Lariofiere: Ristorexpo 2013 dedicato al bistrot e ai giovani

12 febbraio 2013 ·

Torna ad Erba il salone che presenta le novità territoriali e internazionali della ristorazione

 Dal 17 al 20 febbraio torna a LarioFiere (Erba, CO) RistorExpo, l’evento promosso da Confcommercio Como e Lecco che riunisce anche in chiave Expo e in una prospettiva di valorizzazione territoriale oltre 200 aziende e 20.000 operatori della ristorazione lombarda, italiana e internazionale. Due i temi principali scelti per l’edizione 2013: il primo è “Bistromania? Un viaggio per l’Europa”, un percorso che esplorerà la storia e il potenziale turistico del bistrot, dalle sue origini ottocentesche di osteria e caffè parigino fino alla sua dimensione moderna di locale capace di raccogliere le tendenze della cultura e del design cittadino; il secondo è invece il rapporto tra ristorazione e giovani, in particolare bambini, grazie ad appuntamenti formativi e incontri tematici tra i quali il convegno “Cibo e bambino”. Nel ricco programma di concorsi, workshop formativi, laboratori e convegni della 16° edizione di Ristorexpo spiccano il 9° premio “Cuoco dell’anno”, organizzato da Unione Cuochi Regione Lombardia e dedicato quest’anno al tema “prodotti ittici d’acqua dolce”;  due momenti di degustazione dei vini della Valtellina, con un’illustrazione del loro percorso storico e produttivo; lo Show Service “Dimostrazione di Bon Ton e Arte del Servizio” (organizzato da AMIRA-Associazione Maîtres Italiani Ristoranti e Alberghi) durante cui gli allievi delle scuole e degli istituti alberghieri territoriali svolgeranno prove di abilità manuale e potranno mettere in luce il loro valore.

Programma completo e modalità di partecipazione su www.ristorexpo.net

(Fonte: Ristorexpo)

ENIT: Andrea Babbi è il nuovo direttore generale

19 settembre 2012 ·

  Commenti positivi sulla nomina dalle associazioni di settore

Il consiglio di amministrazione di ENIT, l’Ente del Turismo Italiano, ha designato la scorsa settimana come nuovo direttore generale Andrea Babbi, attuale amministratore delegato di Apt Servizi Emilia Romagna. Babbi, 50 anni, prende il posto di Paolo Rubini. La decisione è stata accolta con soddisfazione da tutte le principali associazioni di settore, a partire da Federturismo, il cui presidente Renzo Iorio ha dichiarato: La nomina di Babbi chiude, auspichiamo, il processo di rinnovo della guida dell’Agenzia dopo la nomina del Presidente Pierluigi Celli di alcuni mesi fa, e consente ora di concentrarsi a pieno nel rilancio della promozione turistica del nostro Paese nel mondo e supportare adeguatamente le azioni in vista di EXPO2015”. Simile l’auspicio di Nardo Filippetti, presidente di ASTOI Confindustria: “Ci auguriamo che una figura di spicco come Babbi possa contribuire non solo a far raggiungere la piena operatività all’ente, ma anche a fare da stimolo propulsivo all’adozione di misure che conducano finalmente a una promozione forte e coordinata dell’Italia”.  A Babbi sono giunti anche gli auguri di Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, che aggiunge: “per Babbi sarà un’occasione per dare impulso all’attività dell’Agenzia e soprattutto un contributo concreto alla valorizzazione delle potenzialità ancora inespresse del comparto turistico”.

