6 e 7 febbraio: la MCE compie dieci anni

7 Febbraio 2012 ·

Al via la nuova edizione della Mobility Conference Exhibition. Ospiti Passera e Marcegaglia 

Il 6 e il 7 febbraio si tiene a Milano la 10° Mobility Conference Exhibition, organizzata come ogni anno da Assolombarda e Camera di Commercio di Milano con il patrocinio delle principali istituzioni cittadine e regionali e della Presidenza del Consiglio dei Ministri.  Tra i temi che verranno trattati nei due giorni di incontri, lo sviluppo parallelo (anche in termini di finanziamento) della rete autostradale e del trasporto pubblico milanese, l’apertura del mercato energetico alla concorrenza e la conseguente necessità di infrastrutture per il trasporto delle fonti di energia. Tra gli ospiti dell’evento anche il ministro dello sviluppo economico Corrado Passera, il vicepresidente della Commissione Europea Antonio Tajani e il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia. Tutte le informazioni e il programma sul sito www.mobilityconference.it.

Assolombarda contro il Greenwashing: la comunicazione “verde” dell’impresa

17 Giugno 2011 ·

Presentate le “linee guida per il marketing e la comunicazione ambientale”

Il Greenwashing è uno dei pericoli maggiori nati negli ultimi anni per l’immagine aziendale. Si tratta della pratica (dolosa oppure nata da un semplice errore comunicativo) con cui l’azienda promuove come iniziative di difesa dell’ambiente attività che producono l’effetto opposto: esempio tipico il risparmio sui materiali presentato come rispetto delle materie prime. Per questo il 14 Aprile Assolombarda ha presentato un programma di comunicazione strategica chiamato “Linee guida per il marketing e la comunicazione ambientale– Come valorizzare prodotti e servizi sostenibili ed evitare i rischi del greenwashing”. Secondo il responsabile del Progetto Sicurezza, Energia e Ambiente dell’Associazione, Roberto Testore, “oggi più che mai, la capacità competitiva di un’impresa si misura anche sul piano ambientale. Per questo motivo il comparto industriale è sempre più sensibile e indirizzato verso processi, prodotti e comportamenti ecologicamente garantiti”. Assolombarda segue questa tendenza anche con il suo progetto in via di sviluppo che riguarderà il tema degli indicatori di prestazione ambientale ed economici nell’ambito dei Sistemi di Gestione Ambientale.

(Fonte: Assolombarda)

Assolombarda per la nuova classificazione alberghiera

17 Giugno 2011 ·

Approvate le nuove linee guida regionali: l’accordo tra amministrazione e imprese nel dettaglio

 

