I Saloni 2012 battono il record di presenze. Monti tra gli ospiti

3 maggio 2012 ·

2700 espositori e oltre 330.000 per i cinque saloni dell’arredamento organizzati da  Cosmit a Rho Fiera Milano

Si è chiusa domenica 22 aprile l’edizione 2012 dei Saloni, organizzati da Cosmit nei padiglioni di Rho Fiera Milano. La 51° edizione dei Saloni ha fatto registrare il record di presenze e ha raccolto una grande attenzione da parte dei media nazionali e non solo, anche grazie alla presenza delle principali autorità governative, su tutte il premier Mario Monti, e di figure di rilievo del mondo industriale ed economico come il nuovo Presidente incaricato di Confindustria Giorgio Squinzi.  I Saloni Internazionali del Mobile, del Bagno e del Complemento d’Arredo, il  Salone Satellite e la biennale Eurocucina hanno ospitato 2700 espositori internazionali e oltre 330.000 visitatori (292.370 dei quali operatori del settore, con una crescita del 3,5% rispetto all’edizione 2011). Quasi 190.000 gli operatori esteri, con un aumento del 5,9% rispetto al 2011. Grande successo di pubblico anche per gli eventi del Fuori Salone, con lunghe code alle biglietterie per spettacoli come “Design Dance”, tenutosi presso il Teatro dell’Arte della Triennale. Un’edizione all’insegna dunque dell’incontro tra casa e cultura urbana, come sottolineato dal presidente di Cosmit Carlo Guglielmi, ma anche della volontà e necessità di rilancio di un settore che come affermato dal premier Monti, in visita al Salone nella giornata di sabato 21 aprile, produce il 3% del Pil nazionale.

Torna alla home e consulta altre news

Expo 2015: 78 paesi, confermata la partecipazione del Giappone

4 aprile 2012 ·

II Primo ministro giapponese Noda ha comunicato al premier Monti l’adesione di Tokyo all’evento

Anche il Giappone parteciperà a Expo 2015. La notizia è stata annunciata dal Primo ministro Yoshihiko Noda al premier Mario Monti in occasione del viaggio in Oriente che sta impegnando in questi giorni il capo del governo. L’adesione di Tokyo porta a 78 il numero dei paesi che hanno finora aderito all’Esposizione Universale, tra i quali spiccano Francia, Germania, India e Russia. Sodddisfazione nei commenti del premier, ma anche in quelli dei commissari all’evento, Roberto Formigoni e Giuliano Pisapia, e dell’AD di Expo 2015 Giuseppe Sala. Sala ha sottolineato l’impegno del governo per la promozione di Expo e l’importanza della partnership col Giappone: il paese nipponico ha infatti dedicato la sua Esposizione Universale del 2005 (tenuta nella città di Aichi) ai temi dell’ecosostenibilità e del rapporto tra tecnologia, natura e alimentazione che saranno anche al centro di Expo 2015, e porterà quindi un contributo organizzativo e tematico tra i più importanti per l’Esposizione Universale. 

(Fonte: Expo 2015)

Torna alla home e consulta altre news

Dl semplificazioni, novità per turismo ed Expo

1 febbraio 2012 ·
Novità importanti anche per il comparto nel decreto del governo

Il decreto legge sulle semplificazioni approvato venerdi scorso dal  governo Monti tocca anche il comparto turistico nazionale con interventi sulla gestione dei fondi e di revisione del Codice del Turismo approvato lo scorso anno dal governo Berlusconi. Oltre allo sblocco dei finanziamenti per la realizzazione delle infrastrutture legate a Expo 2015, il decreto prevede iniziative tese a migliorare l’organizzazione del “turismo accessibile” per giovani, anziani e invalidi, a sostenere i circuiti turistici e le località di eccellenza e a ridistribuire i fondi sequestrati alla criminalità organizzata a giovani sotto i 35 anni per l’avvio di imprese nell’ospitalità turistica. Il decreto è attualmente in attesa della firma del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Roma: cautela del governo sulle Olimpiadi 2020

17 gennaio 2012 ·
Presentato al Ministro del Turismo Gnudi lo studio di fattibilità sulla candidatura della capitale

