Eurobarometro: i turisti europei escono sempre meno dai confini nazionali

6 marzo 2013 ·

Il turismo europeo resiste alle pressioni della crisi economica, e l’Italia continua ad essere una meta amata dai viaggiatori; tuttavia gli spostamenti sono sempre più ristretti al continente e alla propria nazione di appartenenza. Questo il risultato paradossale dell’indagine di  Eurobarometro dedicata all’andamento del turismo europeo nel 2012. Secondo la ricerca, il  71% degli europei ha svolto lo scorso anno almeno un viaggio, ma il 58% dei viaggiatori europei non è uscito dai confini della nazione di appartenenza. A distinguersi nelle classifiche del turismo interno sono, oltre alla Grecia particolarmente colpita dalla crisi economica (87%), Spagna e Italia  (rispettivamente 73% e 80%): queste ultime due nazioni sono peraltro le destinazioni preferite a livello europeo, con una percentuale del 10% per il paese iberico e dell’ 8% per l’Italia (a pari merito con la Francia). Per il 2013 il rapporto non prevede grandi cambiamenti negli equilibri tra le varie forze turistiche del continente, ma sottolinea la sostanziale tenuta del settore in un quadro di possibile ripresa economica: la percentuale di intervistati che prevede di svolgere almeno un viaggio quest’anno tocca infatti secondo il rapporto un ottimo 75%.

Federalberghi: gennaio 2013, mercato ancora in difficoltà

12 febbraio 2013 ·

Male anche gli arrivi dall’estero. Bocca: intervenire subito

Non inizia bene il 2013 del turismo italiano, secondo l’indagine mensile di Federalberghi, con una caduta che nel mese di Gennaio ha toccato anche il punto di forza principale del settore, ovvero gli arrivi dall’estero. Questo il commento di Bernabò Bocca, presidente della Federazione: “Il 2013, turisticamente parlando, parte in modo estremamente preoccupante per uno dei pochi settori economici che nonostante tutto continua a produrre giro d’affari ed occupazione”.

 Continua Bocca: “Al crollo delle presenze alberghiere registrate dagli italiani (rispetto al gennaio 2012), pari ad un -9,6%, che rispecchia chiaramente la crisi dei consumi delle famiglie, si assomma una lieve flessione delle presenze alberghiere degli stranieri pari all’1,1%. Anche sul fronte dei nostri collaboratori si evidenzia un dato in caduta libera del -5,4% a gennaio (rispetto al gennaio 2012), con una flessione del 4,5% per i lavoratori a tempo indeterminato ed una debàcle del -7,0% per i lavoratori a tempo determinato.

 Conclude con durezza Bocca: ““Mai si era registrato un inizio d’anno così negativo, che impone subito a tutte le forze politiche in corsa per le imminenti elezioni una seria riflessione e l’indicazione, in maniera più puntuale nei reciproci programmi, di quali misure andranno ad adottare una volta dovessero essere chiamate alla guida del Paese. Da parte nostra riteniamo che le priorità riguardino il varo di iniziative promozionali per garantire maggiori flussi turistici, corsie preferenziali di credito per assicurare quella liquidità indispensabile allo svolgimento dell’attività imprenditoriale e misure specifiche sul mercato del lavoro. Il tutto sotto il coordinamento di un Ministero del Turismo con portafogli”.

(Fonte: Federalberghi)

Federalberghi: mercato turistico italiano, nel 2012 è cresciuto solo l’incoming

17 gennaio 2013 ·

Federalberghi ha presentato nella sua recente indagine statistica un consuntivo sull’andamento del mercato turistico italiano del 2012. Il quadro appare con molte ombre ma non senza luci come afferma il presidente Bernabò Bocca (nella foto): “sono dati sicuramente negativi quelli che nel complesso registra per il 2012 l’osservatorio permanente del nostro Centro Studi, eppure guardando al contesto internazionale c’è qualcosa che comincia a luccicare in fondo al tunnel”.

