Verso BMT 2013: appuntamento a Napoli

20 Marzo 2013 ·

Torna anche nel 2013 BMT- Borsa Mediterranea del Turismo, il tradizionale appuntamento con il trade organizzato da Progecta srl.  L’edizione numero 17 di BMT è in programma negli spazi  della Mostra d’Oltremare di Napoli dal 5 al 7 aprile; tra le numerose novità spicca “BMT Training”, il ciclo di corsi formativi organizzato in collaborazione con Estensa (società specializzata in web turistico) e agenzia di comunicazione Asitnews e dedicato al web marketing turistico; i corsi, composti da moduli di un’ora, sono aperti a giovani professionisti, tour operator, agenti di viaggio e personale alberghiero e illustreranno lo stato dell’arte tecnologico e strategico nell’ambito del web marketing turistico.

Completano il ricco programma i 4 workshop dedicati a Incoming, Turismo Sociale, Incentive & Congressi, Terme & Benessere; quest’ultimo ambito sarà centrale nell’edizione 2013 di BMT, anche grazie a specifici spazi tematici e di incontro tra i professionisti italiani e internazionali dell’ospitalità, della promozione territoriale e della wellness. Altra novità importante, infine, la partnership stabilita con Trenitalia, grazie a cui cui agenti ed espositori (sia individuali che in gruppi composti da più di 10 persone)  potranno usufruire di sconti dal 30% al 50% per raggiungere Napoli con treni a lunga percorrenza come Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca, Intercity e Treni notte.

(Fonte info: Bmtnapoli.com)

 

 

Ai nastri di partenza BiT 2013: la Cina è protagonista

12 Febbraio 2013 ·

 

In programma dal 14 al 17 febbraio la Borsa Internazionale del Turismo

Torna questa settimana negli spazi di Rho Fiera Bit-Borsa Internazionale del Turismo. L’edizione 2013 è in programma da giovedi 14 a domenica 17 febbraio e si distribuirà su 9 padiglioni, con un afflusso previsto di circa 90.000 visitatori. L’evento sarà riservato agli operatori nei primi due giorni di salone e aperto al pubblico nel weekend del 16 e 17 febbraio. Evento di apertura, giovedi 14 febbraio alle ore 10.30, la presentazione del Piano Strategico per il Turismo Italiano voluto dal ministro del Turismo Piero Gnudi.

 Tra i temi che verranno affrontati nel programma di incontri e convegni spicca il rapporto con l’Oriente: la Cina è stata infatti scelta come paese ospite dell’edizione 2013 e sarà al centro di eventi come il dibattito intitolato “L’ospitalità italiana al servizio del turista con gli occhi a mandorla”,  in cartellone venerdi 15 febbraio alle ore 10.00.

L’integrazione diretta e digitale tra b2b e b2c, tra promozione delle destinazioni e business aziendale, in un’ottica di attenzione all’incoming, è poi alla base della principale novità organizzativa: l’inserimento del workshop Bit BuyItaly (diviso quest’anno in giornate tematiche) nel padiglione dedicato all’Italia (con un’intera giornata dedicata agli incontri tra buyer e regioni con stand superiore a 200 mq) e della nuova area Business Village nei padiglioni The World, scelta che facilita il contatto diretto tra espositori e buyer, gestori di catene alberghiere e fornitori di servizi, agenzie di viaggi e aziende di trasporti. Tornano anche appuntamenti tradizionali come il workshop BitBuyClub, dedicato nella giornata di apertura all’associazionismo e al turismo tematico, e non manca l’attenzione alle prospettive del turismo ecosostenbile, a cui sarà dedicata sopratutto la giornata di sabato 16 febbraio.

 Il programma completo è disponibile sul sito ufficiale bit.fieramilano.it.

 (Fonte: BiT)

 

Federturismo, Iorio: rilanciare la promozione turistica

7 Febbraio 2013 ·

Il Presidente di Federturismo, Renzo Iorio (nella foto), è intervenuto con una nota sul tema del sostegno al marketing turistico nazionale, al centro anche del nuovo Piano per il Turismo che Governo e Regioni stanno elaborando insieme da alcuni mesi. Afferma Iorio: “le Regioni Italiane spendono 380 milioni di euro l’anno in promozione turistica per il Paese. Una gran parte di questi soldi  pubblici serve a finanziare la partecipazione alle 500  fiere del turismo che si svolgono a livello internazionale che in teoria dovrebbero contribuire a  rilanciare l’immagine del Paese, ma che nella pratica producono, spesso per mancanza di professionalità e di concreti strumenti di lavoro, risultati inversamente proporzionali alle risorse investite.” Secondo Iorio è dunque necessario “metter  mano ad un sistema che disperde risorse mentre molte imprese sul territorio rischiano la chiusura, un impegno fondamentale che il nuovo Governo dovrà assumersi”.

