Hotellerie: IKEA e Marriott lanciano da Milano la catena alberghiera Moxy

6 marzo 2013 ·

Secondo quanto riportato dal “Wall Street Journal”, il gruppo IKEA è pronto all’ingresso diretto nel comparto hotellerie. La divisione Inter Hospitality della multinazionale svedese e il gruppo alberghiero Marriott International inc hanno definito un accordo grazie a cui nei prossimi dieci anni saranno aperte 50 strutture alberghiere in tutta Europa, raccolte sotto il marchio “Moxy Hotels”.  La prima struttura dovrebbe essere aperta a Milano all’inizio del 2014, e secondo le anticipazioni di stampa gli hotel saranno rivolti a una fascia di pubblico giovane e attento all’avanguardia tecnologica ma anche alla ricerca di prezzi contenuti. Il gruppo Marriott sarà proprietario del marchio Moxy: Ikea a sua volta non doterà gli hotel Moxy delle proprie linee di arredamento e design ma fornirà a costruttori e arredatori direttive specifiche che dovrebbero contribuire ad abbassare i costi di costruzione e gestione dei locali. Nei prossimi cinque anni è prevista l’apertura delle prime 50 strutture: oltre all’Italia si prepara il lancio dei Moxy Hotels nelle aree di forza di IKEA, in particolare paesi scandinavi, Regno Unito, Germania, Belgio e Paesi Bassi.

La tecnologia Hannspree al centro di Hotel Convention 2013 in partnership con Lasersoft

7 febbraio 2013 ·

Il Meeting organizzato dall’Associazione Albergatori Riccione ha ospitato anche SE40LMNB, uno dei modelli più innovativi tra le linee di TV Hannspree dotato della pratica funzione Hotel Mode.

Da sempre attenta al settore hospitality, Hannspree  ha partecipato con il partner Lasersoft a “Hotel Convention 2013”, il momento clou del Meeting dell’Associazione Albergatori di Riccione, che si è svolto mercoledì 6 febbraio al Palazzo dei Congressi di Riccione nella Terrazza City Eye.

Con sede a Rimini e un’esperienza ultraventennale, Lasersoft è un’azienda di riferimento nello sviluppo di software gestionali  per il mondo Hospitality e Retail, in grado di proporre soluzioni complete per soddisfare al meglio le esigenze del mercato.

Le soluzioni per il mondo Hospitality Lasersoft nascono da un attento ascolto dei bisogni del cliente e spesso i risultati  più innovativi sono stati creati grazie ai loro preziosi consigli.

La gamma dei prodotti Lasersoft conta più di venticinque soluzioni per Hospitality e Retail, tutte costantemente aggiornate e implementate in base ai cambi di normativa fiscale ed ai feedback provenienti da parte dei clienti.

È tuttora l’osmosi fondamentale tra ricerca e qualità delle soluzioni proposte a rendere Lasersoft capace di creare valore e diffondere prodotti qualitativamente sempre migliori e più completi.

Attraverso una rete di 350 rivenditori autorizzati, Lasersoft ha una presenza capillare su tutto il territorio nazionale, inoltre la profonda conoscenza del settore ha portato l’azienda ad affiancare questa linea di business con partnership qualificate come quella con Hannspree.

All’Hotel Convention 2013, nello spazio espositivo di Lasersoft ha avuto spazio dunque anche SE40LMNB. Full HD, design ultrasottile e ricercato, questa linea di TV è dotata di tecnologie innovative per una visione realistica delle immagini in movimento oltre alla funzione Hotel Mode, perfetta per il segmento alberghiero. Infine, la tecnologia zero-watt integrata consente un reale consumo zero mentre l’apparecchio è in standby.

 “Questa Convention rappresenta un momento importante per il settore, ecco perché abbiamo voluto presentare agli associati una gamma di prodotti software completa che va dalla semplice gestione della struttura ricettiva alla ricerca di soluzioni integrate più complete in grado di gestire l’attività a 360◦. Abbiamo voluto valorizzare ulteriormente la nostra presenza puntando sulla partnership con Hannspree, ospitando nel nostro spazio espositivo un modello della nuova linea di televisori SE dotata della funzione Hotel Mode”, ha dichiarato Antonio Piolanti di Lasersoft.

 “Hannspree ha tra gli obiettivi del 2013 consolidare la presenza nel settore ospitalità, la partecipazione a questa manifestazione con un partner qualificato come Lasersoft va in questa direzione”, ha commentato Stefano Beschi, Country Manager Italia e Grecia di Hannspree.