Prosegue Bocca: “al buon risultato della clientela straniera, che anche nel 2012 ha continuato a scegliere l’Italia quale meta ideale per trascorrere un periodo di vacanza, mettendo a segno un lieve ma significativo incremento dell’1%, si contrappone il marcato calo della clientela interna che rispecchia fedelmente la grave crisi economica”.

Tra i dati che emergono dall’indagine, infatti, un calo del 2,5% nelle presenze alberghiere complessive (di italiani e stranieri), che si traduce in 7 milioni di pernottamenti alberghieri in meno, in una riduzione del giro d’affari di circa 3 miliardi di euro e in un decremento del 10% dei fatturati delle sole imprese ricettive.

Le presenze italiane hanno visto un calo complessivo del 5,4%, con risultati negativi in ben 9 mesi su 12; quelle straniere registrano invece una crescita dell’1% nei pernottamenti che però nei primi mesi del 2012 ha sfiorato quota +10%.

Molto male invece l’occupazione, costantemente in calo lungo tutto l’anno sia per i lavoratori a tempo indeterminato sia per il tempo determinato: Federalberghi registra un -3% di lavoratori occupati (10 mila lavoratori in meno nel solo alberghiero e meno 60 mila nel turismo nel suo insieme).

Afferma Bocca a commento dei dati: “dov’è possibile scorgere qualche avvisaglia di ripresa?  raffreddamento dello spread, dalla stabilizzazione dei mercati finanziari e dal contenimento del tasso d’inflazione sembrerebbero nascere le condizioni per ridare liquidità alle famiglie e dunque nuovo vigore ai consumi turistici”. Il presidente di Federalberghi conclude poi la sua nota dichiarando: “la speranza che dunque auspichiamo  è di una ripartenza nel 2013 delle spese delle famiglie italiane e straniere orientate al settore, incoraggiata da tariffe ferme da tre anni e proposte commerciali sempre più ricche di servizi aggiuntivi. Cosa ci aspettiamo adesso dal mondo politico? Agevolazioni fiscali dall’Imu alla Tares, semplificazioni per l’accesso al credito, promozione massiccia verso i Paesi ad economia forte della destinazione Italia, drastica riduzione del costo del lavoro sono le richieste che rivolgiamo ai candidati Premier affinché le inseriscano nelle loro Agende, oltre ad un piano strategico di breve-media durata che possa assicurare al turismo una lenta ma certa ripresa, indispensabile per tenere in vita le migliaia di imprese, garantire i milioni di posti di lavoro e mantenere gli introiti fiscali per le casse dello Stato”.

Appuntamento al prossimo numero di Hospitality Business Magazine con uno speciale sull’indagine Federalberghi!

Fiavet e Isnart: bilancio negativo per il turismo 2012, sotto accusa il sommerso

19 dicembre 2012 ·

Un 2012 assolutamente da dimenticare per il turismo italiano secondo Fiavet, la Federazione nazionale delle agenzie di viaggio, e ISNART, l’Istituto Nazionale delle Ricerche Turistiche. Le indagini più recenti dei due enti vedono infatti un vero e proprio crollo del volume d’affari, non solo per il comparto nel suo insieme,  che scende da 11,8 a 8 mld di euro (-25,6% rispetto al 2011), ma anche per il turismo interno, che subisce una contrazione record del 18%, e per le imminenti vacanze natalizie (per le quali Isnart anticipa un calo della spesa attorno al 4,7% e circa 11 milioni di presenze, contro gli 11,4 milioni del 2011). Appare tuttavia in aumento il ricorso a viaggi organizzati attraverso le agenzie (+2,6% rispetto allo scorso anno). Secondo il presidente di Fiavet Fortunato Giovannoni (nella foto), una pesante responsabilità in questo scenario così negativo è da ricondurre al sommerso, che genera un fatturato di quasi 2 miliardi di euro e riduce di 382 milioni di euro il gettito dell’IVA. Dichiara a questo proposito Giovannone: “Alla luce di quanto emerso, ci chiediamo allora per quale motivo prendere in considerazione l’ipotesi di un ulteriore aumento dell’aliquota IVA quando, solamente combattendo il sommerso nel nostro settore, si potrebbero recuperare ingenti risorse per il bilancio dello Stato, oltre che contribuire all’occupazione. È evidente, quindi, come la lotta all’abusivismo continui a rappresentare una delle priorità della nostra Federazione, che avrà tra le altre linee strategiche per  il 2013 il rinnovo del CCNL del turismo, la ridefinizione dei rapporti con i fornitori, l’allargamento della base associativa e la formazione agli associati”.

