• Newsletter
     
      
  • Abbatti i costi
     
      
  • Guida ai fornitori
     
      
  • Consulenza professionale 2
     
      
  • Contatti
     
      
  • Blog
     
      
  • Consulenza professionale 1
     
      
  • slide1
     
      

Una prigione trasformata in un paradiso: l’elegante hotel di Helsinki!

21 Dicembre 2018 

Fuggite dall’ordinario e vivete un lusso nordico soggiornando in un’ex prigione di Helsinki

Ci sono due scuole di pensiero quando si tratta di scegliere un hotel per una vacanza o un fine settimana. La prima è trovare semplicemente un buco dove poggiare la testa perché “non ci passerete comunque molto tempo”. La seconda, e il nostro approccio preferito, è che il vostro hotel è parte integrante del vostro soggiorno: è un modo di vivere la città semplicemente rimanendo lì. È l’esperienza. Perché? Alcuni hotel fanno parte del tessuto di una città; hanno storie da raccontare, che si tratti della loro posizione, architettura o storia.

Questo è certamente vero per il Marriott Tribute Portfolio TM, progettato per i viaggiatori che cercano nuove esperienze. Ecco una famiglia di boutique hotel indipendenti legati dal loro spirito “indie” e dalla loro abilità nel connettere persone e luoghi. Questi hotel incantevoli favoriscono un senso di comunità sia dentro che fuori – pensate al design sorprendente, all’uso audace del colore e alle installazioni d’arte degne di nota – il tutto volto a darvi un soggiorno da raccontare.

LA PRIGIONE DI LUSSO

Non c’è nulla di più più “esperienziale” di stare in una ex prigione. L’Hotel Katajanokka, a Helsinki, un Tribute Portfolio Hotel, è famoso in Finlandia. Ogni abitante di Helsinki conosce lo splendido edificio art déco e le storie contenute all’interno delle sue robuste pareti. Originariamente aperto come prigione della contea di Helsinki, l’edificio principale dell’hotel risale al 1888.

Marriot

La domanda ovvia, però, è perché dovreste voler soggiornare in una ex prigione? “L’edificio è pieno di storia e di grandi storie, ma non è sopraffatto da un tema carcerario”, afferma Taru Ojaharju-Latief, direttore vendite e marketing dell’hotel. “Si tratta più del bellissimo edificio art déco e dei manufatti, che onorano la lunga e colorata storia della prigione”.

Gli ospiti possono visitare le celle di isolamento e cenare con la propria guardia
Quando si entra nel suggestivo edificio in mattoni rossi (circondato da un alto muro perimetrale), il cartello recita “Scappa dall’ordinario”, che sembra azzeccato. Non si può ignorare l’architettura in stile prigione – pensiamo a lunghi corridoi dritti impilati uno sopra l’altro come mensole e affacciati su un atrio centrale (ora un salone) con ringhiere e scale in ferro battuto. Non si può fare a meno di chiedersi chi abbia vagato per i corridoi prima di voi e abbia sbirciato oltre quei parapetti nella vita passata dell’hotel.

L’OSPITE FAMOSO

Conosciamo un ospite leggendario: Jan Jalutsi, il più infame rapinatore di banche del paese, artista dell’evasione e criminale abituale della sua era. Ciò che lo ha reso famoso era la sua impareggiabile capacità di evadere da quasi tutti i blocchi dove fosse mai stato rinchiuso. Ora è un personaggio rivalutato e un autore pubblicato, con una laurea in scrittura e sei lingue straniere alla sua cintura, organizza visite guidate in hotel. Non è certo da tutti i giorni come ospite di un hotel, vero?

“Gli ospiti possono anche visitare le nostre celle di isolamento originali e cenare in una di queste (con la propria guardia) prima di prendere parte a una fuga dalla prigione”, dice Ojaharju-Latief. I tocchi più sottili della prigione includono “piatti di latta e tazze di latta a cena, matrimoni nella vecchia chiesa della prigione (la seconda chiesa più antica di Helsinki) e una mostra fotografica che mostra i vecchi tempi della prigione creati dal fotografo Sakari Kiuru è a disposizione gratuitamente per gli ospiti”.

Photographer: Nina Pauloff
Per quanto riguarda l’arredamento, le camere sono riadattate dalle celle e, in quanto piccoli bijoux, sono anche eleganti e moderne. Pensate ai grigi sbiaditi e ai bianchi con caldi tocchi di noce. Le camere più spaziose sono dotate di finestre ad arco in stile decò a tutta altezza, mini-bagni con piastrelle a mosaico e mobili in stile metà secolo.

Un altro vantaggio di stare in un’ex prigione – muri spessi! Le pareti di mattoni spesse un metro rendono le camere meravigliosamente silenziose, garantendo un sonno eccezionale. I soffitti alti contribuiscono a creare un’atmosfera spaziosa mentre le finestre a triplo vetro mantengono il trambusto della città all’esterno. Tutte le tariffe includono una splendida colazione scandinava a buffet con salumi, frutta, formaggi e yogurt e l’uso gratuito della palestra “della prigione” di 24 ore e di una sauna gratuita per il fine settimana – un must in Scandinavia.

Continua a leggere >>

fonte:  www.marieclaire.com