Expo: aderisce anche il Brasile. Toccata quota 124 paesi

20 marzo 2013 ·

Il premier Mario Monti ha annunciato l’adesione del Brasile a Expo 2015, comunicatagli personalmente dalla presidentessa Dilma Roussef. L’adesione del Brasile è uno degli ultimi e più importanti tasselli per il mosaico di Expo, ormai prossimo al raggiungimento dei 130 paesi partecipanti. Questo il commento dell’AD Giuseppe Sala: “Da oggi possiamo contare sull’impegno, la collaborazione e l’iniziativa di tutti i Paesi BRIC, protagonisti per la loro crescita economica del panorama internazionale dei prossimi anni. In questo contesto, il Brasile è per noi un Paese strategico. Oltre a essere uno dei principali rappresentanti della cultura e della ricca tradizione agro-alimentare dell’America Latina, sarà di grande aiuto e supporto nello sviluppo dei percorsi tematici che si snoderanno nel sito espositivo”. Aggiunge Sala: “l’esperienza brasiliana nella coltivazione di caffè e cacao, ad esempio, porterà a inedite interpretazioni sul tema ‘Nutrire il Pianeta. Energia per la Vita’ e darà vita a nuove e produttive sinergie con le nazioni che prenderanno parte ai Cluster dedicati a questi due alimenti”.

(Fonte info: Expo2015.org)

Accordo Expo 2015-Fiera Milano: Tuttofood promuove l’Esposizione Universale

6 marzo 2013 ·

Expo 2015 S.p.A. e Fiera Milano hanno sottoscritto un accordo di grande importanza per l’organizzazione del programma espositivo dell’evento. L’accordo lega infatti le attività di Expo a Tuttofood, la manifestazione organizzata con cadenza biennale da Fiera Milano e dedicata alla filiera agroalimentare. Le prossime edizioni di Fiera Milano (2013 e 2015) contribuiranno dunque alla marcia di avvicinamento a Expo 2015 in diverse forme: in particolare all’interno di Tuttofood 2013 saranno presenti diversi spazi di presentazione dedicati a Expo, e sarà sempre Tuttofood a organizzare il convegno di apertura dell’Esposizione, intitolato “La sostenibilità nell’alimentazione”. In programma anche un concorso sui temi dell’uso sostenibile, della distribuzione e del riciclo delle risorse alimentari. Secondo Enrico Pazzali, AD di Fiera Milano Spa, “Le manifestazioni fieristiche sono storicamente occasioni di scambio economico, ma anche di incontro tra genti e popoli differenti. Per questo il nostro ruolo di organizzatori di eventi fieristici non può prescindere dal valore culturale e sociale della nostra attività. Lavorare fianco a fianco con ExpoMilano 2015 sarà per noi occasione privilegiata per potenziare ulteriormente la nostra sensibilità verso la dimensione umana degli scambi, valore indispensabile oggi, visto il forte orientamento all’internazionalizzazione in cui Fiera Milano è impegnata”.

(Fonte: Expo 2015)

Expo: presentato il Centro di Ricerca su nutrizione e ambiente

27 febbraio 2013 ·

A meno di 800 giorni dall’inizio di Expo 2015 è stato presentato ufficialmente uno dei progetti centrali di Expo 2015: il progetto dell’ “International Center Food and Environment Security” (CF & E), il polo internazionale di studio su ecologia e sicurezza alimentare che resterà attivo a livello permanente anche dopo la conclusione di Expo. Il Centro è stato presentato in una conferenza stampa a cui hanno partecipato il ministro dell’ambiente Corrado Clini, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega all’Expo 2015, Paolo Peluffo, e dall’Amministratore Delegato di Expo 2015 S.p.A., Giuseppe Sala. Obiettivo del nuovo organismo sarà diffondere i principi della cultura sostenibile, della green economy e del riequilibrio delle risorse energetiche e alimentari: ciò avverrà sia a livello di studi, attraverso ricerche promosse in collaborazione con università e istituti di ricerca, sia a livello pratico, con importanti contributi ai progetti di cooperazione internazionale dell’ONU e della FAO.