A FieraBolzano Biolife, la vetrina delle eccellenze agroalimentari e biologiche

28 novembre 2012 ·

La Fiera di Bolzano ospita da venerdi 30 novembre a domenica 2 dicembre BIOLIFE 2012, la vetrina più ampia per l’eccellenza eno-agroalimentare italiana, biologica e certificata, legata sia alla produzione delle singole società che ai consorzi aziendali.  Si tratta della nona edizione dell’evento, che nel 2011 ha visto presenti oltre 200 produttori bio e 40.000 visitatori; il salone è organizzato in collaborazione con associazioni come AIAB, BIOL Italia e UPBIO che raccolgono la maggior parte dei produttori della filiera biologica nazionale; la prospettiva scelta per BIOLIFE 2012 guarda come sempre sia al quadro nazionale che alle realtà regionali, presenti con stand gastronomici in cui il pubblico potrà assaggiare le specialità locali. Particolare spazio avranno quest’anno, inoltre, le produzioni del sud Italia, con la presenza dei prodotti delle cooperative di Libera Terra, provenienti da terreni sottratti alla mafia. Tra gli appuntamenti da evidenziare anche il primo simposio dei GAS dell’Alto Adige che farà il punto sulla necessità di cambiamento del nostro stile di vita ed offrirà ogni informazione necessaria all’avvio del gruppo di acquisto. Per dettagli ed aggiornamenti su BIOLIFE 2012 è disponibile il sito www.biolife.it.

Provincia di Milano: turismo in crescita nel primo semestre 2012

28 novembre 2012 ·

Dati largamente positivi per l’andamento del turismo nella Provincia di Milano. È questa la tendenza evidenziata dall’Osservatorio Turismo della Provincia di Milano, secondo cui il territorio dell’area metropolitana, nei primi sei mesi del 2012, ha visto una crescita del 4,1% negli arrivi rispetto al 2011 (oltre 3 milioni di arrivi) e del 3,35% nelle presenze (più di 6 milioni di presenze). Altri dati interessanti riguardano la provenienza dei turisti: i visitatori in città provengono soprattutto dalla Russia (95.569 arrivi), dalla Francia (86.951) e dagli USA (86.013), mentre la Cina dimostra un interesse crescente per l’intera provincia con 44.404 presenze e stacca nettamente Giappone (39.546) e Germania (26.260). Per quanto riguarda il turismo interno, interessante invece il dato secondo cui i cittadini lombardi sono i principali visitatori di Milano, seguiti da turisti provenienti da Lazio e Veneto. L’assessore provinciale al Turismo Stefano Bolognini commenta così i dati dell’Osservatorio: “Italiani e stranieri continuano a visitare il nostro territorio. Si può ipotizzare che in vista di Expo 2015 questa tendenza aumenterà. Bisognerà lavorare, anche utilizzando la rete creata per valorizzare l’immagine di Milano, affinché aumenti la permanenza media e perché tutta l’area metropolitana sia all’altezza della grande sfida che ci attende”.

ISNART: pessimismo tra gli operatori italiani per l’inverno 2012. Prezzi in calo?

