Coldiretti, favorite le vacanze a settembre con 500.000 italiani in agriturismo

20 Settembre 2011 ·

La vacanza a settembre piace, soprattutto se all’insegna del verde e del buon cibo: secondo Coldiretti, infatti, sono sempre di più gli italiani che scelgono come periodo di ferie il mese di settembre e di alloggiare in strutture agrituristiche. Ad attirare l’attenzione è in particolar modo la possibilità di svolgere attività e corsi all’aria aperta, nonché l’occasione di gustare piatti tipici nelle numerose sagre gastronomiche organizzate in questo periodo.

Le condizioni climatiche favorevoli al turismo con caldo ed assenza di pioggia hanno favorito i vacanzieri di settembre che in oltre mezzo milione hanno scelto di trascorrere le vacanze in campagna. È quanto afferma Coldiretti, sulla base delle previsioni di Terranostra sui 19.000 agriturismi presenti in Italia, nel sottolineare che il mese di settembre tradizionalmente viene preferito dagli amanti della natura e della tranquillità. Infatti, osserva Coldiretti, se la buona tavola è una delle ragioni principali per scegliere l’agriturismo, ad attrarre i vacanzieri è anche la ricca offerta di attività all’aria aperta che va dalle fattorie didattiche per i più piccoli all’equitazione, tiro con l’arco, trekking, rafting, mentre non mancano attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici. Molto interesse, continua Coldiretti, riscuotono tra i buongustai le tradizionali sagre di settembre per scoprire tradizioni gastronomiche locali attraverso piatti tipici e specialità varie. La tendenza di crescita per la ‘vacanza verde’ è spinta in gran parte da quei percorsi turistici legati all’enogastronomia che offrono circa 140 strade dei vini e dei sapori. (Fonte: Il giornale del turismo)

In crescita il comparto ricettivo in Italia

13 Settembre 2011 ·

Il settore alberghiero ed extra-alberghiero  nel nostro Paese è in crescita, lo dicono gli ultimi dati Istat.A dispetto della crisi economica la domanda turistica appare in aumento: questo è un importante dato per dare stimolo ai nuovi investimenti. Anche il comparto complementare con agriturismi e bed and breakfast registra una buona crescita.

 

Secondo gli ultimi dati dell’indagine censuaria sulla capacità ricettiva condotta da Istat le strutture ricettive alberghiere ed extra-alberghiere sono aumentate, nel 2010, del 3,4% raggiungendo quota 150.315, per un totale di oltre 4 milioni 600 mila posti letto (+2,1%). Il comparto alberghiero, dopo un lieve calo registrato nel 2009, è tornato, seppur lievemente, a crescere, sia in termini di numero di esercizi (33.999, +0,7%), che di letti (2.253.342, +1,1%). La creazione di nuovi posti letto, di pari passo con la nascita di nuove strutture alberghiere, è un segnale importante perché conferma che, nonostante la crisi economica in atto, la domanda turistica è in ascesa stimolando sempre nuovi investimenti.
Nel 2010 è cresciuto anche il comparto complementare: gli alloggi in affitto, in particolare, sono cresciuti del 2,6% con l’1,7% in più di posti letto, bene anche gli agriturismi e i bed and breakfast che aumentano sia in termini di imprese che di posti letto. (Fonte: ONT)