Forum Turismo Ansa con Gnudi e Celli: ridare visibilità al turismo

20 febbraio 2013 ·

Verso il rilancio del portale Italia.it. ENIT: ripensare tassa di soggiorno e governance

L’agenzia ANSA ha ospitato lunedi 18 febbraio nella sua sede di Roma le massime autorità del turismo italiano, in occasione di un forum tematico che ha visto anticipazioni sui progetti di rilancio del settore, dal Piano Strategico per il Turismo al rilancio della promozione turistica integrata nelle singole regioni. All’incontro hanno partecipato il ministro del Turismo Piero Gnudi, il presidente di ENIT Pierluigi Celli e il direttore generale dell’Ente Nazionale del Turismo, Andrea Babbi (nella foto). Il ministro uscente del turismo ha affermato che occorre ripensare come “tassa di scopo” l’imposta di soggiorno e dotare il comparto di un ministero con portafoglio, e sempre sul tema del prossimo assetto istituzionale del settore, Gnudi e Celli si sono dichiarati concordi nelle critiche a una possibile aggregazione tra Ministero del Turismo e Ministero dei Beni Culturali.  I rappresentanti di ENIT hanno sottolineato in modo particolare l’importanza di nuove politiche di marketing, sia a livello comunicativo che commerciale. Andrea Babbi ha infatti anticipato il prossimo passaggio del portale Italia.it sotto la diretta gestione di ENIT, e il presidente Celli ha poi affermato che 5 regioni raccolgono il 72% delle presenze straniere in Italia, situazione che richiede di diversificare l’offerta, di studiare “nuovi stimoli” per l’immaginario e di lavorare al miglioramento dei collegamenti aerei con i paesi BRIC, in particolare con la Cina, anche in vista degli arrivi dei visitatori per EXPO 2015.

(Fonte: ANSA)

Expo 2015: un indotto da 25 miliardi fino al 2020

20 febbraio 2013 ·

Effetti positivi su occupazione, investimenti esteri e patrimonio immobiliare

Expo 2015 SPA e la Camera di Commercio di Milano hanno promosso un’importante ricerca che raccoglie le previsioni sull’impatto economico dell’Esposizione nel periodo 2012-2020.  Secondo il progetto, guidato dal professor Alberto Dell’Acqua (SDA Bocconi), la ricaduta sull’indotto e sull’occupazione sarà rispettivamente di 24,7 miliardi di produzione aggiuntiva (4 dei quali provenienti dal turismo) e di 199 mila persone occupate. Importanti anche i benefici sulle start up (1,7 mld di produzione aggiuntiva e 12,4 mila occupati) e sugli investimenti diretti esteri (per i quali si prevedono 1 mld di valore aggiuntivo e 16,5 mila occupati).  Anche nel settore immobiliare si avranno effetti positivi, con 1,1 mld di produzione aggiuntiva e 8 mila posti di lavoro portati anche dalla rivalutazione di immobili e strutture nell’area espositiva. L’ AD di Expo 2015 S.p.a. Giuseppe Sala, (nella foto), commenta così i dati dell’indagine: ci saranno effetti e ricadute positive in tutti i settori produttivi anche negli anni successivi. Per questo motivo è fondamentale che le istituzioni, locali e nazionali, investano risorse, energie e idee in questo progetto. In gioco c’è molto: l’immagine del nostro Paese nel mondo, uno sprone a uscire dalla fase di stallo che stiamo vivendo e la possibilità di dare alla nostra economia un nuovo passo”.

(Fonte: Expo 2015)

Novità da Expo: raggiunta quota 120 paesi e firmato l’accordo con ANCI

7 febbraio 2013 ·

Ancora passi avanti per Expo 2015. Sono giunte infatti le adesioni di Giordania e Serbia che hanno permesso di portare a 120 il numero dei Paesi finora aderenti all’Esposizione Universale: appare quindi ormai a portata di mano l’obiettivo prefissato dei 130 Stati partecipanti all’evento.  Altra novità importante è poi il protocollo d’intesa e collaborazione firmato la scorsa settimana tra Expo 2015 S.p.A. e ANCI-Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, rappresentati rispettivamente dall’Amministratore Delegato Giuseppe Sala e dal Presidente Graziano Delrio (nella foto). L’accordo prevede un coinvolgimento diretto delle Amministrazioni locali e degli enti territoriali per la promozione nazionale ed estera di Expo. In particolare oggetto del programma di iniziative saranno le eccellenze e le identità culturali dei singoli territori italiani,che saranno al centro di presentazioni e incontri itineranti sia nel percorso di avvicinamento a Expo che durante i sei mesi di apertura del Padiglione Italia.

