Forum Turismo Ansa con Gnudi e Celli: ridare visibilità al turismo

20 febbraio 2013 ·

Verso il rilancio del portale Italia.it. ENIT: ripensare tassa di soggiorno e governance

L’agenzia ANSA ha ospitato lunedi 18 febbraio nella sua sede di Roma le massime autorità del turismo italiano, in occasione di un forum tematico che ha visto anticipazioni sui progetti di rilancio del settore, dal Piano Strategico per il Turismo al rilancio della promozione turistica integrata nelle singole regioni. All’incontro hanno partecipato il ministro del Turismo Piero Gnudi, il presidente di ENIT Pierluigi Celli e il direttore generale dell’Ente Nazionale del Turismo, Andrea Babbi (nella foto). Il ministro uscente del turismo ha affermato che occorre ripensare come “tassa di scopo” l’imposta di soggiorno e dotare il comparto di un ministero con portafoglio, e sempre sul tema del prossimo assetto istituzionale del settore, Gnudi e Celli si sono dichiarati concordi nelle critiche a una possibile aggregazione tra Ministero del Turismo e Ministero dei Beni Culturali.  I rappresentanti di ENIT hanno sottolineato in modo particolare l’importanza di nuove politiche di marketing, sia a livello comunicativo che commerciale. Andrea Babbi ha infatti anticipato il prossimo passaggio del portale Italia.it sotto la diretta gestione di ENIT, e il presidente Celli ha poi affermato che 5 regioni raccolgono il 72% delle presenze straniere in Italia, situazione che richiede di diversificare l’offerta, di studiare “nuovi stimoli” per l’immaginario e di lavorare al miglioramento dei collegamenti aerei con i paesi BRIC, in particolare con la Cina, anche in vista degli arrivi dei visitatori per EXPO 2015.

(Fonte: ANSA)

Ai nastri di partenza BiT 2013: la Cina è protagonista

12 febbraio 2013 ·

 

In programma dal 14 al 17 febbraio la Borsa Internazionale del Turismo

Torna questa settimana negli spazi di Rho Fiera Bit-Borsa Internazionale del Turismo. L’edizione 2013 è in programma da giovedi 14 a domenica 17 febbraio e si distribuirà su 9 padiglioni, con un afflusso previsto di circa 90.000 visitatori. L’evento sarà riservato agli operatori nei primi due giorni di salone e aperto al pubblico nel weekend del 16 e 17 febbraio. Evento di apertura, giovedi 14 febbraio alle ore 10.30, la presentazione del Piano Strategico per il Turismo Italiano voluto dal ministro del Turismo Piero Gnudi.

 Tra i temi che verranno affrontati nel programma di incontri e convegni spicca il rapporto con l’Oriente: la Cina è stata infatti scelta come paese ospite dell’edizione 2013 e sarà al centro di eventi come il dibattito intitolato “L’ospitalità italiana al servizio del turista con gli occhi a mandorla”,  in cartellone venerdi 15 febbraio alle ore 10.00.

L’integrazione diretta e digitale tra b2b e b2c, tra promozione delle destinazioni e business aziendale, in un’ottica di attenzione all’incoming, è poi alla base della principale novità organizzativa: l’inserimento del workshop Bit BuyItaly (diviso quest’anno in giornate tematiche) nel padiglione dedicato all’Italia (con un’intera giornata dedicata agli incontri tra buyer e regioni con stand superiore a 200 mq) e della nuova area Business Village nei padiglioni The World, scelta che facilita il contatto diretto tra espositori e buyer, gestori di catene alberghiere e fornitori di servizi, agenzie di viaggi e aziende di trasporti. Tornano anche appuntamenti tradizionali come il workshop BitBuyClub, dedicato nella giornata di apertura all’associazionismo e al turismo tematico, e non manca l’attenzione alle prospettive del turismo ecosostenbile, a cui sarà dedicata sopratutto la giornata di sabato 16 febbraio.

 Il programma completo è disponibile sul sito ufficiale bit.fieramilano.it.

 (Fonte: BiT)

 

Federcongressi contro la chiusura del Convention Bureau nazionale

12 dicembre 2012 ·

Il presidente di Federcongressi&Eventi, Paolo Zona (nella foto), si è espresso con durezza sull’imminente chiusura di Convention Bureau Italia S.p.A., la società controllata da ENIT/Ente Nazionale del Turismo e nata nel 2011 per raccogliere sotto un unico “cappello” amministrativo la meeting industry nazionale. Secondo Paolo Zona, “la fine del CB ci riporta indietro almeno di sette anni, quando l’unico organismo promozionale della nostra filiera era il network interregionale Italia for Events e il congressuale era una delle tante cose di cui l’ENIT si occupava, senza fondi dedicati. Rimettere il tutto in un ufficio dell’ENIT, dopo che a me personalmente sia il Ministro Gnudi che il nuovo Presidente Celli avevano detto il contrario, significa decretare la morte della promozione del nostro turismo congressuale”. Nella nota stampa, il cui testo completo è disponibile sul sito di Federcongressi, Zona parla anche di scarsa trasparenza e di ingerenze politiche nella governance del CB e sottolinea la necessità che il CB “comprenda le logiche del mercato congressuale mondiale e metta gli operatori in condizione di rapportarsi con questo organismo, svolgendo una funzione di monitoraggio e non di concorrenza, come ahimé è stato sino a ora, curando le destinazioni più semplici da promuovere, come Roma e Milano, trascurando spesso le altre”.

