NTV in Veneto: Casa Italo a Mestre e promozioni sui viaggi nel nordest

13 marzo 2013 ·

Novità importanti per la primavera 2013 da NTV, la compagnia di trasporto ferroviario privato ad alta velocità. Il mese di marzo vede infatti l’entrata in servizio dell’ultimo dei 25 treni della flotta NTV, che entra così in pieno regime operativo. Inoltre la società, reduce dalla presentazione al salone internazionale ITB di Berlino del suo accordo con ENIT, si prepara anche all’apertura del centro assistenza clienti “Casa Italo” di Mestre approntando un programma di offerte su misura per il trasporto nel Veneto. Le offerte prevedono l’attivazione di abbonamenti mensili per la linea Bologna-Padova-Venezia (con le seguenti tariffe: 144 euro tra Venezia e Padova, 214 euro tra Padova e Bologna, 274 euro tra Venezia e Bologna); tariffe speciali fino a fine marzo per i viaggi in ambiente Club o Prima sulle linee Venezia-Roma e Padova Roma e per i viaggi in ambiente Smart sulle linee Padova-Bologna, Venezia-Bologna, Padova-Firenze. Sempre fino a fine marzo, inoltre, chi viaggia in coppia potà godere di uno sconto del 50% sulla tariffa del secondo passeggero sui treni da Bologna o da Firenze per Padova o Venezia (in ambiente Smart o Prima).

(Fonte e info: NTV)

2-5 marzo 2013: a Viterbo torna la Borsa del Turismo Sociale e Associato

27 febbraio 2013 ·

Presso la sede romana di ENIT è stata presentata la 13°edizione della Borsa del Turismo Sociale e Associato, che si terrà a Viterbo dal 2 al 5 marzo 2013. All’evento prenderanno parte 100 buyer (di cui 30 provenienti dall’estero) e 350 seller nazionali. La BTSA è promossa dalla società Rete System SRL e da CAT (Centro Assistenza Imprese di Confesercenti Viterbo) in collaborazione con diversi enti, tra cui Unioncamere Lazio, ENIT e Regione Lazio, ed è patrocinata dal Ministero del Turismo. Evento centrale dell’edizione 2013 sarà il Workshop del 4 marzo (in programma presso l’Hotel Salus Terme della città laziale), dedicato all’incontro tra buyer italiani e operatori stranieri.

In occasione della presentazione, Vincenzo Peparello,  presidente di CAT (Centro Assistenza Imprese)/Confesercenti di Viterbo, ha dichiarato: “la manifestazione è di eccezionale importanza per l’intero sviluppo economico del territorio. La presenza in questi giorni di centinaia di operatori turistici provenienti da tutta Italia e dall’estero, consentirà di far conoscere l’intera Regione, sia attraverso gli educational che organizzeremo, sia attraverso i contatti e le contrattazioni. Particolare rilievo verrà dato alle tematiche che verranno affrontate nel corso del Convegno in programma il 2 marzo e che riguarderanno la situazione attuale, le prospettive di sviluppo e le strategie di marketing territoriale orientato, nonché la destagionalizzazione dei flussi turistici. Il tutto comparato con gli indirizzi generali previsti dal piano 2020 del ministro Gnudi”.

Secondo Nicola Ucci,  fondatore di Rete System e curatore di BTSA 2013, “la domanda turistica che si sprigiona dalle Organizzazioni del Turismo Associato e Sociale, sempre più segmentata per tipologie e contenuti, oltre che spalmata in quasi tutti i periodi dell’anno, sviluppando flussi pluristagionali molto preziosi in un mercato turistico che soffre. In questi anni abbiamo assistito ad un cambio profondo nella struttura, nei contenuti, nella considerazione stessa della vacanza e del turismo. I cral, i dopolavori, le associazioni culturali, sportive e ricreative rappresentano una significativa quota del mercato turistico italiano ed è a queste figure che la BTSA si rivolge per favorire la commercializzazione della offerta nazionale ed estera. “La nostra politica”,  conclude Ucci, “ci porta a selezionare le richieste di adesione. A questa edizione saranno presenti 85 buyer, ma questi sono il frutto di una selezione operata su ben 380 organismi che avevano fatto richiesta di partecipazione”.