(Fonte info: Expo 2015)

Milano e Brescia: a metà febbraio aprono le nuove metropolitane

30 gennaio 2013 ·

Conto alla rovescia per l’apertura delle nuove linee di metropolitana nelle due maggiori città della Lombardia, Milano e Brescia. La prima tratta della linea milanese M5, da Zara a Bignami, ha infatti ricevuto l’ok tecnico dalla Commissione Interministeriale per i Trasporti Ferroviari per l’apertura al pubblico nel weekend del 9-10 febbraio, e si attende ora solo un ultimo test di agibilità nei giorni 4 e 5 febbraio; per la linea metropolitana di Brescia si prevede invece l’inizio dei viaggi nella settimana successiva, ma nel frattempo sono già state inaugurate diverse stazioni, con il prossimo appuntamento fissato per sabato 2 febbraio, quando verrà aperta la stazione di capolinea “Prealpino” situata in Via Triumplina, nel nord della città. Entrambe le linee metropolitane sono a conduzione automatica; i lavori per le 17 stazioni della metropolitana leggera di Brescia sono iniziati nel 2003, mentre quelli della M5 nel 2007. Per la M5 si prevede l’apertura della seconda tratta (da Viale Zara a Porta Garibaldi FS) entro la fine del 2013, mentre la terza e ultima tratta (da Garibaldi allo stadio di San Siro) aprirà nella primavera 2015, a ridosso dell’inizio di Expo. Sono inoltre già allo studio ipotesi di prolungamento per entrambe le linee: la M5 potrebbe toccare Monza, mentre per la linea bresciana si pensa a collegamenti con l’aeroporto di Montichiari.

Expo 2015 a quota 117 paesi. Aderiscono Niger, Laos, Zimbabwe e Malta

17 gennaio 2013 ·

Il Niger è il paese numero 117 ad annunciare l’adesione a Expo 2015, che è ormai prossimo al raggiungimento dell’obiettivo fissato dei 130 paesi partecipanti. Lo stato africano è il quarto paese ad aderire a Expo nel 2013, e la sua adesione all’evento segue di pochi giorni quella di di Laos,  Sovrano Ordine di Malta e Zimbabwe.  I paesi che hanno finora ufficializzato la loro presenza all’Esposizione Universale (a cui mancano poco più di 800 giorni)  sono in ordine cronologico: Svizzera, Montenegro, Azerbaijan, Turchia, Romania, San Marino, Egitto, Perù, Russia, Uruguay, Togo, Germania, Guatemala, Cambogia, Honduras, Mauritania, Slovenia, Principato di Monaco, Uzbekistan, Spagna, Albania, Israele, Kuwait, Colombia, Armenia, ONU, Siria, Iran, Gabon, Senegal, Seychelles, Sierra Leone, Mongolia, India, Georgia, Bolivia, Santa Lucia, Lettonia, Tunisia, Argentina, Lituania, Congo Brazzaville, Ucraina, Bielorussia, Kazakhstan, Sri Lanka, Mali, Algeria, Dominica, Belgio, Repubblica di Palau, Micronesia, Ecuador, Cina, Cile, Emirati Arabi Uniti, Mozambico, Bangladesh, Repubblica Dominicana, Moldova, Nepal, Qatar, Thailandia, Libano, Slovacchia, Tagikistan, Francia, Guinea Bissau, Oman, Corea del Sud, Kirghizistan, Pakistan, Italia, Vietnam, Saint Vincent e Grenadine, Haiti, Uganda, Giappone, Palestina, Austria, Arabia Saudita, Eritrea, Costa Rica, Guinea Conakry, Brunei, Repubblica di Panama, Benin, Yemen, CERN, Congo Kinshasa, Ungheria, Ghana, Gambia, Tanzania, Etiopia, Bulgaria, Indonesia, Vanuatu e Costa d’Avorio, Angola, Iraq, Malesia, Città del Vaticano, Afghanistan, Estonia, Myanmar, Cuba, El Salvador, Paraguay, Nigeria, Zimbabwe, Sovrano Ordine di Malta, Laos e Niger.