Fondata a Taipei, Taiwan, nel 2003, Hannspree è leader mondiale nella produzione di monitor e televisori LCD e LED e di prodotti di elettronica di consumo di alta qualità dal design estremamente innovativo basati su tecnologia di ultima generazione. L’azienda dispone di un’ampia piattaforma d’offerta articolata in linee, modelli e colori diversi, studiata per fasce di pubblico eterogenee. Per il triennio 2008-2010, Hannspree è stata Main sponsor del Campionato Mondiale di Superbike e Official Sponsor del Team Hannspree Ten Kate Honda. Nel 2011 ha scelto di continuare sponsorizzando il Team Honda Ten Kate di Supersport e di investire nel calcio, con sponsorizzazioni in 24 stadi europei, in Italia negli stadi di Bologna, Chievo Verona, Roma, Udinese, Parma. Attualmente Hannspree è fornitore ufficiale della Coppa del Mondo di Sci Nordico Val di Fiemme 2013.

Tra i marchi di punta, HANNSG i cui prodotti all’avanguardia uniscono funzionalità, design ed estetica. Le soluzioni HANNSG racchiudono la filosofia del “GO BEYOND” cioè dell’andare oltre la semplice tecnologia per offrire al cliente un’esperienza unica. I prodotti più curiosi del mondo Hannspree sono disponibili su www.eu-shop.hannspree.com, la nuova boutique elettronica navigabile in 5 lingue – inglese, francese, spagnolo, tedesco e italiano – che consente di acquistare in modo molto semplice e immediato.

Con sede centrale europea a Rotterdam e il centro operativo a Meerbusch in Germania, Hannspree è presente in 29 Paesi europei.

Per maggior informazione www.Hannspree.com/eu/it

 

 

Res Str Global: il mercato alberghiero è fermo. Il commento di Federturismo

3 maggio 2012 ·

Renzo Iorio: “momento critico per l’hotellerie: troppa offerta in assenza di politiche adeguate”

Res Str Global, fonte indipendente di statistiche sull’andamento del settore alberghiero, ha diffuso dati che testimoniano come il comparto stenti a riprendersi dopo la pesante crisi del biennio 2008-2010. Secondo l’indagine, infatti, la ripresa iniziata nel gennaio 2010 si è bloccata a metà 2011 e da quel momento l’hotellerie italiana versa in una pesante stagnazione. Commentando i dati, Renzo Iorio, presidente di Federturismo, ha parlato di un “preoccupante appiamento”. “In nessuna città”-afferma Iorio- “i ricavi hanno potuto recuperare i livelli ante crisi e la tendenza negativa del primo trimestre 2012 fa presumere, purtroppo, una nuova inversione di ciclo. La domanda domestica segna il passo e la componente estera che aveva, in particolare, sostenuto l’andamento 2011 non dà, per il momento, segni di ulteriore capacità di contribuzione. Anche gli sforzi di aggressività sui prezzi perpetrati dalle imprese, nella speranza di stimolare la domanda, appaiono poco efficaci, là dove la domanda resta debole, con il grave pericolo di fenomeni distorsivi che ledono l’immagine della destinazione e la percezione del cliente quando si cede alla tentazione di ‘svendere’ il prodotto nei periodi di bassa affluenza e, al contrario eccedere in politiche di prezzi elevati nei periodi di massima affluenza”.

Torna alla home e consulta altre news

La Russia attrae gli investimenti dell’hôtellerie internazionale

25 ottobre 2011 ·

Aumentano le opportunità di investimento in Russia per i brand alberghieri internazionali. È quanto emerge dall’ultimo report Horwath Htl, network mondiale di società di consulenza specializzate nel settore turistico-alberghiero, secondo cui 37 città della Federazione Russa con una popolazione sopra i 500mila abitanti sarebbero al centro dell’interesse di catene e gruppi internazionali. Queste, insieme all’operatore russo Azimut, stanno attuando alcune strategie promozionali. “La Russia è stata la chiave del nostro sviluppo strategico negli ultimi cinque anni – spiega Mike Collini, vp development Turchia, Russia e Est Europa di Hilton Worldwide – e sappiamo che ci sono molte opportunità in questo mercato per i nostri marchi Hampton by Hilton e Hilton Garden Inn”. (Fonte: TTG)

Il turismo e le sfide che ci riserva il futuro

13 settembre 2011 ·

Mentre il turismo internazionale registra un nuovo record, il nostro Paese  si deve preparare a un cambiamento  che sappia rispondere in maniera adeguata alle nuove esigenze del mercato. L’Italia non può trovarsi impreparata a questo confronto. È necessario che l’hotellerie  sappia riformulare l’offerta per un target medio-basso e che le amministrazioni pubbliche intervengano per risolvere i problemi di accessibilità e mobilità stradale di molte località turistiche.

