Abitare il Tempo 100% Project ha chiuso tra innovazione e successo.

25 Ottobre 2011 ·

L’edizione  25+1 di Abitare il tempo 100% Project, la tre giorni dedicata a distribuzione, formazione e informazione che si è conclusa a Verona  il 19 ottobre, chiude con un bilancio molto positivo. I quasi 10 mila operatori presenti, di cui il 15% provenienti dall’estero, hanno infatti sottolineato il rilancio dell’evento che mira a porre le basi per un progetto di lunga durata che vuole sostenere il made in Italy dell’arredamento.

 

Con 40 seminari, una tavola dedicata alle relazioni tra negozi indipendenti e grande distribuzione, 200 aziende espositrici e 50 marchi di design presenti, la manifestazione fieristica veronese Abitare il Tempo 100% Project ha infatti mostrato il suo lato innovativo: il fare networking  per rispondere a un mercato in evoluzione per rimettersi in gioco verso nuove prospettive future aperte anche al mercato estero.
La soddisfazione e il compiacimento per l’andamento della manifestazione è generale: se il presidente di Veronafiere Ettore Riello ha affermato che “entrambi gli obiettivi prefissati son stati raggiunti- e cioè- la rivitalizzazione su nuove basi del marchio storico della offerta turistica di Veronafiere e l’avvio di innovativo grande progetto in favore del made in Italy per l’arredamento”, anche il desiner Aldo Cibic appare entusiasta della mostra a cui riconosce “il valore aggiunto della sinergia”, una qualità, cioè, che permette di avere “un valore complessivo superiore ai valori delle singole esperienze e delle singole proposte”.
Il “fare gruppo”, infatti, è stata la linea seguita anche dai grandi industriali del Nord-Est che hanno aderito alla manifestazione con entusiasmo presentando, però, non i singoli prodotti, ma un intero sistema di arredo, attraverso la partecipazione di  tutte le società del Gruppo Atma.
Anche i piccoli eccellenti hanno trovato spazio nella  mostra, che hanno visto nella partecipazione alla fiera di Verona la possibilità di proporre i propri prodotti a un pubblico di visitatori più ampio di quello tradizionale, più vasto e internazionale, con l’occasione di nuovi ordini importanti.
Il mondo dell’arredamento e quello del progetto hanno quindi risposto con entusiasmo alla proposta innovativa di Abitare il tempo 100% Project , che si pone, dunque, come base per fondare un evento di tipo nuovo, l’inizio di un modo di comunicare innovativo che sappia mettere in relazione imprese di produzione, distribuzione e servizi con il mercato, in modo tale da creare valore anche nei momenti di crisi.

“Abitare il tempo”: A Veronafiere le emozioni dell’arredamento

17 Giugno 2011 ·

La parola “ambiente” non è solo la base del design e del suo mercato, ma anche l’opportunità di lavorare sulle emozioni e sulla creatività attraverso gli elementi naturali.  Questo lo spirito dell’edizione numero 26 di “Abitare il tempo”, il salone internazionale dell’arredamento  che si svolgerà dal 15 al 19 Ottobre 2011 presso Veronafiere. Nel più grande “temporary store” del mondo (50 mila mq allestiti con materiali riutilizzabili) si prevede la presenza di oltre 700 professionisti qualificati, designer e architetti. Al centro del programma la capacità di seguire con inventiva le soluzioni d’interni, in tutte le fasi del loro sviluppo: dall’ideazione (nell’area tematica “Emotion”, dove imprenditori e tecnici disporranno di spazi per esprimere la loro “vision” creativa) al marketing (presentazioni aziendali, magazine e canali televisivi dedicati). L’esposizione sarà aperta anche al pubblico sabato 15 e domenica 16 ottobre, mentre nei giorni successivi sarà riservata agli operatori.