Expo: Firmato protocollo di intesa con il Comune di Monza

19 dicembre 2012 ·

Il Sindaco di Monza Roberto Scanagatti e il General Manager Business Operations di Expo 2015 S.p.A., Christian Malangone, hanno sottoscritto un importante Protocollo di intesa (valido fino al 31 dicembre 2015) sul contributo della provincia briantea all’Esposizione Universale. Il protocollo evidenzia come premessa la varietà di offerta del sistema turistico monzese, che oltre al sistema del Parco, della Villa Reale e dell’Autodromo (730 ettari) comprende un vasto numero di dimore storiche e una rete di strutture congressuali di alto valore. Gestito attraverso un nuovo tavolo di coordinamento comune, l’avvicinamento di Monza e della Brianza a Expo 2015 passerà soprattutto da un sostegno alla promozione e alla visibilità internazionale delle tradizionali attività del territorio locale: enogastronomia e agricoltura si affiancheranno quindi in chiave di eco- sostenibilità e a design, industria del mobile e dell’arredo e produzione artigianale, passando anche da investimenti nel rilancio della formazione scolastica e professionale e delle strutture ricettive.

(Fonte info: c.s. Expo 2015 S.p.A.)

Assemblea Federterme: Jannotti Pecci, comparto in difficoltà ma tante iniziative per il 2013

19 dicembre 2012 ·

Costanzo Jannotti Pecci, presidente di Federterme (nella foto), ha tracciato in occasione dell’Assemblea annuale dello scorso 13 dicembre  le prospettive per il settore termale nel prossimo anno. Nonostante il turismo termale non si sottragga all’andamento negativo di tutto il comparto, sono numerose le iniziative annunciate dalla Federazione per il prossimo anno. Jannotti Pecci sintetizza così i dati raccolti da Federterme: “L’anno 2011 per il settore termale è stato un anno di ulteriore ridimensionamento dei livelli di attività produttiva con un calo del valore aggiunto a prezzi correnti che ha registrato una flessione di quasi 2 punti percentuali, attestandosi a 452.6 milioni di euro, con una variazione negativa di segno opposto a quella del biennio precedente.

 

Anche i numeri dei primi nove mesi 2012 indicano una perdurante tendenza in calo che sarà difficile compensare a breve termine, per effetto del previsto protrarsi delle attuali difficoltà per tutto il 2013.È una situazione che abbiamo portato responsabilmente e tempestivamente all’attenzione del Governo e delle Regioni e delle rappresentanze sindacali – ha spiegato Pecci – in sede di avvio dell’esame delle piattaforme per il rinnovo del CCNL dei dipendenti delle aziende termali”.  Tra le attività e iniziative annunciate da Jannotti Pecci per il 2013, la concentrazione delle risorse disponibili nella promozione del sistema termale; la partecipazione a progettazione di iniziative di valorizzazione integrata delle risorse termali nell’ambito del progetto EXPO 2015; supporto all’azione promozionale di ENIT tramite iniziative progettuali condivise; partecipazione alla realizzazione di itinerari del benessere termale; facilitazione all’accesso alla fruizione del benessere termale ai camperisti; inoltre, “Terme Aperte 2013”, evento che metterà in atto una direttiva UE del 2011 promuovendo la libertà per i cittadini europei di scegliere liberamente lo stabilimento termale in cui curarsi e soggiornare.

23-26 febbraio 2013: Rimini Fiera presenta RHEX-Rimini Horeca Expo

19 dicembre 2012 ·

Rimini Fiera raccoglie e sviluppa l’eredità di successo degli ex SIA GUEST e Sapore nel nuovo format di RHEX-Rimini Horeca Expo. L’evento del comparto Hotellerie-Restaurant-Café debutterà nella sua prima edizione dal 23 al 26 febbraio 2013 su una superficie espositiva coperta di 70.000 mq; nei 12 padiglioni è prevista la presenza di 1500 espositori, 110.000 visitatori e 500 top buyer.

