UpOnLine:FORMAZIONE TRASVERSALE A DISTANZA PER APPRENDISTI

18 ottobre 2012 ·

 

Con HBConsortium e AFOR anche la formazione turistica diventa facile e sicura.

La collaborazione tra HBConsortium e AFOR sas, ente di Formazione accreditato presso la Regione Lombardia, rende oggi più vantaggioso espletare i nuovi obblighi di legge stabiliti per gli apprendisti che si apprestano a iniziare un percorso professionale, anche nel settore turistico.

La normativa sul tema, riformata con il D.lgs n.167/2011 (il “Testo Unico dell’Apprendistato”), obbliga infatti tutti gli apprendisti, indipendentemente da titolo di studio e anno di assunzione, a integrare la loro formazione di base in azienda (formazione professionalizzante, regolata dai contratti nazionali collettivi, comunque non inferiore ad 80 ore annue e seguita da un tutor aziendale) con un corso da svolgere presso un’Agenzia Formativa (formazione trasversale) riconosciuta a livello istituzionale; questo vuol dire allontanarsi dal posto di lavoro per almeno mezza giornata per volta, indipendentemente dalle esigenze lavorative della giornata.

Secondo la nuova normativa la formazione di base e/o trasversale si rivolge a tutti gli apprendisti, indipendentemente dal titolo di studio, dall’anno di assunzione, o dall’ente che li assume, e prevede il seguente monte ore di corso:

  • 40 ore nel triennio per apprendisti in possesso di laurea;
  • 2 percorsi da 40 ore l’uno nel triennio, per i diplomati
  • 3 percorsi da 40 ore l’uno nel triennio per chi è in possesso di titolo della scuola dell’obbligo.

AFOR propone dunque a partire da fine novembre 2012 “UpOnLine”, un corso trasversale di 40 ore utilizzabile in modalità FAD (formazione a distanza) e suddiviso come da normativa:

  • Diritti e doveri del lavoratore e dell’impresa (8h)
  • Sicurezza nell’ambiente di lavoro (8h)
  • Relazione e comunicazione nell’ambito di lavoro (8h)
  • Organizzazione aziendale  (8h)
  • Qualità  (8h)
  • Totale:  40h

La piattaforma di Afor propone una serie di testi, seguiti dal relativo test che garantisce al partecipante la tracciabilità del tempo trascorso; in questo modo è possibile verificare il tempo in cui ci si è connessi di volta in volta e, a termine del percorso di formazione, richiedere l’attestato finale certificante le 40 ore, attestato riconosciuto da Regione Lombardia.

Per ottenere l’attestato l’allievo dovrà prendere parte all’intero percorso formativo: in orario di lavoro, è sufficiente collegarsi  per anche solo tranche di mezz’ora; dal momento in cui si ricevono le credenziali di accesso ad UpOnLine l’apprendista avrà a disposizione 10 mesi per concludere il percorso.

Il costo del corso è di 390 euro + Iva; per chi si iscrive tramite HBConsortium il costo è invece di 340 euro + Iva.

Servizio offerto da HBConsortium grazie alla collaborazione con AFOR.

Vai alla Scheda di Presentazione

Scarica il modulo di iscrizione

 

Bottone_Richiedi Info

 

 

 

Bottone_Torna Fornitori

 

 

 

Con Bulgaria e Indonesia Expo raggiunge i 100 paesi partecipanti

3 ottobre 2012 ·

Monti chiede uno sforzo comune delle istituzioni per il successo dell’Esposizione Universale

A meno di 950 giorni dall’apertura (30 aprile 2015) e in anticipo di tre mesi rispetto al termine fissato (fine anno), Expo 2015 ha raggiunto giovedi 27 settembre l’importante obiettivo dei 100 paesi partecipanti all’evento.  Le ultime nazioni ad aderire in ordine di tempo sono state la Bulgaria e l’Indonesia. Tra i principali paesi che hanno aderito finora a Expo ci sono Francia, Spagna, Germania,  Emirati Arabi Uniti, Turchia, Giappone, Cina, Russia e India. L ’annuncio è stato dato a New York dal premier Mario Monti, che ha affermato: Si tratta  di una soglia simbolica che manifesta il grande interesse per la manifestazione che avrà luogo nel 2015”.  Il presidente del Consiglio è poi intervenuto nuovamente sul tema Expo lunedi 1 ottobre, in occasione del Forum della Cooperazione Internazionale che si è tenuto presso il Piccolo Teatro di Milano, e ha invitato “tutte le istituzioni lombarde e milanesi, tutte le forze della società italiana ma in particolare lombarde e milanesi, per questo sforzo impegnativo e collettivo che darà, se avrà successo anche frutti importanti per costruire un permanente cordone ombelicale fra Milano e l’Italia e i Paesi nel mondo che coltivano questi valori e le politiche per realizzare questi valori”.