Forum Turismo Ansa con Gnudi e Celli: ridare visibilità al turismo

20 febbraio 2013 ·

Verso il rilancio del portale Italia.it. ENIT: ripensare tassa di soggiorno e governance

L’agenzia ANSA ha ospitato lunedi 18 febbraio nella sua sede di Roma le massime autorità del turismo italiano, in occasione di un forum tematico che ha visto anticipazioni sui progetti di rilancio del settore, dal Piano Strategico per il Turismo al rilancio della promozione turistica integrata nelle singole regioni. All’incontro hanno partecipato il ministro del Turismo Piero Gnudi, il presidente di ENIT Pierluigi Celli e il direttore generale dell’Ente Nazionale del Turismo, Andrea Babbi (nella foto). Il ministro uscente del turismo ha affermato che occorre ripensare come “tassa di scopo” l’imposta di soggiorno e dotare il comparto di un ministero con portafoglio, e sempre sul tema del prossimo assetto istituzionale del settore, Gnudi e Celli si sono dichiarati concordi nelle critiche a una possibile aggregazione tra Ministero del Turismo e Ministero dei Beni Culturali.  I rappresentanti di ENIT hanno sottolineato in modo particolare l’importanza di nuove politiche di marketing, sia a livello comunicativo che commerciale. Andrea Babbi ha infatti anticipato il prossimo passaggio del portale Italia.it sotto la diretta gestione di ENIT, e il presidente Celli ha poi affermato che 5 regioni raccolgono il 72% delle presenze straniere in Italia, situazione che richiede di diversificare l’offerta, di studiare “nuovi stimoli” per l’immaginario e di lavorare al miglioramento dei collegamenti aerei con i paesi BRIC, in particolare con la Cina, anche in vista degli arrivi dei visitatori per EXPO 2015.

(Fonte: ANSA)

Farnesina ed ENIT: accordo sui visti d’ingresso per i viaggiatori da India, Russia e altri paesi

30 gennaio 2013 ·

Presso la Farnesina è stato firmato un protocollo di intesa tra ENIT-Ente Nazionale del Turismo e il Ministero degli Esteri, teso a facilitare gli arrivi verso l’Italia dai paesi asiatici per turismo e attività d’impresa.
L’accordo prevede infatti un supporto diretto di ENIT alle ambasciate italiane in paesi come Russia, India, Ucraina e Kazakhstan, per la concessione più rapida di visti turistici d’ingresso nel nostro paese. L’Italia è secondo i dati riportati da ENIT una delle destinazioni preferite dai viaggiatori di origine asiatica: nel 2012 sono stati oltre 631.000 (+8,2% rispetto al 2011) i visti concessi a viaggiatori russi, 288.000 (+12,8%) a cinesi, 116.000 quelli concessi a turchi (+14,5%). Nel complesso i visti nel 2012 sono stati 1.870.000 (+9 % rispetto al 2011), in gran parte per motivi turistici (1.360.000, +15,3%) ma con una crescita anche nell’ingresso di imprenditori (202.000 visti, +5,4%).
Il segretario generale della Farnesina, Ambasciatore Michele Valensise, ha così commentato l’accordo: “La politica dei visti è fondamentale nell’azione della diplomazia italiana a sostegno della crescita del Paese. Essa favorisce l’afflusso sia di turisti, attratti del patrimonio culturale unico dell’Italia, sia di imprenditori, interessati alle opportunità di investimento nel nostro Paese. Facendo fronte in tempi più rapidi all’accresciuta domanda di visti rafforzeremo la capacità della nostra rete di fornire un servizio sempre più efficiente in un settore per noi strategico”.
Il Presidente Celli (nella foto) ha commentato a sua volta: “È uno strumento che rafforza ulteriormente una collaborazione che ha già dimostrato ciò che possiamo fare operando insieme alla Farnesina. Desidero ringraziare il Ministro Gnudi che sin dal suo insediamento ha affrontato la questione nelle competenti sedi nazionali, europee ed internazionali, così come il Dipartimento per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport, al quale va il merito di aver reso possibile l’accordo, facendosi carico degli oneri finanziari, altrimenti insostenibili per l’ENIT”.

