Regione Liguria e FILSE: 13 milioni di euro in finanziamenti per le imprese turistiche

22 ottobre 2012 ·

FILSE,  la finanziaria della Regione Liguria, mette a disposizione un fondo del valore di 13 milioni di euro per lo sviluppo e la riqualificazione dell’offerta turistica e ricettiva nel territorio ligure.
Possono accedere ai contributi piccole e medie imprese che abbiano avviato progetti di riqualificazione o di realizzazione ex novo di alberghi, locande e residenze turistiche (incluse quelle d’epoca) per un investimento non inferiore a 200.000 euro. Il finanziamento, che avrà un importo massimo di 1.500.000 euro per intervento, è così composto: una quota del 50% a valere messa a disposizione da banche convenzionate, il rimanente 50% in fondi regionali a tasso fisso (1% o 1,5% a seconda che la durata sia 10 o 15 anni).
I finanziamenti saranno erogati con un acconto dell’80%, ad approvazione della domanda, e con il saldo del 20% a conclusione dei lavori.  Piero Biglia di Saronno, presidente di FILSE, commenta c0sì l’iniziativa: ““La natura ipotecaria consente di erogare, ed è la prima volta che succede, sino all’80% del finanziamento concesso a titolo di anticipo, senza la necessità di acquisire ulteriori di fidejussioni bancarie o polizza assicurative a garanzia dell’anticipo stesso. Un ulteriore elemento di vantaggio del bando è la cumulabilità della misura con altri incentivi di natura fiscale”.
“L’importanza strategica del turismo per la Liguria”, spiega a sua volta l’Assessore regionale al Turismo Angelo Berlangieri, “è di tutta evidenza. I dati fondamentali del comparto segnano un valore aggiunto complessivo generato pari a circa il 10,2% del Pil, con un’offerta articolata su circa 3.500 strutture ricettive per oltre 150.000 posti letto ed un fatturato complessivo di circa 5 miliardi di euro. Proprio per tutelare e valorizzare il turismo, che come tutti i comparti economici sta risentendo del perdurare della crisi economica, la Giunta regionale ha deciso di attivare questo fondo di sostegno proprio per prepararsi meglio alla ripresa che tutti ci auguriamo possa arrivare nel più breve tempo possibile”.
La domanda di finanziamento potrà essere inviata dal prossimo 5 novembre e dovrà essere prodotta in bollo e spedita con raccomandata A/R (fa fede il timbro postale) a:

Finanziaria Ligure per lo sviluppo economico-Filse spa
Via Peschiera 165
16122 Genova

Sulla busta occorre indicare la seguente dicitura: “legge regionale 15/2008- Incentivi alle piccole e medie imprese (PMI) per la riqualificazione e lo sviluppo dell’offerta turistica-Bando 2012”.

Informazioni, bandi e modulistica sono disponibili qui

Indagine SRM: il turismo nel Sud traina il settore, ma continuano i problemi. Che fare?

18 ottobre 2012 ·

“La Rassegna Economica”, periodico di analisi economica e finanziaria curato dall’Ufficio Studi del Banco di Napoli e da SRM-Studi e Ricerche per il Mezzogiorno, ha presentato una nuova indagine sull’andamento del turismo nel Sud Italia nell’anno 2011, visionabile all’indirizzo web http://www.sr-m.it/numeri-rassegna.
Secondo l’analisi, nel nostro paese nel 2011 i pernottamenti sono calati del 15,1% e i viaggi nel loro insieme (anche senza pernottamento) del 16,1%. L’indagine conferma la tendenza generale rilevata da tutte le fonti statistiche, secondo cui la domanda interna, in forte calo, è compensata da un aumento delle presenze straniere: la spesa turistica straniera nel 2011 è stata di 3.875 mln di euro (circa il 13% del totale italiano), in crescita del +6% rispetto al 2010.
L’Italia possiede inoltre il maggior numero di stanze d’albergo in Europa (2.251.217) ed è al terzo posto come numero di esercizi alberghieri (33.890); il turismo ha un’ incidenza del 5,4% sul Pil nazionale e una percentuale del 6% al valore aggiunto totale dell’economia.
Per quanto riguarda il Sud, spicca soprattutto il dato sul numero di posti letto (1,2 milioni: il 26% del totale posti letto nazionale, un numero superiore al totale di Paesi Bassi, Grecia e Austria). Gli alberghi nel sud Italia, secondo l’indagine, sono 6970, il 21% del totale italiano; Gli occupati nel settore alberghi e ristoranti al Sud, sono 275.900 unità (pari al 4% dell’Italia e al 22% degli occupati meridionali; il Valore aggiunto apportato dal turismo nel Mezzogiorno, infine, è di 17,4 mld di € (circa il 21% dell’Italia), pari al 5,4% del valore aggiunto totale meridionale.
Dati positivi, dunque, che tuttavia non mettono in secondo piano i problemi. L’Italia è infatti solo al 27° posto nell’indice di competitività internazionale del sistema Travel & Tourism, e il 47,5% dei posti letto nazionali è ancora classificabile come parte di strutture ricettive alberghiere di tipo tradizionale, soprattutto al Sud non sempre in grado di rispondere alle esigenze dei turisti BRIC, che sono sempre più interessati a strutture di nuova concezione, dal b&b ecologico all’ostello: occorre lavorare soprattutto su questa strada di modernizzazione, suggerisce l’indagine, che evidenzia anche come nel Sud il 27% delle strutture ricettive siano alberghi, contro il 22% della media italiana, e come la spesa media dei turisti stranieri nel Sud Italia sia inferiore alla media nazionale: 70,3 euro al giorno contro 92,2 euro al giorno. (Nella foto: Massimo De Andreis, direttore generale di SRM-Studi e ricerche per il Mezzogiorno).