19 novembre 2012 ·

Si prospetta un nuovo inverno difficile per il turismo italiano secondo ISNART, l’ Istituto Nazionale di Ricerche sul Turismo del sistema delle Camere di Commercio italiane. Una nuova indagine condotta dall’Istituto rileva infatti prospettive al ribasso da parte degli operatori di settore riguardo all’ormai imminente stagione turistica invernale. Solo il 9,5% degli intervistati si aspetta ad esempio una crescita in termini di presenze, contro un 27% di operatori che prospettano numeri in ribasso; percentuali simili anche per il fatturato, che sarà in calo secondo il 66% del campione mentre solo il 6,3% parla di possibili miglioramenti.  Percentuali simili anche per la domanda interna: il 66% ritiene che l’inverno 2012-2013 vedrà una forte riduzione di essa, contro un 4,6% di intervistati che si aspettano miglioramenti. Infine, il 40% dei partecipanti al sondaggio prevede un calo della domanda dei turisti con capacità di spesa limitata o media e il 32% un ribasso per i turisti con capacità di spesa alta. Il presidente di Isnart  Maurizio Maddaloni commenta così questi dati: “Come osservato anche relativamente alle aspettative per la stagione estiva, il fatto che le previsioni sull’andamento del  fatturato siano persino peggiori di quelle relative alla dinamica di arrivi e presenze implica che gli operatori ritengano probabile una certa riduzione dei prezzi di vendita quale leva fondamentale per contenere almeno in parte la forte contrazione della domanda”.

Anche HotelBid a WHR 2012: un revenue di nuova generazione

6 novembre 2012 ·

HotelBid, il nuovo rivoluzionario sistema che permette ai clienti di stabilire il prezzo della propria camera, sarà ospite di del WHR 2012, l’evento formativo in programma all’Hotel Capannelle di Roma (Via Siderno 37)  dal 20 al 23 novembre 2012. Due gli appuntamenti con HotelBid a WHR. Il primo è in cartellone per il 21 novembre, nella sessione Lab, con l’intervento dal titolo “Learning from experience: case history HotelBid”, durante il quale Filippo Mancini presenterà i vantaggi che l’incontro tra rete e mondo reale portano al revenue. Il secondo incontro, invece, dal titolo “HotelBid cancella la bassa stagione”, è in programma il 23 novembre nella Speed Date Room di WHR. Durante questo intervento si potranno conoscere ancora meglio le caratteristiche di questo nuovo strumento che permette, senza costi di attivazione né canoni mensili, di applicare un pricing dinamico e offerte personalizzate opache. HotelBid nasce dall’esperienza e dall’esigenza diretta dell’albergatore che si trova gestire la propria clientela, con bisogni diversi a seconda della tipologia: il pricing dinamico, base del Revenue, diventa con HotelBid la coniugazione perfetta di tutti i principi che ispirano la tecnica di vendita di una camera d’albergo. Il widget di HotelBid permette infatti la vendita attraverso un’asta online riservata: ciò consente sia al cliente di stabilire il prezzo che vuole pagare per la propria stanza, sia all’albergatore – cui spetta la decisione finale – di vendere al miglior prezzo per quel determinato periodo.

Nuovo appuntamento a Fiera Bolzano con “Hotel 2012” e “Autochtona 2012”