Federcongressi contro la chiusura del Convention Bureau nazionale

12 dicembre 2012 ·

Il presidente di Federcongressi&Eventi, Paolo Zona (nella foto), si è espresso con durezza sull’imminente chiusura di Convention Bureau Italia S.p.A., la società controllata da ENIT/Ente Nazionale del Turismo e nata nel 2011 per raccogliere sotto un unico “cappello” amministrativo la meeting industry nazionale. Secondo Paolo Zona, “la fine del CB ci riporta indietro almeno di sette anni, quando l’unico organismo promozionale della nostra filiera era il network interregionale Italia for Events e il congressuale era una delle tante cose di cui l’ENIT si occupava, senza fondi dedicati. Rimettere il tutto in un ufficio dell’ENIT, dopo che a me personalmente sia il Ministro Gnudi che il nuovo Presidente Celli avevano detto il contrario, significa decretare la morte della promozione del nostro turismo congressuale”. Nella nota stampa, il cui testo completo è disponibile sul sito di Federcongressi, Zona parla anche di scarsa trasparenza e di ingerenze politiche nella governance del CB e sottolinea la necessità che il CB “comprenda le logiche del mercato congressuale mondiale e metta gli operatori in condizione di rapportarsi con questo organismo, svolgendo una funzione di monitoraggio e non di concorrenza, come ahimé è stato sino a ora, curando le destinazioni più semplici da promuovere, come Roma e Milano, trascurando spesso le altre”.

Enit: 11 regioni italiane al WTM di Londra

7 novembre 2012 ·

È in corso a Londra World Travel Market, la maggiore fiera turistica del mercato europeo. All’evento partecipa anche il nostro paese con rappresentanze  di 11 regioni, di province come Trento e Terni e di Roma Capitale. L’area espositiva “Spazio Italia” occupa  1200 mq e la presenza italiana è guidata da ENIT. “Rispetto ad altri paesi l’Italia viene ancora considerata dai turisti britannici una destinazione di qualità, anche se un po’ cara”, ha affermato il Presidente dell’ENIT, Pier Luigi Celli (nella foto),  “come attestato anche dell’ultimo riconoscimento arrivato dai lettori di Condé Nast Traveller, una delle riviste leader in campo turistico a livello internazionale, che hanno indicato l’Italia come Number One in the World. La stessa stampa si occupa con costanza ed attenzione del nostro Paese ed ha prodotto, sostenuta anche dallo sforzo dell’ufficio ENIT, oltre milleseicento articoli turistici sull’Italia, quasi tutti positivi, nell’ultimo biennio.”

Accordo ENIT-ICE per la promozione del turismo italiano all’estero

18 ottobre 2012 ·

ICE, Agenzia per la promozione all’ estero e l’ internazionalizzazione delle imprese italiane, ed ENIT, Agenzia Nazionale del Turismo, hanno firmato martedi 16 ottobre un accordo che prevede l’ integrazione logistica dei loro uffici all’ estero e il coordinamento delle rispettive iniziative in un’ ottica sinergica di promozione del nostro Paese, ispirato a criteri di qualificazione della spesa e di ottimizzazione dell’uso delle risorse pubbliche. L’ accordo è stato così commentato dal presidente di ICE Riccardo Monti: “Le prime sedi ad ospitare gli Uffici ICE-ENIT saranno quelle di Sydney, San Paolo, Shanghai, Dubai, Mumbai e Varsavia, le ultime tre con un Punto di Corrispondenza. Questo è solo l’ inizio perché presto altre ne seguiranno in un’ ottica di sistema che mette a fattor comune tutte le strutture e le competenze a supporto del Made in Italy, dei suoi prodotti e del suo territorio. Un connubio di cui si parla da tanto tempo e che ora finalmente si comincia a realizzare. L’ Accordo firmato oggi, rappresenta un ulteriore tassello di un programma di riordino e razionalizzazione del Sistema Italia all’ estero di cui gli Uffici ENIT sono una parte importante”. A Monti ha fatto eco il presidente di ENIT, Pier Luigi Celli: “ENIT ha subito colto nel lavoro di squadra che si prospetta con altre istituzioni e realtà operanti all’ estero – com’ è appunto l’ Agenzia ICE -una grande occasione per valorizzare l’ immagine globale dell’ Italia e per trarre, quindi, non solo consistenti benefici in termini di spending review, ma anche di attrazione di turisti. Credo che con questo impegno congiunto potremo fare ‘massa critica’ nella promozione del turismo e degli altri settori di esportazione, per accrescere l’ offerta già di per sé rilevante che tali attività arrecano all’ economia nazionale. Abbiamo bisogno di crescere e conquistare nuovi mercati, evitando però la dispersione di risorse”. (Nella foto: Riccardo Monti, presidente di ICE).

Titolo V della Costituzione: torna in mano allo Stato la legislazione del turismo

11 ottobre 2012 ·

Approvata la riforma che riassegna le competenze legate a energia e trasporti. Apprezzamenti e critiche dalle associazioni di settore.

