contratti di sviluppo destinati all’industria turistica e un corso di formazione per l’innovazione turistica indirizzato a manager pubblici del settore, realizzato in collaborazione con la Scuola superiore della pubblica amministrazione: queste sono le iniziative illustrate dal ministro del Turismo Michela Brambilla a favore del turismo. Il Contratto di sviluppo prevede una dotazione finanziari iniziale di 400 milioni di euro e vede coinvolte prioritariamente le quattro Regioni Obiettivo Convergenza (Sicilia, Calabria, Puglia e Campania).

Il ministro del Turismo mette a disposizione 400 milioni di euro per i Contratti di sviluppo. “Queste risorse sono un sostegno ai piani di investimento nel settore turistico – ha ribadito Michela Vittoria Brambilla -. Si tratta di uno strumento adottato dall’esecutivo per rafforzare la struttura produttiva del Paese, prioritariamente nelle Regioni del cosiddetto ‘Obiettivo convergenza’, ovvero  Sicilia, Calabria, Puglia e Campania”. Il contratto di sviluppo è stato creato come strumento atto a favorire la crescita delle imprese italiane e attrarre investimenti dall’estero, soprattutto nelle aree del Sud. Possono ottenere le agevolazioni le imprese di qualsiasi dimensione che promuovano progetti di investimento nelle aree sottoutilizzate, mentre nelle altre aree del territorio nazionale possono accedere alle agevolazioni esclusivamente le pmi. Il sostegno economico può arrivare sino al 50% del valore attualizzato dell’investimento ammesso. Le risorse possono essere concesse come contributo in conto impianti o in conto interessi, contributo alla spesa, finanziamento agevolato. Nel caso di programmi di sviluppo turistico l’importo complessivo degli investimenti ammissibili non può essere inferiore a 22,5 milioni di euro. “Si favoriscono – ha ricordato il ministro Brambilla – le reti d’impresa e la messa a sistema della vitalità imprenditoriale dei territori, in linea con il principio dei distretti turistici”. (Fonte: TTG)