Nelle parole di Patrizia Cecchi, direttore Business Unit di Rimini Fiera, RHEX “varerà un format unico su tendenze e consumi del tempo ‘fuori casa’ attraverso diversi ‘contenitori’, offrendo non solo una importante vetrina per gli espositori dell’industria alberghiera, dell’ospitalità, della ristorazione e dell’intrattenimento, ma anche strumenti immediati che consentiranno ai visitatori di cogliere gli indirizzi del mercato, con tangibili opportunità di business e di sviluppo delle prospettive internazionali sia per le aziende che per il pubblico specializzato”.

RHEX tradurrà questa attenzione alle innovazioni tecnologiche e alle novità organizzative attraverso eventi come il concorso “Rhex Innovation Award” e in spazi espositivi come “Green Hospitality”, l’area che in collaborazione con CasaClima presenterà le migliori opportunità di risparmio gestionale legate a bioedilizia, bioarredamento, fotovoltaico, termotecnica e arredamenti ad alta efficienza energetica.

Sui temi dell’innovazione e del management di domani verteranno anche le giornate formative dedicate agli albergatori e i contributi delle maggiori associazioni del settore turistico come Federalberghi (che terrà in questa sede un convegno nazionale),  AICA(Associazione Confindustria Alberghi), ADA (Associazione Italiana Direttori Albergo), EHMA (European Hotel Managers Association), FIPE (Federazione italiana pubblici esercizi) e molte altre.

Per quanto riguarda invece la ristorazione, da citare la quinta edizione di “DiVino Lounge” (lo spazio espositivo dedicato al vino e agli incontri tra produttori, albergatori e ristoratori già presente nelle passate edizioni di SAPORE) e il nuovo evento chiamato “Vini Cheap&Chic”, che raccoglie incontri e degustazioni coordinati da Luca Gardini (miglior sommelier al mondo dal 2010) su temi come la realizzazione della carta dei vini, l’uso del decanter e l’abbinamento cibo/vino.

Ampio e variegato dunque il panel di visitatori attesi a RHEX 2013, che ne fa un appuntamento capace di parlare a tutte le realtà del variegato “sistema ospitalità”: ristorazione (ristoranti indipendenti, pizzerie, catene e franchising, fast food, take away, società di catering, ristorazione collettiva), altri pubblici esercizi (strutture ricettive, bar, pub, birrerie, wine bar, discoteche), trade (distributori, grossisti specializzati, import export, agenti), professionisti del canale horeca (chef, sommelier, barman, maître), grande distribuzione (GDO, gruppi di acquisto, Cash & Carry), dettaglio alimentare specializzato, enoteche stampa e associazioni di categoria.

L’ingresso all’evento  è riservato agli operatori professionali.

Per informazioni: www.rhex.it

(Fonti info: Rimini Fiera SpA; ufficio stampa Barabino & Partners; www.rhex.it)

 

 

Expo tocca quota 111 paesi partecipanti. La Cina ha firmato il contratto di partecipazione

28 novembre 2012 ·

Sale a quota 111 il numero dei paesi partecipanti a Expo 2015. Tra le nuove adesioni spicca quella della Repubblica Popolare Cinese, che il 20 novembre  ha firmato il contratto di partecipazione a Expo 2015 e avrà a disposizione un padiglione da 4590 mq. Il contratto è stato sottoscritto a Roma, presso la Farnesina,  da Wang Jinzhen, Commissario Generale del Padiglione cinese, e da Giuseppe Sala, Amministratore Delegato di Expo 2015 S.p.A. (nella foto),  che ha anche annunciato lo sviluppo di un “Progetto Cina” collegato a Expo e concepito per raggiungere l’obiettivo di un milione di visitatori cinesi durante il periodo di svolgimento di Expo.  Nuove adesioni sono arrivate inoltre nel mese di novembre dalla Turchia, dal Myanmar e da due paesi centroamericani (El Salvador e Cuba).  La scorsa settimana, infine, l’AD Sala ha presentato lo stato dei lavori di preparazione per Expo a Parigi, durante la riunione dei Paesi  aderenti al Bureau International des Expositions, e ha annunciato che sono stati già assegnati 11 spazi per i padiglioni nazionali (il 64% degli spazi disponibili) e altri 6 (il 54% del totale) per i Cluster, ovvero i padiglioni che raggrupperanno diversi Stati partecipanti secondo temi comuni, mentre per altri 18 padiglioni nazionali e 4 cluster sono ancora in corso trattative.