Il governo ha approvato il disegno di legge sulla riforma del Titolo V della Costituzione, con il quale anche in materia turistica ritorna allo Stato gran parte delle competenze legislative affidate negli ultimi decenni alle Regioni. In particolare con il ddl  viene riattribuita allo Stato la legislazione esclusiva su porti marittimi e aeroporti civili, sulle maggiori reti di trasporto e navigazione, sui sistemi di trasporto e distribuzione nazionale dell’energia. Cauti i primi commenti delle associazioni alla mossa dell’esecutivo. Se Renzo Iorio di Federturismo Confindustria esprime soddisfazione per l’iniziativa (definendola una scelta che “pone le basi per una coerente politica nazionale di sostegno alla competitività dell’Italia e delle sue destinazioni turistiche”), più critica è Federalberghi, che attraverso il presidente Bernabò Bocca, pur apprezzando la decisione, ricorda anche la necessità di mantenere “l’opportuno coinvolgimento delle Regioni” e si esprime contro l’aumento dell’IVA al 22% (sia pure bilanciato dalla riduzione dell’IRPEF): secondo Bocca l’aumento dell’IVA “oltre a ridurre ulteriormente il giro d’affari del settore, porrà l’Italia turistica ai margini di un mercato che vede nell’esposizione delle tariffe l’unica arma di competitività riconosciuta a livello globale dalla clientela, in una fase di recessione quale l’attuale”. Secondo Pierluigi Celli, presidente di ENIT (nella foto), “per ENIT è chiaro che la competenza primaria sul Turismo sia delle Regioni. Ma quando noi andiamo all’estero dobbiamo presentare l’Italia ed è molto importante anche per le Regioni presentarsi in un contesto tale che legittimi il fatto che sono parte di un Paese che ha dignità e reputazione in quanto tale, nonostante quel che sta accadendo in queste settimane”.

ENIT: Andrea Babbi è il nuovo direttore generale

19 settembre 2012 ·

  Commenti positivi sulla nomina dalle associazioni di settore

Il consiglio di amministrazione di ENIT, l’Ente del Turismo Italiano, ha designato la scorsa settimana come nuovo direttore generale Andrea Babbi, attuale amministratore delegato di Apt Servizi Emilia Romagna. Babbi, 50 anni, prende il posto di Paolo Rubini. La decisione è stata accolta con soddisfazione da tutte le principali associazioni di settore, a partire da Federturismo, il cui presidente Renzo Iorio ha dichiarato: La nomina di Babbi chiude, auspichiamo, il processo di rinnovo della guida dell’Agenzia dopo la nomina del Presidente Pierluigi Celli di alcuni mesi fa, e consente ora di concentrarsi a pieno nel rilancio della promozione turistica del nostro Paese nel mondo e supportare adeguatamente le azioni in vista di EXPO2015”. Simile l’auspicio di Nardo Filippetti, presidente di ASTOI Confindustria: “Ci auguriamo che una figura di spicco come Babbi possa contribuire non solo a far raggiungere la piena operatività all’ente, ma anche a fare da stimolo propulsivo all’adozione di misure che conducano finalmente a una promozione forte e coordinata dell’Italia”.  A Babbi sono giunti anche gli auguri di Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, che aggiunge: “per Babbi sarà un’occasione per dare impulso all’attività dell’Agenzia e soprattutto un contributo concreto alla valorizzazione delle potenzialità ancora inespresse del comparto turistico”.

ENIT ed ETOA a Londra per “City Fair 2012”

16 maggio 2012 ·

Anche l’Italia Il 25 giugno al Wembley Stadium per l’evento internazionale del business turistico

L’accordo tra ENIT (Agenzia Nazionale del Turismo) ed ETOA (European Tour Operators Association) offre ai Tour Operator italiani un’importante spazio promozionale e una vetrina per il nostro sistema turistico  attraverso la partecipazione a City Fair 2012, l’evento internazionale del business turistico in programma  il prossimo 25 giugno al Wembley Stadium di Londra. I TO italiani, gli enti turistici, gli operatori locali e i rappresentanti delle convention bureau potranno presentare in quella sede la propria attività ad oltre 200 prestigiosi buyer internazionali e avranno a disposizione una tariffa speciale di partecipazione. Fra le aziende che hanno già confermato la loro partecipazione Try Triangle: DMC (Destination Management Company), Kings Holiday, Gruppo CHC (City Hotels Company), Caravan Tours.