18 ottobre 2012 ·

Ai nastri di partenza negli spazi di Fiera Bolzano “Hotel 2012”, la Fiera Internazionale dell’HORECA, che arriva quest’anno alla sua 36° edizione. Dal 22 al 25 ottobre i padiglioni della Fiera offriranno le ultime tendenze dell’architettura ecologica, del b2b e del marketing alberghiero, con oltre 500 espositori da 12 paesi.
Ad aprire i lavori, lunedi 22 ottobre alle ore 9.15 presso il Centro Congressi Fiera – Four Points by Sheraton, Sala Elena Walch, sarà un importante appuntamento dedicato alla comunicazione digitale, dal titolo “Social Media Forum 2012: La rivoluzione continua”. Il convegno, organizzato da Fiera Bolzano in collaborazione con Südtirol Marketing Alto Adige (SMG), Unione Albergatori e Pubblici Esercenti (HGV) e Unione Giovani Albergatori (HGJ), verterà su temi come branding, uso delle mobile applications e assistenza digitale ai clienti.
Il b2b sarà invece al centro di iniziative come “Workshop Alto Adige: Borsa di contatto per tour operator e strutture turistiche”, in programma nel pomeriggio di martedi 23 ottobre presso le Sale Latemar e Vajolet (Padiglione espositivo, livello 0, settore C).
Particolare centralità avrà poi nell’edizione 2012 di “Hotel” il tema food ed enogastronomia, anche in chiave di formazione. HOTEL 2012 si svolgerà infatti in concomitanza con “Autochtona”, il Forum nazionale dei vini autoctoni, e ospiterà un ricco programma di incontri ed assaggi che culmineranno nell’assegnazione del 10° “Premio alla cultura enogastronomica dell’Alto Adige”, assegnato in collaborazione con Vini Alto Adige e HGV ai migliori esercizi locali.
“Hotel 2012” è organizzato in collaborazione con l’Unione Albergatori e Pubblici Esercenti dell’Alto Adige HGV e con altre importanti associazioni di categoria locali, ed ha con il patrocinio di Federalberghi, Federazione delle Associazioni Italiane Alberghi e Turismo.
Il programma completo è visibile sul sito www.hotel-fierabolzano.it.

Franchigie estive: bloccati gli scioperi nei trasporti ad agosto

1 agosto 2012 ·

Pubblicata la tabella con i periodi di garanzia per la fase centrale del 2012

La Commissione di Garanzia dell’attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali ha pubblicato all’indirizzo http://www.cgsse.it/avvisi.jsp un prospetto riepilogativo delle franchigie per l’estate 2012.  Per i trasporti si prospetta un mese relativamente tranquillo, dal momento che nei settori del trasporto e della sicurezza stradale non potranno essere effettuati scioperi tra il 27 luglio e l’inizio di settembre: nello specifico, saranno bloccati fino al 3 settembre gli scioperi nel  trasporto ferroviario e marittimo F.S. e nella sicurezza stradale e fino al 5 settembre quelli relativi a  trasporto aereo, trasporto marittimo Tirrenia e trasporto pubblico locale. Per quanto riguarda il trasporto pubblico locale e i taxi invece i periodi di garanzia stabiliti vanno dal 28 luglio al 3 agosto, dal 10 al 20 agosto e dal 28 agosto al 5 settembre, mentre per il trasporto merci non potranno essere organizzati scioperi dal 10 al 20 agosto.

Indagine Federalberghi: congiuntura negativa, -2,2% di presenze negli alberghi da gennaio a giugno

17 luglio 2012 ·

Bocca: “grave calo delle presenze a giugno, la crisi si sta allargando”

Ancora saliscendi per il sistema dell’hospitality italiana nel 2012: questa la tendenza nei dati dell’ultima indagine congiunturale di Federalberghi, realizzata a inizio luglio su un campione di oltre 1.200 aziende. Le presenze alberghiere hanno fatto infatti registrare un -5,4% di presenze  rispetto al primo semestre del 2011, in parte compensato da una crescita dei pernottamenti di stranieri (+1,3%); a condizionare però il risultato d’insieme la pesante caduta che ha caratterizzato il mese di giugno, che ha fatto registrare un calo del 7,6% nei pernottamenti (-7,1% di italiani e -8,2%  di stranieri) rispetto a giugno 2011. Cala anche l’occupazione (-2,5%), con una flessione del 2,4% per i lavoratori a tempo indeterminato ed un parallelo decremento del 2,8% per i lavoratori a tempo determinato. Dichiara Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi: “Che infatti gli italiani abbiano difficoltà economiche diffuse è cosa nota, mentre una perdita così importante di stranieri nel mese di giugno, abitualmente preferito da tedeschi e francesi, nord europei ed inglesi per trascorrere una consueta settimana in qualche località turistica del Bel Paese, rappresenta un ulteriore segnale che la crisi si stia allargando a vista d’occhio ed il contagio finanziario stia investendo in pieno anche i consumi turistici europei”. “Per capire dunque l’evoluzione congiunturale” –continua Bocca– “la Federalberghi ha attivato in queste ore una capillare ricerca sui consumi turistici degli italiani per i mesi di luglio ed agosto, che nei prossimi giorni diffonderemo, per cercare di capire se almeno durante i canonici mesi di vacanza i consumi delle famiglie potranno dare un sospirato segnale di recupero, aiutati dal fatto che come sostiene uno dei più noti comparatori online nei mesi estivi le tariffe alberghiere delle principali località balneari italiane subiranno un calo mediamente del 5%, o segnare un’ulteriore battuta d’arresto che potrebbe preludere alla chiusura di centinaia di imprese ricettive, martoriate ormai da fatturati sotto il livello di equilibrio gestionale”. (Fonte: Federalberghi)