Un approfondimento sulla ricerca di SRM sarà pubblicato nel prossimo numero di “Hospitality Business Magazine”, il  magazine ufficiale di HBConsortium.

Prima rata IMU: incassi record a Roma, Rimini e Cortina

24 luglio 2012 ·

Pubblicati i dati sul gettito della prima rata di giugno: raccolti 9,5 miliardi di euro

Il Ministero dell’Economia ha reso disponibili nei giorni scorsi i dati sui versamenti Imu relativi alla prima rata di giugno. Un bilancio in linea con le aspettative, a partire dal gettito complessivo (9,5 miliardi di euro, 5,6 dei quali andranno ai Comuni e il rimanente allo Stato), ma che mette anche in evidenza incassi ancora più variabili del previsto tra città a città, sia per le grandi metropoli che per le località turistiche. Per quanto riguarda le prime, Roma è naturalmente in testa con 776,3 milioni di euro di gettito e stacca nettamente Milano (410 milioni), che a sua volta sorprende per il divario con Torino (202,7 milioni) e Firenze (93,5 milioni). Fanalino di coda è il piccolo comune di Elva (CN), 102 abitanti, che ha raccolto 4507 euro. Tra i centri turistici di lusso spiccano gli alti incassi di Cortina, che con 9.953.705 euro supera luoghi altrettanto famosi come Forte dei Marmi (7,43 milioni), Sorrento (5,39 milioni), Courmayeur (5,35), Sirmione (4,15), Taormina (3 milioni); molto più basse però le cifre raccolte in località come Saint Vincent (1,65) Portofino (1,26 milioni), Positano (1,25 milioni), Capalbio (1,07 milioni)  e Amalfi (722 mila euro). Altrettanto variabili i dati relativi alle località di villeggiatura più popolari distribuite tra Liguria, Romagna e Marche, su tutte Rimini (31,4 milioni di euro), Riccione (11,8 milioni),  Fano (9,64 milioni) e Cattolica (4,12 milioni).

Monti e le imprese italiane in Russia: firmati accordi per investimenti nel turismo

24 luglio 2012 ·

Tra le iniziative in programma costruzioni di strutture turistiche nel Caucaso e a Mosca.

Si rafforza anche attraverso il turismo la relazione tra Italia e Russia. Durante la sua visita a Mosca, il presidente del Consiglio Mario Monti ha presenziato insieme al premier russo Dmitri Medvedev alla firma di una serie di contratti di partnership tra aziende russe e italiane.  Gli accordi riguardano soprattutto investimenti nei settori dell’energia, della comunicazione, dello sport e del turismo. Oltre a Eni, Finmeccanica, Intesa Sanpaolo e Poste Italiane, sono state coinvolte nel programma anche altre imprese come la società friulana Rizzani De Eccher, che ha siglato un accordo da 1 miliardo di euro con la compagnia Kurorty Severnogo Kavkasa per la costruzione di un distretto turistico nella regione del Caucaso del Nord, con resort, infrastrutture commerciali, villaggi turistici e stazioni sciistiche. Inoltre il gruppo De Eccher, in vista dei Mondiali di calcio del 2018, costruirà il “Vtb Arena Park”, il nuovo complesso di alberghi e infrastrutture che affiancherà lo stadio della Dynamo Mosca.

