Al via il piano “Milano 2015 City Operations” per Expo

20 Giugno 2012 ·

Approvato dalla Giunta il piano di integrazione tra Comune ed Expo 2015 S.p.A. per l’Esposizione Universale

La Giunta comunale di Milano ha approvato “Milano 2015 City Operations”, un piano di collaborazione tra Comune di Milano ed Expo 2015 Spa che permetterà di preparare e coordinare al meglio l’immagine turistica della città in vista della grande Esposizione Universale, ma anche negli anni successivi all’evento. Il piano è composto da undici azioni definite “obbligatorie” e da sette altri progetti definiti “qualificanti e strategici”.  I primi sono i progetti considerati necessari in chiave di sicurezza, mobilità, turismo ed eventi culturali: tra di essi la mobilità, programmi di gestione ambientale e di servizio oltre che di educazione e promozione sociale, fino allo sviluppo del marketing territoriale. I secondi sono invece le iniziative strategiche da realizzare compatibilmente con le risorse disponibili, su tutti lo sviluppo del “Brand Milano”, il supporto all’update tecnologico delle imprese,la riqualificazione della Darsena e delle Vie d’Acqua e la creazione di una rete di Distretti Agricoli, Cascine e Orti Urbani.

Torna alla home e consulta altre news

 

M4: i lavori partono a giugno, ancora polemiche su finanziamenti e ritardi

23 Aprile 2012 ·

A rischio le 3 fermate previste in apertura per Expo 2015, ma Pisapia rassicura: si farà in tempo

Nuove polemiche per il tormentato progetto di M4, la futura linea della metropolitana milanese che rischia di non aprire in tempo per Expo 2015. Dopo la fine della lunga battaglia legale sul bando di gara, infatti, è dovuto intervenire il sindaco di Milano Giuliano Pisapia per frenare le  voci di problemi di finanziamento riportate la scorsa settimana dal “Corriere della Sera”. Secondo il quotidiano di via Solferino, per completare entro il 2015 il primo lotto di lavori (l’apertura di 3 stazioni tra l’aeroporto di Linate e Viale Forlanini, uno dei maggiori snodi viabilistici della città) la cordata vincitrice dell’appalto, guidata da Impregilo, avrebbe chiesto uno stanziamento al comune di 100 milioni di euro, mentre l’amministrazione sarebbe stata disponibile a concedere solo la metà. Secondo Pisapia è stata trovata una formula di compromesso. L’esborso richiesto al Comune sarà compensato con l’allungamento dei tempi di gestione della linea (in project financing) da parte del costruttore, e con forti penali in caso di ritardo nella consegna dei lavori, il cui inizio vero e proprio è programmato per ragioni di sicurezza a giugno, subito dopo la visita di Benedetto XVI, che sarà in città  dal 31 maggio al 3 giugno per l’Incontro Mondiale delle Famiglie e che atterrerà proprio allo scalo di Linate.

Torna alla home e consulta altre news

Expo 2015: 78 paesi, confermata la partecipazione del Giappone

4 Aprile 2012 ·

II Primo ministro giapponese Noda ha comunicato al premier Monti l’adesione di Tokyo all’evento

Anche il Giappone parteciperà a Expo 2015. La notizia è stata annunciata dal Primo ministro Yoshihiko Noda al premier Mario Monti in occasione del viaggio in Oriente che sta impegnando in questi giorni il capo del governo. L’adesione di Tokyo porta a 78 il numero dei paesi che hanno finora aderito all’Esposizione Universale, tra i quali spiccano Francia, Germania, India e Russia. Sodddisfazione nei commenti del premier, ma anche in quelli dei commissari all’evento, Roberto Formigoni e Giuliano Pisapia, e dell’AD di Expo 2015 Giuseppe Sala. Sala ha sottolineato l’impegno del governo per la promozione di Expo e l’importanza della partnership col Giappone: il paese nipponico ha infatti dedicato la sua Esposizione Universale del 2005 (tenuta nella città di Aichi) ai temi dell’ecosostenibilità e del rapporto tra tecnologia, natura e alimentazione che saranno anche al centro di Expo 2015, e porterà quindi un contributo organizzativo e tematico tra i più importanti per l’Esposizione Universale. 

(Fonte: Expo 2015)

Torna alla home e consulta altre news

Darsena, approvata dal Comune di Milano la riqualificazione

29 Febbraio 2012 ·

Al via lavori da 17 milioni di euro per Expo 2015

La Giunta comunale di Milano ha approvato il progetto preliminare per la riqualificazione della Darsena. Il progetto fa parte del piano “Via d’acqua-Parco di Expo” che entro il 2015 dovrà dotare la provincia di Milano di una nuova rete di trasporti e spazi pubblici incentrati sul potenziale dell’acqua e su una nuova connessione con e tra i Navigli. Al centro della delibera c’è la ricostruzione dello storico Porto della Darsena, previsto fin dal piano originario risalente al 2004. I lavori avranno un costo previsto di 17 milioni di euro e il Comune sarà anche responsabile della progettazione definitiva ed esecutiva dei lavori, mentre sarà la Società di gestione di Expo 2015 a supervisionare la fase operativa.

(Fonte: Comune di Milano)

Expo: presentato il progetto delle nuove vie d’acqua milanesi

7 Febbraio 2012 ·

L’evento del 2015 dà un’importanza sempre maggiore al rilancio dei Navigli e della Darsena 

Importante incontro, domenica 5 gennaio, al Teatro Dal Verme di Milano sul tema delle vie d’acqua milanesi e sui loro progetti di sviluppo e riqualificazione, centrali in vista di Expo 2015 e dell’assetto della città nei prossimi decenni.  Durante l’evento, a cui hanno partecipato l’ad di Expo 2015 Giuseppe Sala e i commissari per l’evento, Roberto Formigoni e Giuliano Pisapia,  è stato infatti presentato il progetto di un nuovo percorso ciclabile che dovrebbe collegare i Navigli e il centro della città con l’area dell’Esposizione Universale e il parco di Trenno. Per il collegamento sarebbe pronto un finanziamento da 175 milioni di euro, e l’inizio dei lavori è previsto per il 2013. L’anello ciclabile di 125 chilometri sarebbe accompagnato da una nuova rete irrigua che partirebbe dalle Dighe di Panperduto, sul Ticino (da cui ha origine il canale Villoresi)  e toccherebbe oltre a Milano anche la Brianza e alcune ville e parchi storici di prestigio, tra i quali il Parco di Monza, il Parco delle Groane e Villa Arconati a Castellazzo di Bollate.

Dl semplificazioni, novità per turismo ed Expo

1 Febbraio 2012 ·
Novità importanti anche per il comparto nel decreto del governo

Il decreto legge sulle semplificazioni approvato venerdi scorso dal  governo Monti tocca anche il comparto turistico nazionale con interventi sulla gestione dei fondi e di revisione del Codice del Turismo approvato lo scorso anno dal governo Berlusconi. Oltre allo sblocco dei finanziamenti per la realizzazione delle infrastrutture legate a Expo 2015, il decreto prevede iniziative tese a migliorare l’organizzazione del “turismo accessibile” per giovani, anziani e invalidi, a sostenere i circuiti turistici e le località di eccellenza e a ridistribuire i fondi sequestrati alla criminalità organizzata a giovani sotto i 35 anni per l’avvio di imprese nell’ospitalità turistica. Il decreto è attualmente in attesa della firma del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.