 

Mentre aumenta a ritmi sostenuti, come era del resto nelle previsioni, l’hotellerie soprattutto nei paesi che come la Cina e gli Emirati Arabi devono far fronte ad una domanda (turismo e business) sempre crescente, anche la vecchia Europa si sta attrezzando per realizzare strutture che siano adeguate a soddisfare le esigenze di un mercato in continua evoluzione grazie ai flussi ora provenienti anche da Asia, India, Russia e sud America. L’Italia, pur disponendo già di un parco alberghiero che per numero di stanze è ai primi posti in Europa, dovrà ampliare e rimodulare le sue strategie tenendo conto di tre fattori: 1 – L’esigenza di creare strutture di diversa caratura (i resort) oggi ancora carenti nel nostro paese e che sono ormai indispensabili per un certo tipo di turismo (quello d’affari in particolare) che punta a location che possano soddisfare tutte le sue esigenze (più ampie ed attrezzate sale congressi, adeguati servizi di supporto, attrazioni, palestre, campi da golf , etc.). 2 – Una rimodulazione dell’offerta alberghiera di fascia medio-bassa che oggi, specie nelle aree meridionali, si presenta ancora carente per quanto riguarda la quantità e la qualità dei servizi che vengono offerti. 3 – Un’azione più programmata da parte delle amministrazioni pubbliche territoriali al fine di risolvere i tanti problemi che ancora esistono per quanto riguarda l’accessibilità alle location turistiche (strade più scorrevoli, trasporti veloci, servizi di assistenza più adeguati in porti, aeroporti e stazioni). A fronte di una domanda turistica che dall’Asia, dall’India e dal Sud America potrà svilupparsi in modo importante è oggi più che necessario affrontare e risolvere questi problemi e farlo prima che altri paesi lo facciano meglio del nostro. Ed è una sfida che l’Italia non può permettersi di perdere. (Fonte: ONT)

Sol Meliá:luxury e leisure dalla Spagna

17 giugno 2011 ·

Il commendatore Palmiro Noschese presenta la più grande catena mondiale di alberghi per vacanze, in estensione anche in Italia.

 

 

Ci può dare qualche cenno sulla situazione attuale del settore alberghiero in base alla sua importante esperienza e competenza nel settore?

La fase di recessione economica attraversata dall’economia mondiale, manifestatasi in tutta la sua gravità nel biennio 2008-2009, ha generato pesanti conseguenze anche sul movimento turistico internazionale. A partire dalla seconda metà del 2008, i flussi turistici mondiali hanno subito una forte contrazione che ha raggiunto la sua massima intensità nel corso del 2009. All’interno di questo contesto internazionale, anche il turismo italiano ha risentito nel corso del biennio dei problemi della recessione economica. Le difficoltà degli alberghi italiani si sono manifestate con maggiore intensità sul mercato estero, con le presenze di clienti stranieri che si sono contratte del 3,3%, mentre maggiore è stata la tenuta del mercato domestico, in calo dell’1%. L’Italia mantiene comunque la sua posizione leader nel contesto mediterraneo, preceduta solo dalla Spagna. Secondo la fonte Eurostat, infatti, l’Italia è il paese europeo con il maggior numero di camere e di posti letto alberghieri e si colloca in seconda posizione, dopo la Spagna, per il numero dei pernottamenti attivati, con 237,7 milioni nel 2009 a fronte dei 251,1 milioni attivati dalla Spagna. Il nostro paese, che occupa anche una posizione di primo piano nel panorama turistico mondiale, ha mostrato dunque una tenuta maggiore di altri di fronte alla crisi. A fronte di un calo generalizzato dei flussi turistici internazionali, il nostro paese è uno dei pochi, tra quelli ad economia avanzata, ad aver registrato nel 2009 un incremento di arrivi. La ripercussione della crisi economica sul turismo italiano ha avuto invece effetti più pesanti in termini di occupazione. La ripresa turistica  è appena ripartita ma solo per il settore business e con prezzi ancora molto bassi. Pesa sul mercato delle vacanze l’aumento dei prezzi dei voli aerei. Sempre più forte invece la competizione a livello alberghiero: i prezzi si mantengono bassi, la concorrenza è spietata soprattutto nel segmento midscale; regge il lusso accessibile! Nel complesso è stato delineato un quadro previsionale difficile e complicato, nel quale non tutti i segnali sono negativi ma dal quale si potrà uscire solo puntando sulla qualità: qualità del territorio e della logistica (investimenti pubblici), qualità dell’offerta ospitale e ricettiva; qualità che fa la differenza attraverso un servizio personalizzato ed innovativo; qualità che genera esperienze e regala emozioni al cliente, secondo la principale mission della Compagnia internazionale che rappresento in Italia.