Expo 2015: Diana Bracco presenta il concept per il Padiglione Italia

19 novembre 2012 ·

La Triennale di Milano ospita martedi 20 novembre alle ore 17.00 la presentazione del tema creativo di base per la progettazione del padiglione italiano a Expo 2015. A illustrare il progetto sarà Diana Bracco, Presidente di Expo 2015 S.p.A e Commissario Generale per il Padiglione Italia, che ha anticipato così l’evento: “Abbiamo deciso di lanciare entro novembre una gara europea per la progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva del Padiglione Italia che si svilupperà lungo il Cardo, e per questo abbiamo organizzato un evento pubblico per raccontare all’intero Paese il concept che sarà alla base di questa prima importantissima gara. Il nostro compito è proporre contenuti di alta qualità che sappiano comunicare ed emozionare”. Il concept è descritto da Bracco come “una vetrina del Sistema Italia e un ponte tra le eccellenze italiane e quelle del resto del mondo” ed è stato curato da Marco Balich, noto in tutto il mondo come organizzatore di eventi di richiamo internazionale, tra cui spiccano le cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi Olimpici: Balich è stato infatti Direttore Creativo ed Executive Producer delle cerimonie a Torino 2006 e a fine 2011 ha vinto la gara internazionale per la produzione esecutiva delle cerimonie dei Giochi di Rio 2016.

Trasporti: apertura a Natale per la M5 milanese?

6 novembre 2012 ·

Sembra sbloccarsi la situazione di stallo che ha colpito nelle ultime settimane il sistema delle opere pubbliche e dei trasporti nazionali, e che ha segnato un ulteriore stop nella tormentata realizzazione delle nuove metropolitane milanesi. La “spending review” elaborata dal governo Monti aveva infatti stabilito l’eliminazione della commissione interministeriale che doveva dare l’autorizzazione definitiva all’avvio dell’esercizio per importanti opere pubbliche, tra le quali la nuova linea metropolitana di Brescia e la M5 di Milano. Per la linea “lilla” milanese si era arrivati a ipotizzare un’apertura congiunta a 2013 inoltrato delle prime due tratte (Bignami-Zara e Zara-Garibaldi). Negli ultimi giorni è stato invece raggiunto un accordo istituzionale che permetterà di ridurre da 45 a 30 giorni i tempi per il collaudo definitivo della linea, così da poter aprire la prima tratta nei giorni compresi tra Natale 2012 e Capodanno 2013. L’apertura della tratta Zara-Garibaldi rimane invece prevista per l’autunno 2013, mentre per la terza e ultima tratta, la più importante, che collegherà spazi cruciali per la città come la stazione Garibaldi,  l’area fiera del Portello, la nuova zona residenziale Citylife-Tre Torri e lo stadio di San Siro, si ipotizza entro Expo 2015 l’apertura delle principali stazioni di interscambio con le altre linee (Garibaldi, Lotto, Monumentale e San Siro Stadio), rinviando il completamento delle altre stazioni al periodo post-Expo, quando entreranno nel vivo anche i lavori della M4 (la cui conclusione è prevista invece per il 2018).

Successo a Venezia per TrE Tourism Real Estate. Anche HBConsortium tra i partner dell’evento

11 ottobre 2012 ·

12 convegni, 80  relatori e oltre 500 società nella tre giorni presso il Porto di Venezia

Grande interesse per l’edizione 2012 di TrE Tourism Real Estate, l’evento dedicato all’ immobiliare turistico che ha raccolto dal 3 al 5 ottobre presso il Terminal Crociere del Porto di Venezia oltre 500 società ed enti del comparto hospitality. La manifestazione, organizzata da Expo Venice, ha visto tra i suoi partner HBConsortium, Ministero del Turismo, Regione del Veneto, Provincia di Venezia, Federalberghi, Federimmobiliare-Confindustria, Il Sole 24, Accor, Hilton, Melià, Nh, Ora Hotels & Resorts e Starwood. Tra i temi discussi nel programma di 12 convegni (con un totale di 80 relatori) la necessità di riconversione e ammodernamento delle strutture turistiche italiane (anche in chiave di ecosostenibilità); l’incontro possibile tra specializzazioni diverse all’interno del comparto, dal congressuale all’entertainment fino a turismo d’arte e iniziative per la terza età; gli interventi istituzionali  allo studio per il prossimo futuro, come la semplificazione delle norme urbanistiche, la creazione di zone franche e di una cabina di regia nazionale per il settore. Spazio importante anche alla discussione sulle nuove formule come il Condohotel e l’House Hotel, discussi nel convegno dal titolo  “Seconde case, condotel e house hotel: cosa cercano gli investitori stranieri e nuovi modelli di valorizzazione degli immobili”. TrE tornerà nel 2013, forte del successo di questa terza edizione, tutta all’insegna della progettualità e delle idee concrete per il rilancio del mercato nazionale.