Expo: firmato dai governatori il protocollo di collaborazione tra Piemonte e Lombardia

17 luglio 2012 ·

Il turismo, l’alimentazione e le infrastrutture al centro della collaborazione e della promozione congiunta

I governatori di Piemonte e Lombardia, Roberto Cota e Roberto Formigoni, hanno sottoscritto il 13 luglio a Torino il primo protocollo di collaborazione interregionale per Expo 2015, a cui seguiranno accordi tra Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna.  L’accordo sarà incentrato sulla promozione delle eccellenze territoriali, da realizzare attraverso una cabina di regia comune e attraverso il rafforzamento dell’offerta turistica e di trasporto. Per quest’ultimo si prevede un’integrazione dei diversi mezzi (treni ad alta velocità e trasporto aereo) anche a livello di tariffe e biglietti, mentre per le imprese turistiche e il sistema alberghiero è in programma un piano generale di supporto, anche attraverso scambi organizzativi tra fiere e musei e nuovi pacchetti viaggio dedicati in particolare alle aree lacustri, alle testimonianze storico-architettoniche della Storia delle due regioni (ville storiche, castelli, residenze sabaude e viscontee) e alle aree di eccellenza agroalimentare (sia per la produzione che per la ricerca universitaria legata a energia, veterinaria, zootecnia e biotecnologie) poste in particolare al confine tra le regioni e lungo il bacino del Po.

“Invest in Lombardy”: rilanciare Milano come destinazione business

10 luglio 2012 ·

Al via un programma di promozione  e sostegno agli investimenti stranieri nel nostro territorio

Viene presentato oggi  10 luglio a Milano, presso Palazzo Turati, il progetto “Invest in Lombardy”, curato da Unioncamere Lombardia, Camere di Commercio lombarde e Promos, con il supporto di Regione Lombardia. L’iniziativa nasce da una doppia consapevolezza: gli investimenti esteri rivestono un’importanza sempre maggiore per il rilancio dell’economia italiana, e dalla Lombardia passa  oltre il 70% dei capitali stranieri diretti poi nel resto del nostro Paese. Per questo l’iniziativa si propone di trasformare  Milano in una destinazione business competitiva con le altre capitali europee, attraverso l’identificazione dei vantaggi competitivi del territorio e la creazione di partnership tra istituzioni e privati che sostengano collaborazioni tra le realtà professionali lombarde e i potenziali investitori stranieri, con generali ricadute positive su occupazione e produzione industriale e di servizi. Tutte le informazioni e il programma completo sono disponibili all’indirizzo www.regionelombardia.it. (Fonti: Adnkronos, Regione Lombardia)

Debutta Mhdays.com, prima fiera virtuale della Lombardia

18 ottobre 2011 ·

È stata presentata il 13 ottobre con una conferenza a Palazzo Isimbardi a Milano la fiera virtuale Mhdays che si svolgerà online dal 23 al 25 novembre e che coinvolgerà Milano e molte province lombarde. Un evento fieristico b2b e b2c innovativo ed efficace dedicato agli operatori e alle community del nuovo turismo.

 

Dal 23 al 25 novembre si svolgerà online Mhdays.com, la prima fiera virtuale di Milano e delle province lombarde. La fiera, realizzata grazie al sostegno del Ministero del Turismo, dell’Enit, della Regione Lombardia, della Provincia e del Comune di Milano e altre istituzioni locali, utilizzerà una piattaforma tecnologica che permette la realizzazione di fiere in 3D sul web sarà aperta a tutte le strutture del comparto ricettivo, agenzie e tour operator locali, agenzie di promozione turistica, villaggi turistici, spa e terme, ristoranti di fascia alta e società di gestione eventi che intendono promuoversi a livello mondiale, nonché buyer  e media. Grazie all’utilizzo di strumenti di marketing tecnologico, video conferenze in streaming, chat e collegamenti Skype, la modalità di partecipazione sarà semplicissima: basterà avere un computer o uno smartphone ed sarà possibile configurare il proprio avatar o il proprio stand, inoltre tutte le attività saranno tracciabili su file che resteranno a disposizione, sicuri ed archiviati nel proprio profilo.
Sfruttando queste opportunità, quindi, sarà possibile organizzare una fiera abbattendo il 90% dei costi rispetto a quelli di una fiera reale, inoltre seller e buyer provenienti da Americhe, Europa, Far East e Italia potranno incontrarsi virtualmente con gli operatori dell’offerta turistica lombarda e fornitori di servizi collegati e inoltre potranno aver accesso a un’interessante serie di eventi complementari organizzati in questi tre giorni come workshop, lab, convegni, momenti di aggiornamento e formazione.
Secondo l’Assessore al Turismo della Provincia di Milano Stefano Bolognini, Mhdays rappresenta “un’importante occasione per promuovere i sistemi turisti lombardi e la competitività delle nostre imprese turistiche”, inoltre costituisce un punto di partenza strategico per la città di Milano e per la Lombardia verso Expo2015.

