Farnesina ed ENIT: accordo sui visti d’ingresso per i viaggiatori da India, Russia e altri paesi

30 gennaio 2013 ·

Presso la Farnesina è stato firmato un protocollo di intesa tra ENIT-Ente Nazionale del Turismo e il Ministero degli Esteri, teso a facilitare gli arrivi verso l’Italia dai paesi asiatici per turismo e attività d’impresa.
L’accordo prevede infatti un supporto diretto di ENIT alle ambasciate italiane in paesi come Russia, India, Ucraina e Kazakhstan, per la concessione più rapida di visti turistici d’ingresso nel nostro paese. L’Italia è secondo i dati riportati da ENIT una delle destinazioni preferite dai viaggiatori di origine asiatica: nel 2012 sono stati oltre 631.000 (+8,2% rispetto al 2011) i visti concessi a viaggiatori russi, 288.000 (+12,8%) a cinesi, 116.000 quelli concessi a turchi (+14,5%). Nel complesso i visti nel 2012 sono stati 1.870.000 (+9 % rispetto al 2011), in gran parte per motivi turistici (1.360.000, +15,3%) ma con una crescita anche nell’ingresso di imprenditori (202.000 visti, +5,4%).
Il segretario generale della Farnesina, Ambasciatore Michele Valensise, ha così commentato l’accordo: “La politica dei visti è fondamentale nell’azione della diplomazia italiana a sostegno della crescita del Paese. Essa favorisce l’afflusso sia di turisti, attratti del patrimonio culturale unico dell’Italia, sia di imprenditori, interessati alle opportunità di investimento nel nostro Paese. Facendo fronte in tempi più rapidi all’accresciuta domanda di visti rafforzeremo la capacità della nostra rete di fornire un servizio sempre più efficiente in un settore per noi strategico”.
Il Presidente Celli (nella foto) ha commentato a sua volta: “È uno strumento che rafforza ulteriormente una collaborazione che ha già dimostrato ciò che possiamo fare operando insieme alla Farnesina. Desidero ringraziare il Ministro Gnudi che sin dal suo insediamento ha affrontato la questione nelle competenti sedi nazionali, europee ed internazionali, così come il Dipartimento per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport, al quale va il merito di aver reso possibile l’accordo, facendosi carico degli oneri finanziari, altrimenti insostenibili per l’ENIT”.

L’ ENIT porta “Italia comes to you” nei paesi BRIC

31 agosto 2011 ·
 

Prende il via dalla Cina e dalla Russia, “Italia Comes to You”, l’ articolato Progetto di sistema Paese, che coinvolgerà anche gli altri due Paesi Bric, cioè il Brasile e l’India.

Per la Cina sono state scelte le città di Canton, Pechino e Shanghai e gli eventi programmati si terranno da sabato 27 agosto al 4 settembre nella prima città, dal 17 al 25 settembre nella seconda e dall’8 al 16 ottobre nella terza.

Per la Russia saranno le città di Mosca, dal 27 agosto al 4 settembre, San Pietroburgo dal 10 settembre al 18 ed Ekaterinburgo dal 24 settembre al 2 ottobre le location destinate ad ospitare, nell’arco di nove giorni, in un Air Dome di grande impatto visivo, di circa mille metri quadrati, le 4 aree polifunzionali predisposte per la manifestazione.

Il Progetto, finalizzato a promuovere all’estero la conoscenza dell’Italia dei territori e della sua cultura, è messo in campo dall’ ENIT attraverso il fondamentale supporto fornito dalle Amministrazioni locali dei due Paesi coinvolti, dall’Ambasciata d’Italia a Beijing e a Mosca, dai Consolati Generali delle città interessate all’evento.

Giornate della cultura e delle eccellenze del Made in Italy, nelle quali verrà presentata a 360 gradi l’offerta del nostro Paese, attraverso stand espositivi, suddivisi sia per Regione che per tipologie tematiche (mare, città d’arte, parchi e natura, montagna, laghi, terme e benessere, enogastronomia, sport e vacanza attiva, religioso, congressuale).