 

Per informazioni: www.tre-expo.com

 

A BrixiaExpo torna la Borsa Nazionale del turismo lacustre

3 ottobre 2012 ·

Appuntamento per il 5 ottobre presso il polo espostivo di Brescia

Venerdi 5 ottobre è in programma presso BrixiaExpo, il polo fieristico di Brescia, l’edizione 2012 della “Borsa Internazionale dei Laghi d’Italia”, da 16 edizioni appuntamento centrale per gli operatori del turismo lacustre italiano e dell’indotto collegato. Afferma Marco Citterio, ad di Fiera Brescia: “Borsa dei Laghi è un format vincente, permette agli operatori di conoscersi, di incontrarsi realmente, e in un’epoca del ‘virtuale’ questi incontri face-to-face conferiscono  un valore aggiunto inestimabile all’appuntamento tra gli operatori presenti. Ancora una volta la Fiera mette in mostra  l’eccellenza italiana, in questo caso l’eccellenza dei servizi e gli elevati standard qualitativi  dell’offerta lacustre, molto apprezzata all’estero. In una giornata esclusivamente business la Borsa  dei Laghi rappresenta, per il sedicesimo anno, un appuntamento da non perdere, occasione  importante non solo per aprire o consolidare affari e contatti commerciali, ma soprattutto per un  confronto culturale e professionale tra gli operatori, che ci auguriamo possa essere da stimolo”.

Per informazioni: Ufficio stampa 030 34 63  495;  ufficiostampa@immobiliarefiera.it; www.brixiaexpo.it

Con Bulgaria e Indonesia Expo raggiunge i 100 paesi partecipanti

3 ottobre 2012 ·

Monti chiede uno sforzo comune delle istituzioni per il successo dell’Esposizione Universale

A meno di 950 giorni dall’apertura (30 aprile 2015) e in anticipo di tre mesi rispetto al termine fissato (fine anno), Expo 2015 ha raggiunto giovedi 27 settembre l’importante obiettivo dei 100 paesi partecipanti all’evento.  Le ultime nazioni ad aderire in ordine di tempo sono state la Bulgaria e l’Indonesia. Tra i principali paesi che hanno aderito finora a Expo ci sono Francia, Spagna, Germania,  Emirati Arabi Uniti, Turchia, Giappone, Cina, Russia e India. L ’annuncio è stato dato a New York dal premier Mario Monti, che ha affermato: Si tratta  di una soglia simbolica che manifesta il grande interesse per la manifestazione che avrà luogo nel 2015”.  Il presidente del Consiglio è poi intervenuto nuovamente sul tema Expo lunedi 1 ottobre, in occasione del Forum della Cooperazione Internazionale che si è tenuto presso il Piccolo Teatro di Milano, e ha invitato “tutte le istituzioni lombarde e milanesi, tutte le forze della società italiana ma in particolare lombarde e milanesi, per questo sforzo impegnativo e collettivo che darà, se avrà successo anche frutti importanti per costruire un permanente cordone ombelicale fra Milano e l’Italia e i Paesi nel mondo che coltivano questi valori e le politiche per realizzare questi valori”.