Expo: firmato dai governatori il protocollo di collaborazione tra Piemonte e Lombardia

17 luglio 2012 ·

Il turismo, l’alimentazione e le infrastrutture al centro della collaborazione e della promozione congiunta

I governatori di Piemonte e Lombardia, Roberto Cota e Roberto Formigoni, hanno sottoscritto il 13 luglio a Torino il primo protocollo di collaborazione interregionale per Expo 2015, a cui seguiranno accordi tra Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna.  L’accordo sarà incentrato sulla promozione delle eccellenze territoriali, da realizzare attraverso una cabina di regia comune e attraverso il rafforzamento dell’offerta turistica e di trasporto. Per quest’ultimo si prevede un’integrazione dei diversi mezzi (treni ad alta velocità e trasporto aereo) anche a livello di tariffe e biglietti, mentre per le imprese turistiche e il sistema alberghiero è in programma un piano generale di supporto, anche attraverso scambi organizzativi tra fiere e musei e nuovi pacchetti viaggio dedicati in particolare alle aree lacustri, alle testimonianze storico-architettoniche della Storia delle due regioni (ville storiche, castelli, residenze sabaude e viscontee) e alle aree di eccellenza agroalimentare (sia per la produzione che per la ricerca universitaria legata a energia, veterinaria, zootecnia e biotecnologie) poste in particolare al confine tra le regioni e lungo il bacino del Po.

Federalberghi: continua il 2012 difficile per il turismo italiano

20 giugno 2012 ·

 

Bocca: “previsto un calo medio del 6% per le tariffe alberghiere italiane”

Nuvole nere sul turismo italiano anche nell’estate 2012 secondo Federalberghi, soprattutto a livello di occupazione nel settore. La Federazione ha infatti presentato il consueto monitoraggio mensile, realizzato a inizio giugno e dedicato all’andamento del settore nei primi 5 mesi del 2012.  L’indagine fa registrare un forte calo delle presenze alberghiere (-4,7% rispetto allo stesso periodo del 2011) compensato in parte dalla crescita dei pernottamenti stranieri (+5,1%); male invece l’occupazione, che fa registrare  un calo generalizzato del -2,6), con una flessione del 2,2% per i lavoratori a tempo indeterminato ed un parallelo decremento del 3,1% per i lavoratori a tempo determinato. Il Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, ha così commentato le statistiche ricevute parlando di un “taglio dei consumi turistici trasversale, senza distinzione di ceto sociale o livello reddituale” e che tocca anche la capacità di spesa dei turisti stranieri. Bocca ha inoltre aggiunto che”da uno dei più noti comparatori on line arriva l’indicazione che nei mesi estivi le tariffe alberghiere italiane subiranno un calo medio del 6%”. Infine il presidente degli Albergatori Italiani ha ricordato la necessità di rispondere anche a livello economico ai danni portati dal recente sisma in Emilia e ha chiesto nuovamente l’intervento del governo e l’introduzione di incentivi fiscali per il sostegno all’occupazione e al comparto edilizio. (Fonte: Federalberghi)

Torna alla home e consulta altre news

ISI presenta STS

16 maggio 2012 ·

Tecnologia alberghiera per la Gestione ed il Risparmio Energetico.

Come tagliare i costi ed ottimizzare le risorse umane gestendo e supervisionando al meglio la propria struttura.

Azienda specializzata nella ingegnerizzazione e produzione di sistemi elettronici complessi nel settore della building automation applicata a strutture ricettive. L’azienda ha maturato una profonda conoscenza del settore hotellerie, a cui ha applicato una forte esperienza di progettazione di software e hardware. Il risultato di questo sviluppo è rappresentato dalla gamma di prodotti STS, marchio registrato di proprietà.

PROFILO AZIENDALE

ISI è un’azienda italiana, con sede a Piacenza, specializzata nella ingegnerizzazione e produzione di Sistemi elettronici complessi nel settore della building automation applicata a strutture ricettive.
L’azienda ha maturato una profonda conoscenza del settore hotollerie applicando una forte esperienza di progettazione di software e hardware. Il risultato di questo sviluppo è rappresentato dalla gamma di prodotti STS, marchio registrato di proprietà.
La mission aziendale  è  assicurare la miglior soddisfazione del Cliente garantendo il miglior rapporto qualità investimento e fornendo il totale supporto tecnico dalla progettazione alla realizzazione di qualsiasi tipo di impianto fornito.