Camera di Commercio: sempre più solido il turismo estivo in Lombardia

27 luglio 2011 ·

Un’elaborazione della Camera di Commercio di Milano su dati Unioncamere Isnart fornisce dati incoraggianti per il turismo estivo in Lombardia. La regione, con l’8,4% delle preferenze si colloca al terzo posto come meta preferita, a ridosso dell’Emilia Romagna (8,5%) mentre al primo posto rimane la Toscana, con il suo 11,1%. Il giro d’affari generato è di 1 miliardo e 75 milioni di euro, garantito da oltre 600.000 presenze in luglio e 900.000 in agosto. Notevole però lo scarto (132 euro) tra il costo medio della vacanza in luglio e quello del mese di agosto, anche se il viaggio è ormai distribuito lungo tutta la stagione estiva; inoltre Il lago (39,6%) continua a essere preferito alla montagna (28,6%). Per quanto riguarda i viaggi all’estero, la Grecia continua ad essere la meta turistica principale, mentre sono in calo i viaggi di nozze e quelli di lusso, con una spesa media che non supera i 1500 euro a persona. “Per le vacanze i milanesi scelgono in prevalenza mete italiane o capitali europee rimanendo nella tradizione e contenendo i costi grazie anche all’assistenza personalizzata in agenzia”, dichiara Luigi Maderna, presidente di Fiavet Lombardia Milano.

Inaugurata la nuova sede di Confesercenti a Milano. Il saluto delle autorità

13 luglio 2011 ·

Confesercenti ha inaugurato lunedi 11 luglio la sua nuova sede milanese in Via Sirtori 3. Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato il presidente nazionale Marco Venturi, il sindaco di Milano Giuliano Pisapia e l’assessore al Commercio, Turismo e Servizi della Regione Lombardia, Stefano Maullu, oltre al presidente della Camera di Commercio di Milano e di Confcommercio Carlo Sangalli. Nel suo discorso di inaugurazione, il presidente Venturi ha affermato: “la nuova sede di Milano è un atto di fiducia del nostro sistema verso il mondo delle piccole e medie imprese che rappresentiamo e che potranno trovare ancora più forza nella realizzazione di Rete Imprese Italia.”  Sangalli e il sindaco Pisapia hanno sottolineato il potenziale di influenza sociale positiva e di esempio delle PMI sulla rivitalizzazione del territorio, mentre l’assessore Maullu ha letto l’evento nella prospettiva degli Stati Generali del Patto per lo sviluppo,  tenutisi il 12 luglio nella sede regionale di Palazzo Pirelli.

Sci: a Selvino nel 2014 due piste interrate

28 giugno 2011 ·

Arriva anche in italia lo “skidome”, l’impianto di sci interrato, interamente al coperto, lanciato nello scorso decennio a Dubai e sbarcato da qualche anno in Europa. Un progetto che si propone di rilanciare anche l’hotellerie invernale, da tempo in difficoltà in Italia nonostante il ritorno della neve negli ultimi 3 anni, ma anche lo sci, penalizzato dalla recente esclusione del Sestriere dal circuito delle gare di Coppa del Mondo. La location scelta è Selvino, nelle alpi bergamasche: un luogo scelto anche per la sua posizione strategica, a 30 minuti dall’aeroporto di Orio al Serio.  Il progetto nasce da un accordo tra Regione Lombardia e la società trentina Neveland, e prevede due piste semiparallele di 600 metri con un dislivello di 130 metri, alberghi, aree ristorazione e strutture di allenamento e di gara per professionisti e dilettanti, il tutto controllato da un impianto di refrigerazione interna ad alto risparmio energetico.