Expo 2015: arriva l’adesione della Germania

26 settembre 2012 ·

Sale a 98 il numero dei paesi partecipanti

Martedi 25 settembre la Repubblica Federale di Germania ha ufficializzato la presenza a Expo 2015, firmando il relativo contratto di partecipazione. La Germania è il 98° dei paesi che hanno finora confermato l’adesione a Expo, e il suo padiglione occuperà un’area di ben 4913 mq. Soddisfazione è stata espressa da Dietmar Schmitz, Commissario Generale di Sezione del Padiglione Tedesco, e dai responsabili istituzionali di Expo. Ha dichiarato Schmitz: “La Germania, come membro attivo e dedicato della comunità globale, ha sempre partecipato a tutte le Esposizioni Universali autorizzate dal BIE, il Bureau International des Expositions. Anche all’Expo del 2015 saremo  presenti e ancora una volta avremo uno dei padiglioni più grandi. A Milano metteremo in luce le straordinarie capacità e le competenze del nostro Paese: nel padiglione tedesco mostreremo che siamo un popolo cosmopolita e creativo, con un buon senso dell’umorismo”. Secondo Giuseppe Sala, ad di Expo 2015 S.p.A, “siamo in una fase in cui i rapporti operativi con i Paesi partecipanti si stanno facendo sempre più concreti. La firma di oggi ne è un esempio eccellente. La Germania, infatti, avrà un ruolo fondamentale all’interno di Expo Milano 2015: siamo certi che il padiglione tedesco interpreterà in modo originale il tema ‘Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita’. Questo contratto è uno dei migliori biglietti da visita con cui ci presenteremo all’International Participants Meeting di ottobre. L’IPM sarà l’occasione per molti altri Paesi di siglare la propria partecipazione”.

(Fonte: Expo 2015.org)

Expo 2015 verso quota 100 paesi partecipanti

19 settembre 2012 ·

La Tanzania è il 97° paese aderente all’evento

Tocca quota  97 il numero di paesi che hanno finora confermato la loro partecipazione a Expo 2015. Il mese di settembre ha visto infatti  l’adesione di tre importanti paesi africani: Ghana, Gambia e Tanzania. Il commissario generale di Expo, Roberto Formigoni, ha così commentato la notizia: “registro ancora una volta il vivo desiderio del continente africano di essere protagonista dell’Esposizione Universale italiana. Metà dell’Africa è già con noi e questo è un dato che va giudicato come assolutamente significativo. Nelle prossime settimane, a questo specifico aspetto verrà riservata un’attenzione tutta particolare sul nostro territorio: daremo spazio e voce ai protagonisti dell’Africa di oggi, nell’ottica di un confronto che possa essere il più possibile approfondito e costruttivo”.  L’obiettivo degli organizzatori rimane quota 130 paesi partecipanti, e un contributo importante potrebbe essere dato dal secondo “International Participants Meeting”,  in programma presso il MICO di Milano dal 10 al 12 ottobre 2012.

meno 1000 giorni a Expo: dal 31 luglio al 5 settembre una settimana di festeggiamenti

1 agosto 2012 ·

Tra gli eventi, il volo di un dirigibile sulla città e il lancio del progetto “Women for Expo”

Il prossimo 4 agosto mancheranno esattamente 1000 giorni all’apertura di Expo 2015, una data simbolica per la quale gli enti organizzatori dell’Esposizione hanno preparato un programma di festeggiamenti ed eventi istituzionali che è stato  presentato martedi 31 luglio presso la sede di Expo 2015 S.p.A. Roberto Formigoni, Commissario Generale di Expo Milano 2015, ha dichiarato: Vogliamo utilizzare questa data simbolicamente per dire che le istituzioni ci sono e che vogliamo coinvolgere sempre di più i cittadini. La prima fase è stata contraddistinta dalla costruzione della macchina, ora inizia la seconda fase in cui vogliamo concentrare l’attenzione sui contenuti che saranno uno dei punti di forza e di attrattività della Milano del 2015″. Il primo evento in programma (il 3 agosto alle 19.30 presso Palazzo Isimbardi) sarà la serata dal titolo “Immagini d’acqua e sapori di riso”, mentre il 4 agosto, alle 19.30, un dirigibile con la scritta “mille giorni all’ Expo” si alzerà dall’Arena, sorvolerà il Grattacielo Pirelli (sede di Regione Lombardia) e arriverà al Castello Sforzesco, dove fino al 11 agosto si terrà anche una rassegna musicale collegata al nuovo progetto  “Women for Expo”, una rete internazionale di 1000 donne che sosteranno in chiave femminile lo sviluppo dell’evento e le iniziative (anche imprenditoriali) sui temi dell’alimentazione, della salute e dell’ecosostenibilità.  (Fonti: Expo 2015.org/Adnkronos)

Pagina successiva »