“Conto satellite”: dal turismo il 6% del valore aggiunto per l’economia italiana

10 Luglio 2012 ·

Presentato a Roma il rapporto statistico relativo al 2010. Gnudi:  “in autunno la Conferenza Nazionale del Turismo”

Il ministro del Turismo Piero Gnudi e il presidente di Istat Enrico Giovannini (nella foto) hanno presentato a Roma il primo “Conto satellite del Turismo per l’Italia”. L’indagine statistica, relativa all’anno 2010, fornisce un quadro dettagliato dell’incidenza del turismo sull’economia nazionale relativo a fattori come spesa e consumo interni e valore aggiunto dal comparto turistico all’economia nazionale. Secondo l’indagine, nel 2010 il valore aggiunto in termini di ricchezza creata e contributo al PIL è stato pari a 82.833 milioni di euro, il 6% del valore aggiunto totale per l’economia. Il ministro Gnudi commenta così l’iniziativa: Il conto satellite è uno strumento importante nell’ottica del Piano Strategico nazionale per il turismo che ci consentirà a breve di indicare e avviare a realizzazione le misure necessarie per il rilancio del settore. Il lavoro di analisi è quasi terminato e ora inizieremo a condividere proposte e soluzioni di varia natura (legislativa, organizzativa, economica e finanziaria) per poi licenziare il piano nel corso della prossima Conferenza Nazionale del Turismo, in autunno”. Conclude Gnudi: “Il conto satellite è un primo, rilevantissimo passo per fare chiarezza e attribuire al turismo il peso e il ruolo che deve avere sia nelle politiche pubbliche che nella pianificazione degli investimenti privati”.

ENIT: Turismo outgoing, l’Italia continua a crescere

20 Dicembre 2011 ·

Presentato il “Monitoraggio” della rete estera e dei tour operator italiani

Il consueto monitoraggio prefestivo della rete estera e dei Tour Operator, curato da ENIT e dedicato al turismo outcoming nel nostro paese, fornisce risultati positivi riguardo al primo semestre 2011 e in vista del nuovo anno. Secondo il Commissario straordinario Matteo Marzotto, gli arrivi nel nostro paese sono aumentati nel periodo in esame del 7,3%, le presenze estere del 5% e la spesa del 6,5%.  Le prime stime per il 2012 tratteggiano anche un quadro ottimistico sulla vendita dei pacchetti turistici con destinazione Italia: il 71% dei Tour Operator intervistati ne prevede una crescita, anche grazie al continuo aumento delle prenotazioni dai paesi BRIC (Brasile, Russia, India e Cina). Il direttore generale di ENIT, Paolo Rubini, ha commentato così questi dati: “Questo trend favorevole è di buon auspicio per il futuro della nostra industria turistica, ci conferma che i nostri ospiti stranieri continuano a ritenere la vacanza un bene di consumo primario ed irrinunciabile ed in questo senso l’Italia continua ad esercitare la sua inossidabile attrazione che vanno a sommarsi ad altri riscontri positivi, come la recente graduatoria di FutureBrand che riposiziona l’Italia nella classifica delle top ten per i marchi Paese, grazie ai suoi atout più tipici, come cultura, turismo, stile, cucina”.