Torna alla home e consulta altre news

Enit: Pierluigi Celli è il nuovo presidente

10 aprile 2012 ·

Il Consiglio dei Ministri ufficializza la nomina dopo le lunghe polemiche. Le reazioni

Pierluigi Celli è il nuovo presidente di Enit, l’Agenzia Nazionale del Turismo. La nomina dell’attuale direttore generale dell’Università Luiss di Roma è stata deliberata dal Consiglio dei Ministri di martedi 3 aprile, che ha posto dunque fine a lunghe settimane di polemiche segnate anche da divisioni politiche, perplessità delle competenti Commissioni Parlamentari e dal ricorso al Tar dell’ex commissario straordinario Matteo Marzotto. Soddisfazione per la nomina e disponibilità a collaborare con la nuova direzione di ENIT sono state espresse dalle principali associazioni di settore. Per Claudio Albonetti, presidente di Assoturismo-Confesercenti, “finisce finalmente il lungo periodo di commissariamento” ed è opportuno che ENIT, nelle sue funzioni di promozione internazionale del turismo italiano, sostenga anche la visibilità delle località turistiche italiane meno note, mentre Renzo Iorio, presidente di Federturismo, ha definito la nomina di Celli  “un segnale di attenzione del governo, un’attenzione che testimonia l’importanza della promozione turistica unitaria del nostro paese”.

(Fonte notizia: TTG)

Torna alla home e consulta altre news

Enit: il Senato si esprime sulla nomina di Celli

13 marzo 2012 ·

Atteso il parere della Commissione Industria sui nuovi vertici dell’Agenzia nazionale del Turismo

 Oggi 13 marzo la Commissione Industria del Senato si riunirà per fornire il suo parere sulla proposta di nomina a presidente e a direttore generale di Enit di Pierluigi Celli (attuale Direttore Generale dell’ Università Luiss ed ex presidente della RAI) e di Daniel John Winteler (Presidente e AD di Alpitour ed ex presidente di Federturismo Confindustria), oltre che sulla possibile trasformazione di Enit in una SpA. Il cambio ai vertici dell’Agenzia Nazionale del Turismo è oggetto di discussione e polemiche dallo scorso gennaio, quando il ministro del Turismo Piero Gnudi ha avanzato la prima proposta di nomina, subito arenatasi  (nonostante il parere favorevole espresso dalle Regioni) per la mancanza di accordo sul nome di Celli nella corrispondente X Commissione della Camera e per il ricorso al TAR presentato dall’ex presidente e  commissario di ENIT Matteo Marzotto.  

(Fonte: TTG)

Torna alla home e consulta altre news

 

Enit: verso un cambio ai vertici?

25 gennaio 2012 ·
L’Ente Nazionale del Turismo potrebbe anche essere trasformato in una SpA a maggioranza pubblica.

Si sono rincorse negli ultimi giorni voci su un assetto per Enit e su un possibile intervento del governo nell’organizzazione della struttura. L’Ente nazionale del Turismo, commissariato dal 2009 e attualmente guidato da Matteo Marzotto, potrebbe essere affidato al tandem Pier Luigi Celli e Daniel John Winteler. Celli, ex presidente della Rai e attuale direttore generale dell’Università Luiss Guido Carli, potrebbe andare alla presidenza, mentre per Winteler, già a capo di Federturismo-Confindustria e attualmente presidente e ad di Alpitour, si parla della direzione generale. Inoltre il governo Monti, attraverso il ministro del Turismo Piero Gnudi, starebbe valutando la possibilità di trasformare l’Enit in una Società per Azioni a maggioranza pubblica, della quale Winteler sarebbe amministratore delegato.

(Fonte: ANSA)

Costa Concordia, Enit parteciperà a Seatrade

17 gennaio 2012 ·
L’Ente nazionale del  Turismo interviene per rilanciare l’immagine del  turismo crocieristico italiano

Il Direttore Generale di ENIT, Paolo Rubini, è intervenuto a proposito della tragedia della Costa Concordia, la nave da crociera naufragata nelle acque dell’Isola del Giglio e per la quale prosegue in queste ore la lotta contro il tempo per i soccorsi e la ricerca di superstiti. Oltre a esprimere il cordoglio dell’Ente, Rubini sottolinea in una nota che la catastrofe è stata un evento eccezionale e non rappresentativo dell’eccellenza tecnologica e degli elevati standard di sicurezza della crocieristica italiana. Per sostenere il rilancio dell’immagine del comparto ENIT ha deciso di partecipare a Fiera Seatrade Cruise and Shipping Convention, in programma a Miami dal 12 al 15 Marzo prossimi, e metterà gratuitamente a disposizione di tutti gli operatori del settore i propri servizi e le proprie strutture, incluse quelle all’estero. Dichiara il presidente Rubini: “In questo momento è importante che il Paese sia vicino alle vittime ed alle loro famiglie ma anche che esprima in modo concreto il proprio sostegno alle imprese del settore ed ai tanti operatori che svolgono il proprio lavoro nella massima correttezza e nel completo rispetto delle regole della navigazione e del settore”.