(Fonte info: Federturismo)

Indagine SRM: il turismo nel Sud traina il settore, ma continuano i problemi. Che fare?

18 Ottobre 2012 ·

“La Rassegna Economica”, periodico di analisi economica e finanziaria curato dall’Ufficio Studi del Banco di Napoli e da SRM-Studi e Ricerche per il Mezzogiorno, ha presentato una nuova indagine sull’andamento del turismo nel Sud Italia nell’anno 2011, visionabile all’indirizzo web http://www.sr-m.it/numeri-rassegna.
Secondo l’analisi, nel nostro paese nel 2011 i pernottamenti sono calati del 15,1% e i viaggi nel loro insieme (anche senza pernottamento) del 16,1%. L’indagine conferma la tendenza generale rilevata da tutte le fonti statistiche, secondo cui la domanda interna, in forte calo, è compensata da un aumento delle presenze straniere: la spesa turistica straniera nel 2011 è stata di 3.875 mln di euro (circa il 13% del totale italiano), in crescita del +6% rispetto al 2010.
L’Italia possiede inoltre il maggior numero di stanze d’albergo in Europa (2.251.217) ed è al terzo posto come numero di esercizi alberghieri (33.890); il turismo ha un’ incidenza del 5,4% sul Pil nazionale e una percentuale del 6% al valore aggiunto totale dell’economia.
Per quanto riguarda il Sud, spicca soprattutto il dato sul numero di posti letto (1,2 milioni: il 26% del totale posti letto nazionale, un numero superiore al totale di Paesi Bassi, Grecia e Austria). Gli alberghi nel sud Italia, secondo l’indagine, sono 6970, il 21% del totale italiano; Gli occupati nel settore alberghi e ristoranti al Sud, sono 275.900 unità (pari al 4% dell’Italia e al 22% degli occupati meridionali; il Valore aggiunto apportato dal turismo nel Mezzogiorno, infine, è di 17,4 mld di € (circa il 21% dell’Italia), pari al 5,4% del valore aggiunto totale meridionale.
Dati positivi, dunque, che tuttavia non mettono in secondo piano i problemi. L’Italia è infatti solo al 27° posto nell’indice di competitività internazionale del sistema Travel & Tourism, e il 47,5% dei posti letto nazionali è ancora classificabile come parte di strutture ricettive alberghiere di tipo tradizionale, soprattutto al Sud non sempre in grado di rispondere alle esigenze dei turisti BRIC, che sono sempre più interessati a strutture di nuova concezione, dal b&b ecologico all’ostello: occorre lavorare soprattutto su questa strada di modernizzazione, suggerisce l’indagine, che evidenzia anche come nel Sud il 27% delle strutture ricettive siano alberghi, contro il 22% della media italiana, e come la spesa media dei turisti stranieri nel Sud Italia sia inferiore alla media nazionale: 70,3 euro al giorno contro 92,2 euro al giorno. (Nella foto: Massimo De Andreis, direttore generale di SRM-Studi e ricerche per il Mezzogiorno).

Un approfondimento sulla ricerca di SRM sarà pubblicato nel prossimo numero di “Hospitality Business Magazine”, il  magazine ufficiale di HBConsortium.