Commissione Europea: arriva l’app per i diritti dei viaggiatori

10 luglio 2012 ·

Disponibile in 22 lingue, offre informazioni logistiche e tecniche in caso di imprevisti durante i viaggi in treno e aereo

Nell’ambito del progetto “Your Passengers Right at Hand” la Commissione Europea ha messo a disposizione una nuova applicazione che permette ai viaggiatori di conoscere i propri diritti (dalla logistica immediata al risarcimento) in caso di problemi relativi a un viaggio in aereo o in treno. L’applicazione può inoltre comunicare informazioni e avvisi provenienti dalla Commissione Europea in caso di grandi emergenze come quella provocata nel 2010 dalla nube di cenere del vulcano islandese Eyjafjallajökull. L’app è disponibile in 22 lingue, è utilizzabile sugli smartphone Apple, Google Android, RIM Blackberry e Windows Phone 7; può essere scaricata all’indirizzo ec.europa.eu/transport/passenger-rights/it/index.html . Nel 2013 l’applicazione sarà estesa anche alle altre forme di trasporto (su gomma e via mare). Slim Kallas, responsabile UE per i trasporti (nella foto), dichiara: “con questa applicazione milioni di viaggiatori possono avere accesso rapidamente alla giusta informazione sui propri diritti nel momento esatto in cui ne hanno bisogno, quando l’evento si presenta inaspettato”.

Federalberghi e Amadeus Italia: previsioni stabili per l’estate 2012

26 giugno 2012 ·

Pronta una nuova indagine: gli italiani continuano a preferire il turismo interno

 

Un quadro sostanzialmente stabile ma senza grandi sviluppi rispetto al 2011, nonostante l’aggravarsi della crisi economica ed eventi di grande impatto sociale ed economico come il sisma in Emilia. Questo il quadro dell’indagine previsionale sul turismo nell’estate 2012 che Federalberghi e Amadeus Italia, leader nella distribuzione e nella fornitura di tecnologie avanzate per l’industria globale dei viaggi e del turismo, hanno svolto dal 14 al 18 giugno in collaborazione con ACS Marketing Solutions. Dalle interviste  a un campione di 1.205 maggiorenni emergono soprattutto due tendenze: il 70% degli intervistati adotterà le stesse modalità di vacanza del 2011, il 19% dichiara che ne farà di meno e solo l’8% afferma che ne farà di più. Cresce inoltre la preferenza per il turismo interno (79% contro il 67% del 2011, mentre l’estero sarà scelto dal 15% contro il 19% dello scorso anno). Ad andare in vacanza saranno 27,8 milioni di persone, corrispondenti al 46,1% della popolazione italiana.  “I dati emersi dall’Osservatorio, rispecchiano in modo puntuale la delicata situazione economica che gli italiani stanno affrontando – commentano Bernabò Bocca, Presidente di Federalberghi e Fabio Maria Lazzerini, Amministratore Delegato e Direttore Generale Amadeus Italia- e che inevitabilmente si riflette sulle abitudini vacanziere. La contrazione della domanda turistica per questa estate e la tendenza degli italiani a  rimanere in Italia, potrebbe essere un’opportunità per gli operatori di sviluppare sinergie, facendo sistema e proponendo un’offerta innovativa e personalizzata, attraverso l’impiego delle tecnologie, in grado di rivoluzionare l’esperienza del viaggiatore in fase di pianificazione, prenotazione e fruizione del viaggio”. Tra i risultati più interessanti dell’indagine infatti anche il ruolo importante dei giovani, sia come quantità (nella fascia 18-24 anni ben il 64% si recherà in vacanza, in quella 25-44 anni il 50%)  sia per i nuovi metodi prenotazioni citati da Lazzerini, grazie al ruolo sempre maggiore giocato dalle prenotazioni via web. (Fonte: Federalberghi)