PERCHE’ SCEGLIERCI
1. ISI ha come core business l’hotel automation,  da diversi anni propone con successo sistemi affidabili e all’avanguardia

2. ISI garantisce l’assistenza post vendita migliore con estensione di garnzia a vita ed upgrade dei sistemi
3. ISI con il proprio personale qualificato e la versatilità del sistema proposto è in grado di fornire la soluzione con il miglior rapporto qualità / prezzo

QUALITA’
Il sistema STS Hotel è interamente disegnato e prodotto da ISI, che ne assicura uno sviluppo continuo sulla base delle richieste del mercato e degli albergatori la cui esperienza rappresenta il miglior valore aggiunto.
Il sistema è stato progettato con caratteristiche di robustezza e affidabilità importanti per garantire la continua funzionalità della struttura ricettiva, è completamente scalabile e personalizzabile anche esteticamente, i componenti del sistema sono completamente riaggiornabili.

REFERENZE
ISI, con il proprio catalogo di oltre duecento prodotti a marchio STS, offre la più vasta gamma di soluzioni per l’automazione domotica alberghiera. È possibile trovare soluzioni per ogni tipo di struttura ricettiva, dal piccolo hotel alla grande struttura di prestigio, con soluzioni economiche o lussuose. Negli anni ISI ha fornito centinaia di alberghi indipendenti e strutture appartenenti a catene quali Best Western, Baglioni Hotels, Holiday Inn, Kempinski Hotels, Sheraton e Accor Hotels.

SERVIZI
Progettazione di sistemi di domotica alberghiera su misura in base alle esigenze di ogni albergatore, in sintonia con le caratteristiche della propria struttura ricettiva.
Elaborazione di offerta dettagliata, schemi funzionali particolareggiati e camere o installazioni campione per analisi.
Presenza in cantiere di supporto all’installatore, collaudo e messa in servizio del sistema con manualistica e formazione del personale.
Assistenza post vendita con garanzia a vita dei prodotti sulla base contratti di assistenza economici.

PRODOTTI
Le principali caratteristiche dei sistemi prodotti da ISI sono versatilità, personalizzazione, ma soprattutto affidabilità. I sistemi STS Hotel ad intelligenza distribuita sono gestiti da un sofisticato software di supervisione e caratterizzati dalla presenza di una centrale di gestione proprietaria, inoltre centraline e moduli periferici sono dotati di microprocessori riprogrammabili. Anche in presenza di un malfunzionamento ogni componente del sistema, grazie ad autodiagnosi, è in grado di funzionare autonomamente in modo da non portare fermi o disservizi alla struttura ricettiva. Il software di supervisione, in continua evoluzione, è integrato con i software gestioni alberghieri, con sistemi di climatizzazione e sistemi terzi. Le centraline di gestione camere e zone comuni sono alloggiate in scatole per barra din con morsettiere estraibili, i moduli periferici come lettori di tessere, termostati e pulsantiere sono perfettamente integrabili con serie civili comuni o personalizzabili con placche di metallo o estetiche realizzate su misura. ISI propone inoltre pannelli touch screen come HPOD, rivoluzionario pannello per la domotica alberghiera che integra termostato digitale, infotainment per gli Ospiti e comunicazioni per il personale di servizio.

RISOLUZIONE PROBLEMA
Come poter supervisionare e gestire risorse energetiche ed umane di un albergo integrando tutti i sistemi tecnologici e gestionali ?
Utilizzando STS Hotel per gestire accessi, presenze, climatizzazione ed utenze. STS Hotel si integra con gestionali PMS, sistemi di climatizzazione idronici e gas, terzi sistemi automatizzando e semplificando la gestione dell’Hotel

CONVENZIONE
A tutti gli Hotel consorziati in HB verrà riservato uno sconto del 50% dal listino.

Listino depositato e registrato presso la camera di commercio C.C.I.A.A.
Disponibile al sito www.stshotel.it

DATI ANAGRAFICI AZIENDA

Ragione sociale: ISI srl
Indirizzo: via Cassoli 7, 29122 Piacenza
Telefono: 0523 591992
Fax: 0523  616302
Mail: info@stshotel.it
Web: www.stshotel.it

Bottone_Richiedi Info

 

 

 

Bottone_Torna Fornitori

Dramma Liguria: situazione critica per gli hotel

2 novembre 2011 ·

I danni causati dall’alluvione che si è abbattuta sulla Liguria nei giorni scorsi rischiano di essere una forte minaccia per il settore ricettivo nel prossimo futuro. E’ questa la preoccupazione di Americo Pilati, presidente di Federalberghi Liguria.