ENIT: Turismo outgoing, l’Italia continua a crescere

20 dicembre 2011 ·

Presentato il “Monitoraggio” della rete estera e dei tour operator italiani

Il consueto monitoraggio prefestivo della rete estera e dei Tour Operator, curato da ENIT e dedicato al turismo outcoming nel nostro paese, fornisce risultati positivi riguardo al primo semestre 2011 e in vista del nuovo anno. Secondo il Commissario straordinario Matteo Marzotto, gli arrivi nel nostro paese sono aumentati nel periodo in esame del 7,3%, le presenze estere del 5% e la spesa del 6,5%.  Le prime stime per il 2012 tratteggiano anche un quadro ottimistico sulla vendita dei pacchetti turistici con destinazione Italia: il 71% dei Tour Operator intervistati ne prevede una crescita, anche grazie al continuo aumento delle prenotazioni dai paesi BRIC (Brasile, Russia, India e Cina). Il direttore generale di ENIT, Paolo Rubini, ha commentato così questi dati: “Questo trend favorevole è di buon auspicio per il futuro della nostra industria turistica, ci conferma che i nostri ospiti stranieri continuano a ritenere la vacanza un bene di consumo primario ed irrinunciabile ed in questo senso l’Italia continua ad esercitare la sua inossidabile attrazione che vanno a sommarsi ad altri riscontri positivi, come la recente graduatoria di FutureBrand che riposiziona l’Italia nella classifica delle top ten per i marchi Paese, grazie ai suoi atout più tipici, come cultura, turismo, stile, cucina”.

Enit promuove il turismo nei paesi arabi

13 dicembre 2011 ·

L’Agenzia Nazionale del Turismo e Assocamerestero hanno organizzato in collaborazione con l’Assessorato al Turismo di Dubai una giornata di incontro tra rappresentanti del settore turistico italiano e gli operatori turistici delle monarchie petrolifere degli Emirati. La rappresentante dell’ENIT a Dubai, Jessica Scopacasa, ha definito l’Italia come una “destinazione in assoluto tra le più richieste dai cittadini della regione” ma “concentrata alle grandi città di shopping e prestigio”, con una forte concorrenza da parte di paesi come Svizzera e Austria dotati di migliori strutture sciistiche, elemento su cui si è concentrata da tempo l’attenzione degli investitori arabi. Il seminario è stato tra gli eventi principali della quinta edizione di Italian Festival Weeks, il programma di eventi e scambi culturali organizzato dalla Camera di Commercio Italiana negli Eau e che dal 2007 affianca agli incontri tecnici una selezione della migliore offerta turistica e culturale italiana.

(Fonte: Enit)

Manovra Monti: giallo sulla sorte di Enit

6 dicembre 2011 ·
Il governo progetta di dividere tra più ministeri le funzioni dell’Agenzia per il Turismo.
 
 Cresce l’incertezza sulla proposta di dismissione dell’ENIT contenuta nella manovra economica. La prima bozza del Documento di Programmazione Economica, circolata nella giornata di ieri, stabiliva infatti la soppressione dell’ente e il trasferimento di funzioni e personale ai Ministeri dello Sviluppo Economico, degli Affari Esteri e dell’Economia. Dopo la reazione negativa di Paolo Zona, presidente di Federcongressi & Eventi, che in una nota aveva definito la decisione “lobbystica”, il provvedimento sembra essere stato eliminato dal testo definitivo (firmato questa mattina dal presidente Napolitano) e sostituito con una più generica “riorganizzazione” da completare entro i prossimi 6 mesi. Se confermato, il piano originario del governo prevede invece l’attribuzione delle funzioni di ENIT al ministero guidato da Corrado Passera. Agli Affari Esteri spetterebbe invece la ricollocazione del personale che lavora all’estero, mentre l’Economia dovrebbe gestire in un apposito fondo le risorse già destinate ad ENIT (circa 60 milioni di euro dal 2012 al 2014).  

Accordo Enit-Enac per sviluppare gli scali minori

11 ottobre 2011 ·

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile e l’ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo hanno siglato una Convenzione finalizzata ad attività di promozione e comunicazione per il rilancio degli aeroporti minori: “il rilancio dei territori”, commenta il presidente dell’Enit Matteo Marzotto, “è stato spesso trainato proprio dagli aeroporti locali”, per cui,  a favore dell’industria turistica un sistema articolato di aeroporti appare assolutamente fondamentale.