Al via il “Festival delle Alpi di Lombardia”

21 giugno 2011 ·

Dal 24 al 26 giugno Lombardia celebra le sue vette. L’associazione culturale Montagna Italia e la sezione lombarda del CAI, con il patrocinio della Presidenza della regione, hanno infatti organizzato il primo “Festival delle Alpi di Lombardia”. Il Comitato Organizzatore ha scelto come sedi per l’edizione 2011 le località di Clusone e Castione della Presolana (BG), nella Val Seriana; momento centrale del programma di incontri e feste collettive sarà il convegno “Vivere in montagna, vivere di montagna”, che si terrà venerdi 24 Giugno presso la Sala Convegni di Bratto (frazione di Castione) e sarà incentrato sui temi della vita in montagna e sulle prospettive delle strutture turistiche alpine lombarde, dai rifugi agli alberghi diffusi fino agli ecomusei. Il programma del Festival è visibile sul sito www.festivaldellealpi.it.

Assolombarda per la nuova classificazione alberghiera

17 giugno 2011 ·

Approvate le nuove linee guida regionali: l’accordo tra amministrazione e imprese nel dettaglio

 

Il 29 dicembre 2010 la Giunta della Regione Lombardia ha approvato le Linee Guida per l’applicazione della normativa regionale in materia di classificazione alberghiera, relative al Regolamento Regionale n.5 del 12/2009. Il documento è il risultato del lavoro del Tavolo di coordinamento regionale del turismo, composto dai rappresentanti della Regione e delle associazioni imprenditoriali, e di un clima di dialogo, confronto e collaborazione che ha consentito di raggiungere soluzioni condivise tra le istanze dell’Amministrazione e le esigenze delle imprese. In particolare, Assolombarda ha chiesto e ottenuto dalla Regione l’inserimento di modifiche a diversi punti del Regolamento Regionale n.5 al quale le Linee Guida fanno riferimento, per evitare l’introduzione di misure che avrebbero avuto sulle imprese un impatto di tipo più economico-organizzativo che qualitativo. Per quanto riguarda il Servizio Custodia Valori, Assolombarda è riuscita ad ottenere una deroga temporale per chi non decida di ristrutturarsi o per chi si debba ristrutturare, pur riconoscendo la necessità che le casseforti debbano essere installate secondo le nuove percentuali: il nuovo Regolamento, infatti, introduce le cassette di sicurezza per il 50% delle camere per il 3 stelle e aumenta al 100% delle camere per il 4 stelle. Assolombarda, inoltre, è riuscita a far cadere il principio che ci debba essere un’area specificatamente dedicata e delimitata per il servizio ristorante, che avrebbe potuto richiedere i riadattamenti strutturali per gli alberghi sprovvisti della suddetta area. Sono state modificate anche le direttive per quanto riguarda le lingue estere conosciute al ricevimento: tale competenza, infatti, deve essere garantita per ciascun turno di lavoro, contrariamente al regolamento che stabiliva che tutti le dovessero conoscere nelle misure indicate. La criticità era soprattutto sui 5 stelle che passavano all’obbligo delle tre lingue, con evidenti problematiche relative alla gestione del personale. Assolombarda è riuscita a proporre e a far passare alcuni accorgimenti per quanto riguarda i servizi, per esempio quelli concernenti il lavaggio e la stiratura della biancheria con consegna entro le 24 ore, garantiti compatibilmente con gli orari degli eventuali esercizi esterni all’albergo coinvolti; per quanto riguarda il servizio di parcheggio, invece, pur recependo gli incrementi percentuali, è caduto, rispetto al regolamento, il concetto di parcheggio “assicurato e garantito”, ed è stata adottata esplicitamente la formula della convenzione con autorimesse e affini. In ogni caso il regolamento limita l’obbligo ad assicurare il posto auto; l’eventuale servizio aggiuntivo di recupero delle auto da parte del personale dell’albergo costituisce elemento qualificante che sarà sviluppato in sede di definizione del “rating”. È stato inoltre fatto cadere l’obbligo di collocazione fissa e in posizione visibile degli apparecchi TV e degli apparecchi telefonici a uso comune, garantendo comunque il servizio su richiesta della clientela. Rispetto alla previgente normativa è stata modificata la sezione riguardante le aree o le sale riservate per riunioni, rendendole dedicate a questa funzione ma non in modo esclusivo: la sala in questione potrà essere utilizzata da tutti gli ospiti senza specifica destinazione e non sarà precluso il suo utilizzo per eventuali altre destinazioni occasionali. L’area riunioni, infine, non prevede una superficie minima e lo spazio riservato può essere ricavato, tramite divisori d’arredo non strutturali, nell’ambito dei locali di soggiorno. Per quanto riguarda le camere e la loro dotazione le modifiche hanno seguito una direzione compatibile con le moderne tendenze d’arredamento: le camere non prevedono più necessariamente spazi distinti e separati fisicamente, ma possono anche essere strutturate e ispirate al concetto di loft; allo stesso modo la loro dotazione deve essere completa e in buono stato, adeguata alla categoria. Essa può essere fornita attraverso differenti soluzioni d’arredo, e sono ammesse specifiche scelte (come inserimenti di alcuni elementi in altri o l’utilizzo di mobili pluriuso). L’ultimo punto sul quale Assolombarda è riuscita ad ottenere migliorie riguarda la dotazione dell’accappatoio, rendendola non obbligatoria ed esclusivamente su richiesta del cliente a partire dagli alberghi a 4 stelle. A partire dal 1 aprile 2011, infine, la Regione Lombardia ha disposto l’avvio dei controlli da parte delle Province competenti. I documenti approvati sono pubblicati sul sito: www.regione.lombardia.it nonché sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia (Pubblicazione numero 2, serie ordinaria del giorno mercoledì 12 gennaio 2011).

