EBNT: il comparto crociere continua a crescere, ma non incide sull’economia

10 Aprile 2012 ·

L’Osservatorio fornisce un quadro del settore tra luci e ombre nel biennio 2011-2012

L’Osservatorio sul Traffico Crocieristico di EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) ha fornito come ogni anno i dati sull’andamento del comparto e sulle sue previsioni di sviluppo. I gravi incidenti del Giglio e delle Maldive non sembrano destinati a rallentare la crescita di quello che rimane il settore più dinamico del turismo italiano. Nel 2011 infatti l’Italia è stato il paese europeo con la crescita più forte per traffico navi, numero attracchi e trasporto passeggeri (+17% rispetto al 2010), e la crescita dovrebbe ridursi nel 2012 solo dell’ 1%.  Secondo il presidente di EBNT, Alfredo Zini, tuttavia, la forza del settore non si traduce in un effetto positivo più ampio sull’economia e sull’occupazione. Afferma Zini: ““Quello che davvero conta per il turismo del nostro Paese è il giro di affari che si genera a terra: sono gli ospiti delle imprese ricettive, lo shopping che si fa nei negozi intorno ai porti, i clienti dei pubblici esercizi, la quota di business che le crociere generano nelle agenzie di viaggio e nei tour operator italiani, e questo dato è ancora ridottissimo”.  

(Fonte notizia: EBNT)

Torna alla home e consulta altre news

Federalberghi ed EBNT: il turismo traina l’occupazione femminile

16 Marzo 2012 ·

Un’indagine congiunta rivela che il comparto sostiene anche l’iniziativa imprenditoriale al femminile

“Il lavoro delle donne nel settore turismo” è il titolo di un’indagine congiunta di Federalberghi ed EBNT/Ente Bilaterale Nazionale del Turismo pubblicata lo scorso 8 marzo, in occasione della Festa della Donna. Dalla ricerca escono dati che testimoniano come il turismo sia la principale fonte di occupazione femminile in un paese come l’Italia ancora arretrato su questo tema (la percentuale di donne lavoratrici nel nostro paese non supera il 46%). Quasi 6 occupati su 10 nel turismo italiano sono infatti donne (556 mila dipendenti su 982 mila totali,  per una percentuale sul totale del 57%).  A livello qualitativo l’indagine sottolinea poi che un lavoratore su tre con la qualifica di quadro è donna, e che il turismo è il comparto con il maggior numero di imprese femminili. Commenta Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi: “L’occupazione femminile nel turismo è l’ennesimo segnale di vitalità e innovazione di un settore che rappresenta sempre di più il presente e il futuro”.  L’indagine è scaricabile all’indirizzo web http://www.ebnt.it/leggi_news.asp?key=436

(Fonte: Federalberghi, EBNT)

Torna alla home e consulta altre news