Questo ha fatto sì che Lei alcuni mesi fa sia stato insignito del titolo di “Commendatore”. In quale modo la sua attività e le sue esperienze hanno contribuito a ciò?

Passione, ottimismo, dinamismo, innovazione sono tra i punti focali del mio credo personale e professionale che mi hanno sempre permesso di perseguire gli obiettivi con un atteggiamento determinato, fiducioso e soprattutto propositivo. In uno scenario talmente variegato e stimolante come quello del turismo, chi vi lavora con passione ne sposa soprattutto l’energia e la brama di perfezionarsi continuamente per condividere il proprio know-how con il team lavorativo. I numerosi riconoscimenti ottenuti nel corso della mia carriera sono il risultato delle importanti esperienze vissute ma soprattutto chiara espressione della mia personalità: positivo nel pensiero ed in ogni azione intrapresa; mi entusiasmano le sfide, i nuovi progetti, la possibilità di esplorare nuovi fronti, anche se nell’immaginario collettivo possono sembrare ardui e “fuori dalla portata”. Credo fermamente che volere sia potere e che tutto si possa fare se si crede davvero nelle proprie capacità e se si è disposti a lavorare con costanza ed responsabilità! è questa la filosofia che cerco di trasmettere quotidianamente ai miei collaboratori per creare un ambiente altamente motivante e competitivo, che possa fare la differenza! La capacità competitiva dell’impresa, infatti, si basa soprattutto sulla qualità delle risorse umane impiegate: lo sviluppo economico è sempre più fondato sulle conoscenze e il capitale principale è sicuramente quello umano!

Ed ora qualche informazione su Sol Meliá, con particolare riferimento al suo Hotel a Milano.

Il gruppo Sol Meliá è stato fondato nel 1956 a Palma di Maiorca ed è la più grande catena al mondo di alberghi per vacanze. Leader del mercato spagnolo per ciò che riguarda i segmenti affari e turismo e leader mondiale in America Latina e nei Caraibi, gestisce oltre 300 hotel in 30 paesi su quattro continenti. Sol Meliá è particolarmente attento alle esigenze e alle richieste di una clientela diversificata: per questo ha realizzato prodotti destinati espressamente a singoli gruppi target. La buona posizione degli hotel e la qualità del servizio sono fattori di importanza cruciale per Sol Meliá che comprende i seguenti brand: Gran Meliá, Meliá, ME, Innside, Tryp, Sol, Paradisus. Con questi marchi, qualitativamente differenziati e che conferiscono all’azienda una forte personalità, Sol Meliá è in grado di soddisfare sia le esigenze della clientela top del segmento lusso sia il viaggiatore d’affari che cerca un hotel business con un buon rapporto qualità-prezzo. Ma la nostra Compagnia si distingue anche per il forte impegno sociale e per la determinante impronta nel turismo responsabile, a cui ha dedicato un intero dipartimento corporativo che gestisce a sua volta tutti i reparti di “Acción Social” all’interno di ciascun hotel worldwide. Un impegno per l’ambiente, dunque, che è stato sempre al centro della nostra filosofia aziendale con lo scopo di accrescerne il valore attraverso la sostenibilità sociale, divenendo più appetibili sul mercato anche per questa attitudine. Cresce, infatti, sempre di più, il popolo dei turisti consapevoli e rispettosi dell’ambiente e che optano, dunque, per un modo di viaggiare più sostenibile. Sol Meliá è una di quelle aziende che hanno fatto del turismo responsabile la loro bandiera, contribuendo allo sviluppo sostenibile delle comunità in cui è presente e delle persone che ne fanno parte. L’essenza della nostra linea strategica è incapsulata nel motto che governa questo progetto: “costruire il nostro retaggio”. Questo motto implica che l’impegno per lo sviluppo sostenibile è qualcosa che perdura nel tempo e che la sostenibilità è un elemento essenziale per l’eredità che Sol Meliá, un’azienda a conduzione familiare, vuole lasciare alle generazioni future. E infatti, Sol Meliá, cosi attenta agli aspetti sociali, registra il miglior sistema interno di gestione ambientale secondo lo standard ISO 14001 (garantito da un organismo di certificazione accreditato) e si caratterizza quale unica catena con un sistema di gestione sociale, certificata con il marchio Biosphere. In Italia, lo stile e la cultura di Solmeliá si esprimono principalmente attraverso l’Hotel Meliá Roma Aurelia Antica (4 stelle superior) e il Meliá Milano (5 stelle), socialmente impegnati con enti e importanti progetti quali:

FAI – Fondo Ambiente Italiano, fondazione nazionale senza scopo di lucro che ha come mission il rispetto, la promozione e la salvaguardia della natura, dell’arte, della storia e delle tradizioni d’Italia, tutelando un patrimonio che è parte fondamentale delle nostre radici e della nostra identità. Sol Meliá Italia è iscritto al programma Corporate Golden Donor, una speciale adesione pensata proprio per il mondo imprenditoriale per partecipare attivamente alla tutela e alla salvaguardia del paesaggio italiano.

Progetto Magnifico, un sistema integrato di comunicazione e di promozione per la diffusione di conoscenze e informazioni sul patrimonio culturale e sui grandi eventi del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Il progetto, realizzato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Direzione Generale per l’Innovazione Tecnologica e la Promozione del Dipartimento per la Ricerca, l’Innovazione e l’Organizzazione e dall’Associazione Mecenate 90, con la partecipazione di primarie imprese italiane è indirizzato, in particolare, ai tanti viaggiatori che organizzano da soli la propria vacanza o la propria visita e hanno bisogno di essere tempestivamente informati, stimolati e guidati nella scelta delle destinazioni più adatte alle proprie esigenze.

Save the Children, la più grande organizzazione internazionale indipendente che lavora per migliorare concretamente la vita dei bambini in Italia e nel mondo. Nata nel 1919, opera in 120 paesi del mondo con programmi di salute, risposta alle emergenze, educazione e protezione dei bambini dagli abusi e dallo sfruttamento. Con Sol Meliá Italia aderiamo all’organizzazione attraverso il progetto di “sostegno a distanza”, con cui circa 3 anni fa abbiamo adottato una bambina boliviana che sosteniamo attraverso una donazione mensile.

La struttura di Milano, che è stata inaugurata nel settembre 2001, rappresenta il segmento luxury della Compagnia nella città fashion d’eccellenza in Italia. Ricavato da una grande ed antica fabbrica nel cuore industriale di Milano, oggi divenuto una elegante zona residenziale, l’albergo si compone di 288 camere e si sviluppa in un’area attualmente coinvolta in un importante progetto di rinnovamento che rivoluzionerà l’aspetto della stessa città, conferendole un assetto altamente moderno e tecnologico che non avrà uguali in Europa. Location ideale per riunioni d’affari, con 14 sale meeting tra cui quella Plenaria che può ospitare 520 persone e una capacità massima di 1300 persone. Con uno stile classico, la conoscenza del cliente attraverso un servizio personalizzato permette al team di soddisfare le esigenze di diverse tipologie di clientela, rispondendo in anticipo alle loro necessità. Ogni area è totalmente personalizzabile e un punto di forza della struttura è rappresentato dal RedLevel, una sorta di “boutique hotel” all’interno dello stesso hotel. Ventuno camere dalla metratura rilevante, dotate di computer collegati ad internet e accesso riservato al Lounge, creano un’ambience estremamente rilassante e intima per evadere dal peso di una giornata particolarmente intensa…Completano l’offerta il centro fitness e benessere, attrezzato con moderni macchinari Technogym, e il ristorante à la carte “AlaCena”, con un’offerta enogastronomica di prima qualità. Il Meliá Milano si iscrive perfettamente nel contesto raffinato e d’avanguardia della città della moda e della movida italiana per il suo stile sfarzoso ma distinto e accurato e, soprattutto, per la elevata qualità del servizio che incontra perfettamente le aspettative di una clientela business esigente ed anche quelle del target leisure, di chi vive la Milano della cultura e dell’arte. A Roma, oltre a dirigere il Meliá Roma Aurelia Antica, sto personalmente seguendo lo start-up del nuovo cinque stelle lusso, con brand Gran Meliá, che sarà inaugurato il prossimo autunno e si affaccerà sulla capitale dalla Passeggiata del Gianicolo. Con il Gran Meliá Roma, Villa Agrippina, Luxury Urban Resort puntiamo a diventare sinonimo di lusso nella Città Eterna e fiore all’occhiello della Compagnia in Europa…

(Fonte: Assolombarda)