Successo per la promozione di Expo 2015 in Brasile

26 giugno 2012 ·


Formigoni, Clini e Sala ospiti al padiglione italiano del summit “Rio +20” 

Il commissario generale di Expo Roberto Formigoni e l’ambasciatore d’Italia in Brasile, Gherardo Lafrancesca, insieme al ministro dell’ambiente Corrado Clini e all’Amministratore delegato di Expo 2015 spA Giuseppe Sala, hanno presentato i progetti per l’Esposizione Universale in occasione di “Rio+20”, il summit Onu sullo sviluppo sostenibile organizzato a Rio De Janeiro. Durante la presentazione sono stati introdotti i progetti delle Aree Tematiche, in particolare i padiglioni a tema alimentare che raccoglieranno le rappresentanze di più paesi. Secondo Sala I padiglioni saranno 70-75 e rappresenteranno i 140 paesi che sono il nostro obiettivo finale. I 60 maggiori paesi avranno un loro spazio espositivo, gli altri non seguiranno un ordine geografico come avvenuto finora ma tematico. L’Italia avrà lo spazio espositivo più grande con 25 mila metri quadrati”.  Sala ha inoltre aggiunto che nell’area espositiva (1,1 milioni di mq) si attendono 20 milioni di visitatori, ma gli eventi e il sistema interattivo in via di creazione potranno arrivare fino alla cifra del miliardo di contatti. (Fonte: ANSA/Expo 2015)

Il Ministro Gnudi presenta a Monti il Piano per il Turismo

20 giugno 2012 ·

 

In via di definizione un progetto pluriennale di riorganizzazione del sistema dell’hospitality nazionale

Il Ministro del Turismo, Piero Gnudi, ha presentato nei giorni scorsi al Presidente del Consiglio Mario Monti il progetto del “Piano strategico di rilancio del turismo in Italia”, realizzato in collaborazione con le rappresentanze delle Regioni, con i Ministeri  governativi e con la consulenza della società BCG (The Boston Consulting Group). Gnudi ha così commentato l’attuale stato del progetto: ”Si tratta di una prima fase di lavoro collegiale che proseguirà per tutta l’estate e si concluderà in autunno con la presentazione del Piano alla Conferenza Nazionale del Turismo, dopo la condivisione con Regioni, Province Autonome e Governo. Nel frattempo, a partire dai prossimi giorni, verranno coinvolti, per raccoglierne suggerimenti ed osservazioni, tutti i principali operatori del settore, così come le Commissioni Parlamentari competenti, per trovare il più ampio supporto e condivisione e quindi favorire la massima efficacia del Piano Nazionale per il Turismo”.