Enit e Enac partner per lo sviluppo degli aeroporti minori nei circuiti internazionali. I due enti hanno siglato una convenzione per l’attività di promozione e comunicazione, con l’obiettivo di dare impulso ai flussi turistici di aviazione generale provenienti anche dall’estero. Tra i punti salienti della convenzione, la diffusione di materiale informativo all’estero; la realizzazione di campagne internazionali per far conoscere la rete di aeroporti minori italiani, di avio e elisuperfici; la realizzazione di eventi e workshop tematici. L’Enac, per il triennio 2010-2012, ha predisposto un investimento di 33 milioni di euro. “Per l’industria turistica un sistema articolato di aeroporti è fondamentale – commenta il presidente dell’Enit, Matteo Marzotto -: il rilancio di territori è stato spesso trainato proprio dagli aeroporti locali. Il trasporto aereo in generale è decisivo da sempre per il Paese perché permette l’accesso diretto all’Italia dei flussi turistici, in particolare per ciò che riguarda i nuovi grandi mercati”. (Fonte: TTG)

L’Italia turistica fa il pieno di riconoscimenti

20 settembre 2011 ·

L’Italia continua ad aggiudicarsi l’approvazione da parte dei paesi stranieri. Il nostro Paese appare molto amato all’estero come meta turistica, lo conferma il fatto che è stato premiato come uno tra i paesi a maggiore vocazione turistica da parte di note riviste nel campo del turismo sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti. L’Italia gode di una popolarità indiscussa e questo, nonostante la crisi, incoraggia gli investimenti da parte dell’ENIT che sta promuovendo l’immagine del nostro Paese all’estero.

L’Italia turistica si aggiudica premi e riconoscimenti da parte dei lettori stranieri amanti del nostro Paese. Nel Regno Unito, la prestigiosa rivista Conde’ Nast Traveller ha conferito all’ Italia il primo premio per la categoria “Countries”, inserendo il nostro Paese tra i maggiori a vocazione turistica, prima ancora degli USA e delle destinazione esotiche. Mentre negli Stati Uniti, un’altra pubblicazione leader dell’informazione turistica, Travel+Leisure, inserisce Firenze e Roma rispettivamente al secondo ed al terzo posto nella classifica “2011 World’s Best Awards”, in base a diversi parametri, come i più suggestivi panorami, l’arte e la cultura, l’enogastronomia, l’accoglienza e lo shopping.
“La popolarità indiscussa di cui gode il nostro Paese – fa notare il Direttore Generale dell’ ENIT, Paolo Rubini – è confermata anche dai numeri di grande partecipazione sia in Russia che in Cina per le prime tappe del nostro Progetto ITALIA COMES TO YOU che hanno fatto registrare cifre record: a Mosca, punte di 40 persone al minuto di accessi e circa 11.000 visitatori in totale nelle prime due giornate di apertura, per un risultato complessivo di oltre 36.000 visitatori; a GuangZhou (Canton), più di 4.000 visitatori, con punte elevate di affluenza negli ultimi giorni, anche in funzione delle condizioni meteo che nelle altre giornate non hanno agevolato gli spostamenti e l’affluenza. Lavoriamo, quindi, per stimolare e incoraggiare questo forte desiderio Italia nei viaggiatori stranieri che – sottolinea Rubini – nonostante il perdurare della crisi economica e finanziaria globale, continuano a decidere di utilizzare le proprie risorse economiche per il turismo, confermando che il viaggio è, ormai, un bisogno primario ed irrinunciabile. Anche i dati internazionali confermano ciò, con l’ultimo bollettino dell‘Unwto, l’ Agenzia Onu per il turismo, che riporta un incremento del 5% nel primo semestre di quest’anno, cioè 440 milioni di arrivi internazionali. La conferma della simpatia da parte dei turisti internazionali verso la destinazione Italia come meta di vacanze, ci incoraggia a continuare nella strada intrapresa, confermando la validità della nostre strategie”. (Fonte: ENIT)

L’ ENIT porta “Italia comes to you” nei paesi BRIC

31 agosto 2011 ·
 

Prende il via dalla Cina e dalla Russia, “Italia Comes to You”, l’ articolato Progetto di sistema Paese, che coinvolgerà anche gli altri due Paesi Bric, cioè il Brasile e l’India.

Per la Cina sono state scelte le città di Canton, Pechino e Shanghai e gli eventi programmati si terranno da sabato 27 agosto al 4 settembre nella prima città, dal 17 al 25 settembre nella seconda e dall’8 al 16 ottobre nella terza.