Non solo. L’Italia dell’arte sarà rappresentata da un’esposizione di opere predisposta insieme al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali italiano, dove trovano spazio l‘Affresco di Francesco di Giorgio Martini, “Madonna in trono con il Bambino e quattro Angeli”; il “Camillus”, bronzo di Guglielmo della Porta e “I commentatori di Cicerone”, dipinto di Giandomenico Ferretti. Ma i visitatori russi e cinesi potranno anche ammirare, oltre alle opere degli artisti cinesi e russi che nel mese di giugno hanno fatto un viaggio in Italia di 10 giorni incaricati di dare una loro visione del viaggio; gli scatti sulla “Dolce vita – 50 anni ma non li dimostra” di un fotografo di fama come Rino Barillari; o l’Italia vista attraverso i Manifesti storici dell’ ENIT oltre alle opere in vetro di Murano del Maestro Roberto Bertazzon, “Alberi in via d’estinzione”.

In uno spazio polifunzionale, centro nevralgico della Mostra evento, attraverso un calendario di appuntamenti, avranno luogo incontri di rappresentanti istituzionali italiani con Stakeholders, Opinion Leaders, Tour Operators, Agenti di viaggio, rappresentanti istituzionali.

Alla conferenza stampa di inaugurazione a Mosca –dove la struttura è allestita nel Parco Sokolniki –programmata per il 29 agosto, interverranno il Direttore Generale dell’ ENIT, Paolo Rubini e il Direttore della sede ENIT di Mosca, Marco Bruschini, l’Ambasciatore d’Italia a Mosca, Antonio Zanardi Landi e l’Addetto Culturale dell’ Ambasciata e dell’ Istituto Italiano di Cultura a Mosca, Maria Sica, il Direttore del Parco Sokolniki, Lapshin Andrei Vitalievich.

Una business lounge, con appositi spazi riservati, sarà a disposizione degli operatori turistici e dei rappresentanti delle aziende simbolo dell’eccellenza italiana che potranno effettuare incontri di lavoro, attività b2b e workshop a tema, cogliendo così una occasione unica per presentarsi ad una vasta platea e sviluppare relazioni commerciali in mercati ad alto potenziale

“Durante questi nove giorni, grazie al supporto degli Istituti di Cultura Italiana delle città coinvolte nelle manifestazioni, avremo delle giornate focalizzate proprio sulla prestigiosa offerta culturale del nostro Paese, con programmi che prevedono concerti, filmati e dibattiti, ma anche sfilate di grandi firme italiane famose in tutto il mondo”, sottolinea il Direttore Generale dell’ ENIT, Paolo Rubini.  “Attraverso la scoperta della cultura italiana viene documentata la vicinanza dell’ Italia, Paese sensorialmente ed emotivamente vicino sia alla Cina che alla Russia, anche se geograficamente distante. E’ un’opportunità che ci permette anche di giocare una carta prestigiosa su questi mercati così promettenti consentendoci di rispondere nel modo migliore alle aspettative di nuovi turisti che da essi provengono. Per sostenere questa crescente voglia di scoprire l’Italia, tutte le venti Regioni italiane avranno modo durante la manifestazione di esporre le loro peculiarità, le loro bellezze, la loro offerta turistica al pubblico ed ai Tour Operator”. (Fonte: ENIT)

Rapporto ONT 2011: dati positivi per l’Italia

17 giugno 2011 ·

L’indagine annuale dell’Osservatorio Nazionale del Turismo sull’attività in Italia dei tour operator internazionali fornisce l’immagine di un turismo in sostanziale ripresa anche a livelli di immagine. Realizzata nello scorso mese di Aprile su dati Unioncamere, la ricerca ha messo a confronto  oltre 9000 tour operator esteri. Dall’indagine emerge come l’Italia sia la destinazione più richiesta dai clienti dei t.o. internazionali, con il 90,6% delle preferenze, seguita da Francia (53%) e Spagna (47%). Gli operatori di mercato che segnano una crescita nei rapporti con l’Italia sono soprattutto Stati Uniti, Russia e India, mentre rimane sostanzialmente stabile il quadro della domanda di viaggi in Italia proveniente dagli altri paesi europei. (Fonte: ONT)