L’alluvione alle Cinque Terre sta colpendo duramente tutto il ricettivo, rischiando di mettere in grave difficoltà la prosecuzione delle attività nel prossimo futuro. Monterosso e Vernazza, in particolar modo, sono i comuni dove la situazione è maggiormente critica. Lo conferma Americo Pilati, presidente Federalberghi Liguria, che, intervistato da TTG Italia, evidenzia anche grandi difficoltà nelle telecomunicazioni. “Sono molto preoccupato – riferisce Pilati -: non ho notizie precise, ma so che la situazione è drammatica. Purtroppo c’è il rischio che la stagione turistica sia compromessa”. Ancora impossibile al momento stilare un bilancio dei danni subiti dalle infrastrutture turistiche, ma i timori sono alti. In tutta l’area, intanto, rimangono bloccate le vie di comunicazione sia stradali che ferroviarie. Restano difficili inoltre le comunicazioni via telefono nelle zone alluvionate: in queste ore si stanno riscontrando problemi alle linee dei principali gestori, a causa di un guasto al ripetitore.  (Fonte: TTG)

Aica: si unificano le associazioni alberghiere di Confindustria

4 ottobre 2011 ·

Confindustria riorganizza la rappresentanza del comparto alberghiero. Nel corso dell’assemblea annuale dei soci Aica è stato varato un progetto che prevede l’unificazione delle due rappresentanze, Confindustria Aica e Confindustria Alberghi, e la nascita di associazioni territoriali. “Ci sarà una piccola rivoluzione copernicana – spiega Elena David, presidente di Aica -. Con l’associazione unica aboliremo il parallelismo, la differenza tra le associazioni degli hotel di catena e individuali”. L’obiettivo è di concludere il processo di unificazione entro l’inizio del prossimo anno. Altro passo importante nel nuovo corso Aica è la svolta sul territorio. I piani contemplano, infatti, l’istituzione di associazioni regionali: “Non si può più prescindere – afferma David – da una rappresentanza territoriale, che consente di agire direttamente su questioni locali importanti, ma di respiro nazionale”. (Fonte: TTG)

Federalberghi: presenze in salita a giugno, buon inizio per l’estate 2011

19 luglio 2011 ·

Forte crescita delle presenze negli hotel italiani a giugno. Il monitoraggio mensile svolto da Federalberghi  fa infatti registrare un +8,7%  rispetto a giugno 2010. Una crescita così commentata da Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi: “L’andamento del turismo alberghiero italiano a giugno di quest’anno, rispetto allo stesso periodo del 2010, fa segnare uno straordinario risultato, e l’incremento dell’8,7% di pernottamenti registrati in tutta Italia tra italiani e stranieri rappresenta un record che da anni non registravamo. L’augurio è che sia il miglior viatico per l’intera stagione estiva”. I dati del 2011 continuano però a registrare un’alternanza tra mesi in crescita e bruschi cali: a maggio la rilevazione aveva fatto segnare un -5,1% di presenze. Nel complesso tuttavia i primi sei mesi dell’anno segnano una crescita del 2% nelle presenze rispetto allo scorso anno.

Alberghi diffusi e car sharing nelle ex case cantoniere della Provincia di Milano

5 luglio 2011 ·

L’assessore alla mobilità della Provincia di Milano, Giovanni De Nicola, ha annunciato durante un convegno organizzato dal mensile “Espansione” che è al vaglio un progetto di trasformazione di 30 ex case cantoniere in alberghi diffusi. Le strutture potrebbero essere trasformate in punti di noleggio e ricarica di vetture elettriche in car sharing. Secondo De Nicola il finanziamento proverrebbe dalla creazione nelle stesse strutture di centri servizi con bar, ristoranti ed esercizi commerciali; sempre secondo l’assessore l’intervento, anche grazie all’accesso libero nei centri storici, potrebbe favorire la riduzione del traffico pendolare nell’hinterland milanese (in attesa delle nuove linee metropolitane M4 ed M5) e contribuire in modo innovativo all’hospitality “verde” e “low cost” in chiave Expo 2015.