Per la Russia saranno le città di Mosca, dal 27 agosto al 4 settembre, San Pietroburgo dal 10 settembre al 18 ed Ekaterinburgo dal 24 settembre al 2 ottobre le location destinate ad ospitare, nell’arco di nove giorni, in un Air Dome di grande impatto visivo, di circa mille metri quadrati, le 4 aree polifunzionali predisposte per la manifestazione.

Il Progetto, finalizzato a promuovere all’estero la conoscenza dell’Italia dei territori e della sua cultura, è messo in campo dall’ ENIT attraverso il fondamentale supporto fornito dalle Amministrazioni locali dei due Paesi coinvolti, dall’Ambasciata d’Italia a Beijing e a Mosca, dai Consolati Generali delle città interessate all’evento.

Giornate della cultura e delle eccellenze del Made in Italy, nelle quali verrà presentata a 360 gradi l’offerta del nostro Paese, attraverso stand espositivi, suddivisi sia per Regione che per tipologie tematiche (mare, città d’arte, parchi e natura, montagna, laghi, terme e benessere, enogastronomia, sport e vacanza attiva, religioso, congressuale).

Non solo. L’Italia dell’arte sarà rappresentata da un’esposizione di opere predisposta insieme al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali italiano, dove trovano spazio l‘Affresco di Francesco di Giorgio Martini, “Madonna in trono con il Bambino e quattro Angeli”; il “Camillus”, bronzo di Guglielmo della Porta e “I commentatori di Cicerone”, dipinto di Giandomenico Ferretti. Ma i visitatori russi e cinesi potranno anche ammirare, oltre alle opere degli artisti cinesi e russi che nel mese di giugno hanno fatto un viaggio in Italia di 10 giorni incaricati di dare una loro visione del viaggio; gli scatti sulla “Dolce vita – 50 anni ma non li dimostra” di un fotografo di fama come Rino Barillari; o l’Italia vista attraverso i Manifesti storici dell’ ENIT oltre alle opere in vetro di Murano del Maestro Roberto Bertazzon, “Alberi in via d’estinzione”.

In uno spazio polifunzionale, centro nevralgico della Mostra evento, attraverso un calendario di appuntamenti, avranno luogo incontri di rappresentanti istituzionali italiani con Stakeholders, Opinion Leaders, Tour Operators, Agenti di viaggio, rappresentanti istituzionali.

Alla conferenza stampa di inaugurazione a Mosca –dove la struttura è allestita nel Parco Sokolniki –programmata per il 29 agosto, interverranno il Direttore Generale dell’ ENIT, Paolo Rubini e il Direttore della sede ENIT di Mosca, Marco Bruschini, l’Ambasciatore d’Italia a Mosca, Antonio Zanardi Landi e l’Addetto Culturale dell’ Ambasciata e dell’ Istituto Italiano di Cultura a Mosca, Maria Sica, il Direttore del Parco Sokolniki, Lapshin Andrei Vitalievich.

Una business lounge, con appositi spazi riservati, sarà a disposizione degli operatori turistici e dei rappresentanti delle aziende simbolo dell’eccellenza italiana che potranno effettuare incontri di lavoro, attività b2b e workshop a tema, cogliendo così una occasione unica per presentarsi ad una vasta platea e sviluppare relazioni commerciali in mercati ad alto potenziale

“Durante questi nove giorni, grazie al supporto degli Istituti di Cultura Italiana delle città coinvolte nelle manifestazioni, avremo delle giornate focalizzate proprio sulla prestigiosa offerta culturale del nostro Paese, con programmi che prevedono concerti, filmati e dibattiti, ma anche sfilate di grandi firme italiane famose in tutto il mondo”, sottolinea il Direttore Generale dell’ ENIT, Paolo Rubini.  “Attraverso la scoperta della cultura italiana viene documentata la vicinanza dell’ Italia, Paese sensorialmente ed emotivamente vicino sia alla Cina che alla Russia, anche se geograficamente distante. E’ un’opportunità che ci permette anche di giocare una carta prestigiosa su questi mercati così promettenti consentendoci di rispondere nel modo migliore alle aspettative di nuovi turisti che da essi provengono. Per sostenere questa crescente voglia di scoprire l’Italia, tutte le venti Regioni italiane avranno modo durante la manifestazione di esporre le loro peculiarità, le loro bellezze, la loro offerta turistica al pubblico ed ai Tour Operator”. (Fonte: ENIT)

Pagina successiva »