Federviaggio: Luca Patané è il nuovo presidente

6 marzo 2012 ·

Nominati anche i vicepresidenti e il nuovo Comitato Direttivo dell’Associazione

L’assemblea dei Soci di Federviaggio, tenutasi ieri 5 marzo a Milano, ha eletto il nuovo presidente e il nuovo Comitato Direttivo dell’Associazione. Alla presidenza di Federviaggio è stato nominato Luca Patané (presidente di Uvet American Express e Itn), mentre Fabio Lazzerini (Amadeus Italia) e Graziella Jenna (Press Tours) sono stati eletti Vicepresidenti. Del nuovo Comitato Direttivo fanno parte Corrado Munarin (Condor Viaggi), Annalisa Raia (LBS) ed Eliseo Rusconi (Rusconi Viaggi). Inoltre l’Assemblea ha approvato come nuove linee guida dell’attività per il 2012 un allargamento della base associativa e sinergie con le altre associazioni interne a Confcommercio.Il neopresidente Patané ha sottolineato nel suo primo commento l’importanza di quest’ottica di integrazione di servizi turistici: “Sono sempre più convinto che la formula di associazione di filiera che contraddistingue Federviaggio sia la più valida e per questo motivo mi sono messo volentieri a disposizione per fornire tutto il mio contributo al raggiungimento degli obiettivi che i Soci hanno individuato come prioritari in Assemblea”.

(Fonti: TTG, Federviaggio)

Torna alla home e consulta altre news

Iva, imposta di soggiorno e Ici: polemiche sulla manovra

13 dicembre 2011 ·

Confturismo Veneto e Confcommercio chiedono l’abolizione della tassa di soggiorno

La decisione del governo Monti di reintrodurre l’ICI e l’ipotesi di un innalzamento al 12% delle aliquote Iva sembra destinata ad accendere polemiche anche nel sistema turistico. Le regioni Veneto, Emilia Romagna e Toscana sono infatti in prima linea nella richiesta di compensare la reintroduzione della tassa sulla casa (ora chiamata IMU) con la cancellazione totale della tassa di soggiorno nei comuni e nelle regioni turistiche, incluse le amministrazioni nelle quali è al vaglio da mesi l’effettiva introduzione dell’imposta.  Confturismo Veneto si è dichiarata favorevole ai “benefit” fiscali proposti per i comuni dal governo nella manovra, ma ritiene che il mantenimento della tassa di soggiorno annullerebbe e renderebbe inutili questi stessi interventi. Anche le rappresentanze di Confcommercio di città come Pisa, Rimini e Ravenna e della regione Emilia Romagna hanno richiesto con forza la stessa misura, e in una nota congiunta Federalberghi-Associazione provinciale albergatori di Confcommercio Reggio Emilia e Assoturismo-Confesercenti Reggio Emilia hanno definito la tassa di soggiorno “un balzello antiquato e oneroso, antituristico, antieconomico e antisviluppo”.

Sangalli: “serve una spinta alla crescita, valorizzare l’economia dei servizi”

14 novembre 2011 ·

Per il presidente di Confcommercio “bisogna reagire con immediata urgenza, bisogna innescare un circolo virtuoso tra disciplina di bilancio, risanamento e spinta alla crescita”. “Valorizzare il mondo delle imprese e quello del lavoro”.

”Stiamo vivendo certamente un momento delicato e difficile, bisogna reagire con immediata urgenza, bisogna innescare un circolo virtuoso tra disciplina di bilancio, risanamento e spinta alla crescita perché senza crescita diventa tutto più difficile, a partire anche dal miglioramento dei conti pubblici”. Lo afferma Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, parlando con i giornalisti a Firenze a margine della convention dell’associazione toscana.”C’è necessità quindi – per Sangalli – di attuare presto delle riforme valorizzando anche tutto quello che possono dare il mondo delle imprese e il mondo del lavoro: e, certamente, tra le imprese l’economia dei servizi che noi rappresentiamo, e che vale il 58% del Pil e il 53%dell’occupazione, rappresenta una grande risorsa”.”Chiediamo al governo – conclude il presidente di Confcommercio – di fare in modo che tutta questa realtà produttiva, che noi rappresentiamo, che anche nei momenti di grandissima difficoltà non ha tirato i remi in barca, possa continuare ad andare avanti e lavorare”.

 

(Fonte: CONFCOMMERCIO)

Consumi nelle Regioni: solo il Nord-Est recupera i livelli pre-crisi

31 agosto 2011 ·

Analisi dell’Ufficio Studi Confcommercio: tra il 2007 e il 2011 cala il contributo del Sud sul totale nazionale, mentre sono positive le dinamiche delle regioni settentrionali. Modesta (+0,8 per cento) la previsione a livello nazionale per il 2011.