(Fonte: Assolombarda)

Trasporti, Cattaneo: Lombardia pronta per la riforma dei trasporti

17 giugno 2011 ·

L’Assessore ai trasporti della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo e il presidente Roberto Formigoni hanno annunciato l’attivazione entro la fine del 2011 del lungamente atteso “Piano Tariffario Unico” per il territorio lombardo. La Giunta regionale ha infatti approvato la proposta di legge di Cattaneo, mossa che apre la seconda fase del piano di integrazione ferroviaria avviato all’inizio dell’anno con “Io viaggio”, il sistema che permette di viaggiare con un unico biglietto sulle linee di trasporto ferro/gomma regionali, ma che finora si è scontrato con l’ostilità dei gestori di linee di trasporto locale e con limiti importanti come la non validità per la navigazione sui laghi (il biglietto è attualmente valido solo sull’Iseo, l’unico tra i laghi lombardi ad avere la Regione come gestore della  navigazione) e l’obbligo di un supplemento per i treni Intercity, Eurocity ed Eurostar. L’ integrazione dovrebbe estendersi in autunno anche ai trasporti su breve distanza con l’introduzione di biglietti unici regionali e una divisione del territorio in 7 piani di bacino. La riforma dovrà ora essere approvata dal Consiglio Regionale e secondo Cattaneo potrebbe entrare in vigore già dal prossimo ottobre.

Cattaneo ha definito il progetto “caratterizzato da tre concetti: semplificazione normativa, integrazione e costo zero”: proprio l’eccessiva dispersività e la divisione dei servizi ferro e gomma tra numerosi gestori pubblici e privati, con gravi problemi di reperimento dei biglietti soprattutto nei giorni festivi, affiancata alla complessità del sistema tariffario milanese SITAM e alla scarsità di controlli effettivi sul pagamento dei biglietti, sono infatti alla base dei problemi gestionali che penalizzano da tempo sia i pendolari che il potenziale turistico della regione. Il problema potrebbe essere risolto con la creazione di apposite Agenzie provinciali per il TPL destinate alla programmazione a breve e medio termine delle politiche tariffarie su scala soprattutto interurbana. La regione si pone a sua volta l’obiettivo di aumentare fino al 70% la sua compartecipazione alle spese di rinnovo per il parco autobus.

“L’ integrazione dei trasporti”, dichiara Cattaneo, “si basa sul principio che il trasporto pubblico deve essere integrato il più possibile, per evitare che si sovrappongano servizi ferroviari forniti dalla Regione, con servizi su gomma a carico della Provincia e, in alcuni casi, servizi locali comunali. Questo testo non costerà nulla alla Regione, ma consentirà al sistema di risparmiare risorse da reinvestire”. Sull’aspetto finanziario è intervenuto anche il presidente Formigoni:  “Siamo l’unica Regione che non ha tagliato le corse, ma anzi le ha aumentate, facendo fronte a un taglio molto pesante alle nostre risorse. Abbiamo preferito lavorare per migliorare la qualità, chiedendo anche la compartecipazione dei cittadini a fronte di un miglioramento e potenziamento del servizio”.