Accordo ENIT-ICE per la promozione del turismo italiano all’estero

18 Ottobre 2012 ·

ICE, Agenzia per la promozione all’ estero e l’ internazionalizzazione delle imprese italiane, ed ENIT, Agenzia Nazionale del Turismo, hanno firmato martedi 16 ottobre un accordo che prevede l’ integrazione logistica dei loro uffici all’ estero e il coordinamento delle rispettive iniziative in un’ ottica sinergica di promozione del nostro Paese, ispirato a criteri di qualificazione della spesa e di ottimizzazione dell’uso delle risorse pubbliche. L’ accordo è stato così commentato dal presidente di ICE Riccardo Monti: “Le prime sedi ad ospitare gli Uffici ICE-ENIT saranno quelle di Sydney, San Paolo, Shanghai, Dubai, Mumbai e Varsavia, le ultime tre con un Punto di Corrispondenza. Questo è solo l’ inizio perché presto altre ne seguiranno in un’ ottica di sistema che mette a fattor comune tutte le strutture e le competenze a supporto del Made in Italy, dei suoi prodotti e del suo territorio. Un connubio di cui si parla da tanto tempo e che ora finalmente si comincia a realizzare. L’ Accordo firmato oggi, rappresenta un ulteriore tassello di un programma di riordino e razionalizzazione del Sistema Italia all’ estero di cui gli Uffici ENIT sono una parte importante”. A Monti ha fatto eco il presidente di ENIT, Pier Luigi Celli: “ENIT ha subito colto nel lavoro di squadra che si prospetta con altre istituzioni e realtà operanti all’ estero – com’ è appunto l’ Agenzia ICE -una grande occasione per valorizzare l’ immagine globale dell’ Italia e per trarre, quindi, non solo consistenti benefici in termini di spending review, ma anche di attrazione di turisti. Credo che con questo impegno congiunto potremo fare ‘massa critica’ nella promozione del turismo e degli altri settori di esportazione, per accrescere l’ offerta già di per sé rilevante che tali attività arrecano all’ economia nazionale. Abbiamo bisogno di crescere e conquistare nuovi mercati, evitando però la dispersione di risorse”. (Nella foto: Riccardo Monti, presidente di ICE).

Camera di Commercio di Verona: al via il nuovo progetto per la promozione del turismo scaligero

26 Settembre 2012 ·

Il territorio scaligero ospita rappresentanze da Usa, Canada e America Latina

Ha preso il via lo scorso 20 settembre un’ importante iniziativa di promozione B2B del territorio veronese e delle sue eccellenze turistiche ed alimentari, organizzata dalla locale Camera di Commercio in collaborazione con oltre 100 imprese del turismo e dei servizi e con le Camere di Commercio di Firenze e Catanzaro. Dal 20 al 22 settembre è stata infatti accolta nella città scaligera una prima delegazione di 8 tour operator provenienti da Usa e Canada, mentre il 6 e 7 dicembre sarà la volta di rappresentanze da Brasile, Argentina e Messico. Nel corso delle giornate di lavoro si tengono incontri d’affari bilaterali tra gli operatori esteri e le imprese selezionate, seguiti da percorsi enogastronomici, educational tour e visite alle strutture ricettive di medio e alto livello della provincia.

Per info:  Camera di Commercio di Verona, Relazioni Esterne, e-mail: vrcamcom@agoracomunicazione.it

Eurobarometro: Tajani, prospettive positive per il turismo italiano nel 2012

6 Marzo 2012 ·

Pubblicati i dati della 4° indagine annuale sul turismo in Europa: la crisi sembra superata

Eurobarometro, attraverso il Vicepresidente della Commissione Europea e Commissario Europeo per l’industria e per l’imprenditoria Antonio Tajani, ha reso noti i dati della sua ultima indagine sull’andamento del turismo in Europa. Dal sondaggio, per il quale sono stati intervistati 30.000 cittadini in tutta la Comunità Europea e in altri paesi tra i quali Islanda, Croazia, Turchia e Israele, emerge un trend positivo che coinvolge in particolare l’Italia. Il nostro paese (9%) è infatti secondo solo alla Spagna (11%) tra le mete preferite dai turisti europei.Tra i dati principali emersi si evidenzia come oltre l’80% degli intervistati abbia dichiarato di avere in progetto una vacanza per il 2012, con prenotazioni in maggioranza via Internet (53%), una tendenza a preferire il turismo nel proprio paese (74% nel caso dell’Italia) e previsioni di crescita per i pernottamenti alberghieri (+3,9%), oltre  a una previsione che vede favorita la vacanza lunga (41%) rispetto al soggiorno breve (27%). Secondo Tajani “La ricchezza culturale e naturale del nostro continente e la sua lunga tradizione nel settore dell’ospitalità sono ancora molto apprezzate dai cittadini europei. Il settore europeo del turismo ha ottenuto buoni risultati, registrando addirittura una crescita nel 2011. I dati confermano che il settore conoscerà un’ulteriore progressione nel 2012. Da ciò viene la conferma che i viaggi e il turismo sono fattori economici trainanti per la ripresa in Europa”. L’indagine completa è disponibile all’indirizzo http://ec.europa.eu/public_opinion/archives/flash_arch_344_330_en.htm#334.

Torna alla home e consulta altre news