Assoturismo critica il ministro Gnudi sulla “rottamazione” degli hotel italiani

31 ottobre 2012 ·

Claudio Albonetti, presidente di Assoturismo-Confesercenti, ha criticato le recenti dichiarazioni del Ministro del Turismo Piero Gnudi, che in occasione della presentazione delle linee guida del Piano Nazionale del Turismo alla Commissione Attività Produttive della Camera aveva definito gli hotel italiani  “troppi, troppo vecchi e troppo piccoli” e dunque  “da rottamare”. In una nota Albonetti, pur concordando con il ministro sull’importanza della qualità delle strutture, dichiara: “Meglio ragionare sulla qualità e non sulle dimensioni. L’idea di rottamare gli hotel in base a criteri dimensionali e non qualitativi ci lascia  basiti. Non riteniamo che questa sia una scelta che spetti al Governo, quanto piuttosto al mercato. Inoltre, ci preme sottolineare il fondamentale valore della rete dei piccoli alberghi, che è funzionale alla vocazione turistica italiana, che si estende a tutto il territorio, ed è in grado di intercettare tutti i turismi, non solo quelli d’élite.  Non si possono costruire giganti della ricezione in ogni angolo d’Italia: sarebbe antieconomico e un grave danno per il nostro splendido Paese. Se l’obiettivo è il rinnovamento della rete alberghiera italiana  lo Stato ci aiuti piuttosto a reperire le risorse necessarie che, in questo clima di crisi, non possono certo essere messe in campo dalle sole imprese. Sarebbe un intervento, questo, cui non potremmo che plaudire”.

Incontro Gnudi-Regioni al ministero degli Affari Regionali

19 settembre 2012 ·

Pronto entro fine 2012 il Piano Nazionale per il Turismo

Il Piano Strategico Nazionale del Turismo è al centro dell’importante incontro in programma per oggi 19 settembre presso il ministero degli Affari Regionali tra il ministro del Turismo Piero Gnudi e  i rappresentanti delle Regioni. L’incontro produrrà un documento di programmazione strategica che sarà in seguito sottoposto all’attenzione del premier Monti, e toccherà tutti i temi oggetto di polemiche negli ultimi mesi: la gestione della tassa di soggiorno, le politiche troppo dispersive di promozione internazionale del turismo italiano, le richieste (avanzate da enti di settore e regioni) di detassare e incentivare l’ammodernamento delle strutture ricettive e le iniziative a sostegno del turismo nelle zone terremotate. Nel corso della conferenza stampa di presentazione della Giornata Nazionale del Turismo (in programma a Campobasso il 29 e 30 settembre e dedicata al tema del turismo sostenibile) il ministro Gnudi ha dichiarato in proposito:  “’Il Piano non è soltanto mio ma dovrà essere condiviso con le Regioni e da loro domani mi attendo gli opportuni suggerimenti e valutazioni per poter rilanciare presto il turismo italiano”, che secondo il ministro è stato per troppo tempo trattato come un’ “attività di seconda categoria”.

A Roma la XI° assemblea del Comitato Mondiale per l’Etica del Turismo. Ospite Gnudi

17 luglio 2012 ·

Dibattito aperto sullo sviluppo del Codice Mondiale di Etica del Turismo.

Il 16 e 17 luglio il Dipartimento del Turismo  ospita la XI° assemblea annuale del Comitato Mondiale di Etica del Turismo, l’organo ausiliario dell’UNWTO (Organizzazione Mondiale del Turismo) che ha il compito di mettere in pratica il Codice Mondiale di Etica del Turismo, approvato all’unanimità dall’Assemblea Generale dell’Organizzazione Mondiale del Turismo a Santiago del Cile nel 1999 e ufficialmente adottato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2001. Al centro della discussione nelle due giornate di lavori l’attuazione pratica dei principi contenuti nel Codice su temi come accessibilità delle strutture e degli spazi turistici, tutela dei minori, dei lavoratori e del patrimonio naturale e artistico. Ad aprire i lavori il ministro del Turismo Piero Gnudi, che ha dichiarato: “il  compito del Comitato è far conoscere il Codice mondiale di etica del Turismo a tutti coloro che operano nel settore e di aggiornarlo, implementarlo, diffonderlo, perché con l’enorme aumento del turismo, in assenza di saldi principi etici, rischiamo di sradicare alcune culture”. Gnudi ha inoltre aggiunto: “stiamo coinvolgendo il Segretario Generale dell’UNWTO, Taleb Rifai, nella fase analitica del lavoro di predisposizione del Piano Strategico per il rilancio del Turismo”.