Torna alla home e consulta altre news

Federalberghi: continua il 2012 difficile per il turismo italiano

20 giugno 2012 ·

 

Bocca: “previsto un calo medio del 6% per le tariffe alberghiere italiane”

Nuvole nere sul turismo italiano anche nell’estate 2012 secondo Federalberghi, soprattutto a livello di occupazione nel settore. La Federazione ha infatti presentato il consueto monitoraggio mensile, realizzato a inizio giugno e dedicato all’andamento del settore nei primi 5 mesi del 2012.  L’indagine fa registrare un forte calo delle presenze alberghiere (-4,7% rispetto allo stesso periodo del 2011) compensato in parte dalla crescita dei pernottamenti stranieri (+5,1%); male invece l’occupazione, che fa registrare  un calo generalizzato del -2,6), con una flessione del 2,2% per i lavoratori a tempo indeterminato ed un parallelo decremento del 3,1% per i lavoratori a tempo determinato. Il Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, ha così commentato le statistiche ricevute parlando di un “taglio dei consumi turistici trasversale, senza distinzione di ceto sociale o livello reddituale” e che tocca anche la capacità di spesa dei turisti stranieri. Bocca ha inoltre aggiunto che”da uno dei più noti comparatori on line arriva l’indicazione che nei mesi estivi le tariffe alberghiere italiane subiranno un calo medio del 6%”. Infine il presidente degli Albergatori Italiani ha ricordato la necessità di rispondere anche a livello economico ai danni portati dal recente sisma in Emilia e ha chiesto nuovamente l’intervento del governo e l’introduzione di incentivi fiscali per il sostegno all’occupazione e al comparto edilizio. (Fonte: Federalberghi)

Torna alla home e consulta altre news

BIT 2012 – Intervista HB Consortium – Le opportunità offerte da Expo 2015.mpeg

27 febbraio 2012 ·

BIT 2012 – Intervista HB Consortium – Le opportunità offerte da Expo 2015

 

Il primo intervento a Bit 2012 del presidente di Federalberghi Bernabò Bocca e del sindaco di Milano Giuliano Pisapia, che sottolineano come il turismo italiano continui ad essere sostenuto soprattutto dalla presenza di stranieri nel nostro Paese. Anche per l’estate 2012 si prevede questo trend, e in vista di Expo 2015 oltre questa tendenza dovrà essere sostenuta dallo sviluppo del turismo culturale (che secondo Pisapia sta dando buoni risultati a Milano) e dalla gestione efficace del numero e della qualità delle strutture ricettive.

 

BIT 2012 – Interviste HB Consortium – Il turismo influisce sul PIL del Paese.mpeg

27 febbraio 2012 ·

BIT 2012 – Interviste HB Consortium – Il turismo influisce sul PIL del Paese

 

Il sindaco di Milano Giuliano Pisapia ha partecipato al convegno “Il turismo come elemento di sviluppo e le opportunità offerte da Expo 2015 al paese” in occasione della giornata inaugurale di Bit”. Pisapia esprime la necessità di collegare ancora meglio i temi e l’offerta di Expo con un turismo culturale che nel 2011 ha fatto registrare cifre da record per i musei milanesi. Pisapia auspica la creazione di pacchetti turistici di nuova generazione che permettano di allungare anche i tempi di soggiorno dei turisti milanesi in città.

BIT 2012 – Intervista al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia.mpeg

27 febbraio 2012 ·

BIT 2012 – Intervista HB Consortium al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia.mpeg

 

Al convegno inaugurale di BIT 2012 ha partecipato anche il Ministro del Turismo, dello sport e degli affari regionali Piero Gnudi. Il ministro evidenzia la necessità di riorganizzare l’offerta italiana dalle basi, anche a livello di formazione professionale, per arrivare a imprese turistiche più snelle e organizzate. In questo modo, afferma Gnudi, la quota del turismo italiano sul PIL può arrivare fino al 18%.

BIT 2012 – Il mondo del turismo a Milano.mpeg

27 febbraio 2012 ·

Intervista HB Consortium – BIT 2012 Il mondo del Turismo a Milano

 

Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, si sofferma sul legame sempre più stretto BIT-Expo a margine del convegno inaugurale dell’edizione 2012 della Borsa Internazionale del Turismo e conferma la necessità di lavorare sulle strutture alberghiere e sulle infrastrutture di trasporto, in particolare le nuove autostrade da completare entro il 2015.

Pagina successiva »