 

 

Il contributo del Sud in termini di consumi rispetto al totale nazionale è passato dal 27,2% del 2007 al 26,6% del 2011, mentre sono positive le dinamiche delle regioni settentrionali con quote in costante aumento sia nel Nord-Est (dal 21,8% al 22,2%) che nel Nord-Ovest (dal 30,1% al 30,6%). E’ il risultato principale che emerge dallo “Aggiornamento delle analisi e delle previsioni dei consumi delle famiglie nelle regioni italiane” elaborato dall’Ufficio Studi di Confcommercio. Entrando nel dettaglio dello studio, si scopre che a livello di singole Regioni, nel 2009 tutte fanno registrare una contrazione dei consumi in termini reali con picchi in Calabria (-4,2%), Puglia (-3,6%), Sicilia (-3,2%) e Campania (-3%), mentre nel 2010 solo il Nord-Est ha recuperato i livelli di consumo pre-crisi; in ogni caso, la debolezza dei consumi a livello pro capite, complice il biennio di crisi 2008-2009, lascia prevedere un rallentamento generalizzato dell’uscita dalla crisi tanto che, a fine 2011, ben 17 regioni su 20 rischiano di registrare un livello di consumi inferiore a quello del 2000. Mentre in una prospettiva di più lungo periodo, nel 2017, il Mezzogiorno avrà acuito il suo ritardo con una continua riduzione della spesa per consumi rispetto al totale nazionale. In ogni caso, a livello generale l’indagine segnala che le famiglie stanno tentando di recuperare i livelli di consumo persi nel biennio recessivo, anche se le previsioni per il 2011 sull’intero territorio restano modeste con un +0,8%. (Fonte: Confcommercio)

 

 

Assemblea Confcommercio, Sangalli: abolire tassa soggiorno

28 giugno 2011 ·

Importante presa di posizione sul turismo da parte di Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, che è intervenuto Giovedi 23 Giugno all’assemblea generale dell’ente. Oltre a dichiarare il no di Confcommercio  all’ipotesi di scambio tra riduzione delle aliquote Irpef e aumento di quelle Iva,  Sangalli ha richiesto l’eliminazione della tassa di soggiorno recentemente reintrodotta e ha dichiarato: “è necessario risolvere l’ annosa questione delle concessioni demaniali e migliorare accessibilità e dotazioni infrastrutturali del Paese e dei suoi territori”, oltre a ”ottimizzare, fare rete e sistema di servizi. Occorre che reti e distretti turistici, soprattutto nel Mezzogiorno, costruiscano operazioni di prodotto destinate a ben individuati segmenti di domanda internazionale. E specifica attenzione  va dedicata al turismo degli italiani, che vale il 64% dei 131 miliardi di PIL generati dal settore”.

Concessioni balneari, il SIB incontra Fitto

28 giugno 2011 ·

Incontro Giovedi 23 Giugno tra i rappresentanti di SIB (Sindacato Italiano Balneari), FIPE/Confcommercio, FIBA (Federazione Imprese Balneari/Confesercenti) e il ministro per i Rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto. I rappresentanti delle associazioni hanno richiesto in particolare di chiudere la procedura europea di infrazione in materia di concessioni turistico-ricreative, facendo entrare in vigore la legge comunitaria 2010, attualmente ancora in esame alla Camera dei Deputati. Una richiesta che se soddisfatta secondo il SIB favorirebbe “un confronto sereno e costruttivo in ordine all’uscita della categoria dalla Direttiva Bolkenstein che prevede il titolo dei rinnovi mediante l’evidenza pubblica”. All’incontro hanno partecipato anche gli assessori regionali al Turismo, che hanno condiviso le linee di intervento e sottolineato l’ opportunità di sfruttare l’incontro tra il Governo italiano e quello comunitario per “il riconoscimento nei confronti delle imprese balneari italiane di quelle peculiarità che le rendono uniche in Europa e nel mondo”. (Fonte: SIB)