Il 29 dicembre 2010 la Giunta della Regione Lombardia ha approvato le Linee Guida per l’applicazione della normativa regionale in materia di classificazione alberghiera, relative al Regolamento Regionale n.5 del 12/2009. Il documento è il risultato del lavoro del Tavolo di coordinamento regionale del turismo, composto dai rappresentanti della Regione e delle associazioni imprenditoriali, e di un clima di dialogo, confronto e collaborazione che ha consentito di raggiungere soluzioni condivise tra le istanze dell’Amministrazione e le esigenze delle imprese. In particolare, Assolombarda ha chiesto e ottenuto dalla Regione l’inserimento di modifiche a diversi punti del Regolamento Regionale n.5 al quale le Linee Guida fanno riferimento, per evitare l’introduzione di misure che avrebbero avuto sulle imprese un impatto di tipo più economico-organizzativo che qualitativo. Per quanto riguarda il Servizio Custodia Valori, Assolombarda è riuscita ad ottenere una deroga temporale per chi non decida di ristrutturarsi o per chi si debba ristrutturare, pur riconoscendo la necessità che le casseforti debbano essere installate secondo le nuove percentuali: il nuovo Regolamento, infatti, introduce le cassette di sicurezza per il 50% delle camere per il 3 stelle e aumenta al 100% delle camere per il 4 stelle. Assolombarda, inoltre, è riuscita a far cadere il principio che ci debba essere un’area specificatamente dedicata e delimitata per il servizio ristorante, che avrebbe potuto richiedere i riadattamenti strutturali per gli alberghi sprovvisti della suddetta area. Sono state modificate anche le direttive per quanto riguarda le lingue estere conosciute al ricevimento: tale competenza, infatti, deve essere garantita per ciascun turno di lavoro, contrariamente al regolamento che stabiliva che tutti le dovessero conoscere nelle misure indicate. La criticità era soprattutto sui 5 stelle che passavano all’obbligo delle tre lingue, con evidenti problematiche relative alla gestione del personale. Assolombarda è riuscita a proporre e a far passare alcuni accorgimenti per quanto riguarda i servizi, per esempio quelli concernenti il lavaggio e la stiratura della biancheria con consegna entro le 24 ore, garantiti compatibilmente con gli orari degli eventuali esercizi esterni all’albergo coinvolti; per quanto riguarda il servizio di parcheggio, invece, pur recependo gli incrementi percentuali, è caduto, rispetto al regolamento, il concetto di parcheggio “assicurato e garantito”, ed è stata adottata esplicitamente la formula della convenzione con autorimesse e affini. In ogni caso il regolamento limita l’obbligo ad assicurare il posto auto; l’eventuale servizio aggiuntivo di recupero delle auto da parte del personale dell’albergo costituisce elemento qualificante che sarà sviluppato in sede di definizione del “rating”. È stato inoltre fatto cadere l’obbligo di collocazione fissa e in posizione visibile degli apparecchi TV e degli apparecchi telefonici a uso comune, garantendo comunque il servizio su richiesta della clientela. Rispetto alla previgente normativa è stata modificata la sezione riguardante le aree o le sale riservate per riunioni, rendendole dedicate a questa funzione ma non in modo esclusivo: la sala in questione potrà essere utilizzata da tutti gli ospiti senza specifica destinazione e non sarà precluso il suo utilizzo per eventuali altre destinazioni occasionali. L’area riunioni, infine, non prevede una superficie minima e lo spazio riservato può essere ricavato, tramite divisori d’arredo non strutturali, nell’ambito dei locali di soggiorno. Per quanto riguarda le camere e la loro dotazione le modifiche hanno seguito una direzione compatibile con le moderne tendenze d’arredamento: le camere non prevedono più necessariamente spazi distinti e separati fisicamente, ma possono anche essere strutturate e ispirate al concetto di loft; allo stesso modo la loro dotazione deve essere completa e in buono stato, adeguata alla categoria. Essa può essere fornita attraverso differenti soluzioni d’arredo, e sono ammesse specifiche scelte (come inserimenti di alcuni elementi in altri o l’utilizzo di mobili pluriuso). L’ultimo punto sul quale Assolombarda è riuscita ad ottenere migliorie riguarda la dotazione dell’accappatoio, rendendola non obbligatoria ed esclusivamente su richiesta del cliente a partire dagli alberghi a 4 stelle. A partire dal 1 aprile 2011, infine, la Regione Lombardia ha disposto l’avvio dei controlli da parte delle Province competenti. I documenti approvati sono pubblicati sul sito: www.regione.lombardia.it nonché sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia (Pubblicazione numero 2, serie ordinaria del giorno mercoledì 12 gennaio 2011).

(Fonte: Assolombarda)

Assemblea Generale Assolombarda: il rilancio passa dalle strutture

17 Giugno 2011 ·

Investimenti sulla green economy e il suo indotto, ma anche rigore sulle spese: due logiche da unire attraverso “leggi non speciali ma normali, cioè comprensibili e stabili nel tempo”. Così si è espresso il presidente di Assolombarda Alberto Meomartini nel suo intervento all’assemblea generale 2011 dell’ente, tenutasi lunedi 13 giugno a Milano. Tra i protagonisti della giornata il neosindaco Giuliano Pisapia, che ha lanciato ai professionisti milanesi la proposta di una “grande alleanza per lo sviluppo della comunità”.  Meomartini e il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia hanno ribadito l’apprezzamento per la politica di rigore finanziario del ministro Tremonti, insistendo però sulla necessità di formule di sviluppo finora poco esplorate in Italia.  Fisco e infrastrutture sono snodi che riguardano da vicino il settore immobiliare e il turismo: Meomartini si è rivolto alle compagnie di trasporto aereo, suggerendo  di adottare il modello contrattuale delle reti d’impresa. Rilevanti anche i suggerimenti sul sostegno all’housing giovanile (attraverso il dibattito in programma sul Piano Generale del Territorio) e sulle nuove costruzioni per Expo, riguardo alle quali Meomartini ha criticato l’eccessiva frammentazione burocratica e gestionale, che porta alla “proliferazione inefficiente di aeroporti, fiere e qualche volta di sedi universitarie”.