“Conto satellite”: dal turismo il 6% del valore aggiunto per l’economia italiana

10 luglio 2012 ·

Presentato a Roma il rapporto statistico relativo al 2010. Gnudi:  “in autunno la Conferenza Nazionale del Turismo”

Il ministro del Turismo Piero Gnudi e il presidente di Istat Enrico Giovannini (nella foto) hanno presentato a Roma il primo “Conto satellite del Turismo per l’Italia”. L’indagine statistica, relativa all’anno 2010, fornisce un quadro dettagliato dell’incidenza del turismo sull’economia nazionale relativo a fattori come spesa e consumo interni e valore aggiunto dal comparto turistico all’economia nazionale. Secondo l’indagine, nel 2010 il valore aggiunto in termini di ricchezza creata e contributo al PIL è stato pari a 82.833 milioni di euro, il 6% del valore aggiunto totale per l’economia. Il ministro Gnudi commenta così l’iniziativa: Il conto satellite è uno strumento importante nell’ottica del Piano Strategico nazionale per il turismo che ci consentirà a breve di indicare e avviare a realizzazione le misure necessarie per il rilancio del settore. Il lavoro di analisi è quasi terminato e ora inizieremo a condividere proposte e soluzioni di varia natura (legislativa, organizzativa, economica e finanziaria) per poi licenziare il piano nel corso della prossima Conferenza Nazionale del Turismo, in autunno”. Conclude Gnudi: “Il conto satellite è un primo, rilevantissimo passo per fare chiarezza e attribuire al turismo il peso e il ruolo che deve avere sia nelle politiche pubbliche che nella pianificazione degli investimenti privati”.

Il Ministro Gnudi presenta a Monti il Piano per il Turismo

20 giugno 2012 ·

 

In via di definizione un progetto pluriennale di riorganizzazione del sistema dell’hospitality nazionale

Il Ministro del Turismo, Piero Gnudi, ha presentato nei giorni scorsi al Presidente del Consiglio Mario Monti il progetto del “Piano strategico di rilancio del turismo in Italia”, realizzato in collaborazione con le rappresentanze delle Regioni, con i Ministeri  governativi e con la consulenza della società BCG (The Boston Consulting Group). Gnudi ha così commentato l’attuale stato del progetto: ”Si tratta di una prima fase di lavoro collegiale che proseguirà per tutta l’estate e si concluderà in autunno con la presentazione del Piano alla Conferenza Nazionale del Turismo, dopo la condivisione con Regioni, Province Autonome e Governo. Nel frattempo, a partire dai prossimi giorni, verranno coinvolti, per raccoglierne suggerimenti ed osservazioni, tutti i principali operatori del settore, così come le Commissioni Parlamentari competenti, per trovare il più ampio supporto e condivisione e quindi favorire la massima efficacia del Piano Nazionale per il Turismo”.

Torna alla home e consulta altre news

Enit: il Senato si esprime sulla nomina di Celli

13 marzo 2012 ·

Atteso il parere della Commissione Industria sui nuovi vertici dell’Agenzia nazionale del Turismo

 Oggi 13 marzo la Commissione Industria del Senato si riunirà per fornire il suo parere sulla proposta di nomina a presidente e a direttore generale di Enit di Pierluigi Celli (attuale Direttore Generale dell’ Università Luiss ed ex presidente della RAI) e di Daniel John Winteler (Presidente e AD di Alpitour ed ex presidente di Federturismo Confindustria), oltre che sulla possibile trasformazione di Enit in una SpA. Il cambio ai vertici dell’Agenzia Nazionale del Turismo è oggetto di discussione e polemiche dallo scorso gennaio, quando il ministro del Turismo Piero Gnudi ha avanzato la prima proposta di nomina, subito arenatasi  (nonostante il parere favorevole espresso dalle Regioni) per la mancanza di accordo sul nome di Celli nella corrispondente X Commissione della Camera e per il ricorso al TAR presentato dall’ex presidente e  commissario di ENIT Matteo Marzotto.  

(Fonte: TTG)

Torna alla home e consulta altre news

 

Turismo nautico, Regioni: sì all’imposta sulle imbarcazioni, no allo stazionamento

1 febbraio 2012 ·
Presentata al ministro Gnudi la proposta di reintrodurre la tassa sul possesso dei natanti

Tra i temi discussi la scorsa settimana nell’incontro tra i rappresentanti delle regioni e il ministro del Turismo, Piero Gnudi, c’è stato anche il turismo nautico. Su questo tema le organizzazione del settore hanno proposto al ministro la reintroduzione di un’imposta sul possesso dei natanti. Dichiara Mauro Di Dalmazio, coordinatore nazionale degli Assessori al Turismo: “Siamo favorevoli al ripristino di una tassa sull’imbarcazione con una sorta di bollo piuttosto che sul semplice stazionamento degli yacht, che rischia di provocare l’esodo dei turisti verso le coste croate o slovene”. Una posizione confermata anche  da Maurizio Vianello di Confturismo, secondo cui la tassa di stazionamento porterebbe “una riduzione del numero di barche estere, in particolare quelle tedesche”.

(Fonte: TTG)