L’austerity imposta dal governo Monti potrebbe toccare anche progetti come la candidatura di Roma ai Giochi Olimpici del 2020. La presentazione al governo di uno studio di fattibilità, avvenuta il 12 gennaio in Campidoglio, è stata accolta con freddezza dal ministro dello Sport e Turismo, Piero Gnudi, che ha definito di competenza del Governo e non del suo Ministero la decisione finale sulla proposta. Nonostante le cifre allettanti proposte dallo studio (un contributo statale di 4,7 miliardi di euro per l’evento quasi completamente coperto da aumenti di gettito erariale, oltre a una possibile crescita dell’ 1,4% per il Pil e 170 mila nuovi posti di lavoro, anche nel turismo), il ministro Gnudi sembra aver confermato la priorità data al controllo della spesa pubblica anche nel settore turistico, dichiarando: “Le Olimpiadi rappresentano un impegno finanziario oneroso soprattutto in questo momento, in cui con un punto di spread, che vale 20 miliardi, si fanno tre Olimpiadi: da parte del Governo c’è entusiasmo ma abbiamo anche i piedi per terra, perchè è un momento difficile per il Paese in cui non si possono fare errori”.

Iva, imposta di soggiorno e Ici: polemiche sulla manovra

13 dicembre 2011 ·

Confturismo Veneto e Confcommercio chiedono l’abolizione della tassa di soggiorno

La decisione del governo Monti di reintrodurre l’ICI e l’ipotesi di un innalzamento al 12% delle aliquote Iva sembra destinata ad accendere polemiche anche nel sistema turistico. Le regioni Veneto, Emilia Romagna e Toscana sono infatti in prima linea nella richiesta di compensare la reintroduzione della tassa sulla casa (ora chiamata IMU) con la cancellazione totale della tassa di soggiorno nei comuni e nelle regioni turistiche, incluse le amministrazioni nelle quali è al vaglio da mesi l’effettiva introduzione dell’imposta.  Confturismo Veneto si è dichiarata favorevole ai “benefit” fiscali proposti per i comuni dal governo nella manovra, ma ritiene che il mantenimento della tassa di soggiorno annullerebbe e renderebbe inutili questi stessi interventi. Anche le rappresentanze di Confcommercio di città come Pisa, Rimini e Ravenna e della regione Emilia Romagna hanno richiesto con forza la stessa misura, e in una nota congiunta Federalberghi-Associazione provinciale albergatori di Confcommercio Reggio Emilia e Assoturismo-Confesercenti Reggio Emilia hanno definito la tassa di soggiorno “un balzello antiquato e oneroso, antituristico, antieconomico e antisviluppo”.

Manovra Monti: giallo sulla sorte di Enit

6 dicembre 2011 ·
Il governo progetta di dividere tra più ministeri le funzioni dell’Agenzia per il Turismo.
 
 Cresce l’incertezza sulla proposta di dismissione dell’ENIT contenuta nella manovra economica. La prima bozza del Documento di Programmazione Economica, circolata nella giornata di ieri, stabiliva infatti la soppressione dell’ente e il trasferimento di funzioni e personale ai Ministeri dello Sviluppo Economico, degli Affari Esteri e dell’Economia. Dopo la reazione negativa di Paolo Zona, presidente di Federcongressi & Eventi, che in una nota aveva definito la decisione “lobbystica”, il provvedimento sembra essere stato eliminato dal testo definitivo (firmato questa mattina dal presidente Napolitano) e sostituito con una più generica “riorganizzazione” da completare entro i prossimi 6 mesi. Se confermato, il piano originario del governo prevede invece l’attribuzione delle funzioni di ENIT al ministero guidato da Corrado Passera. Agli Affari Esteri spetterebbe invece la ricollocazione del personale che lavora all’estero, mentre l’Economia dovrebbe gestire in un apposito fondo le risorse già destinate ad ENIT (circa 60 milioni di euro dal 2012 al 2014).  

Federalberghi, Bocca: “sostegno al nuovo Governo”

22 novembre 2011 ·

Il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca ha rivolto il suo messaggio di auguri al nuovo presidente del consiglio Mario Monti. Bocca ha dichiarato che gli albergatori italiani non faranno mancare il proprio sostegno alle riforme necessarie per riportare il Paese sulla strada della competitività e della ricrescita. Bocca ha inoltre messo in evidenza la disponibilità, da parte della federazione, a intraprendere “ogni iniziativa utile a favorire lo sviluppo dell’economia turistica, che possa offrire un contributo decisivo all’incremento del reddito e dell’occupazione.”

(Fonte: TTG)