L’incredibile nuovo hotel che vi trasporterà nella Roma antica

21 Dicembre 2018 

Alcune cose nella vita sono più di ciò che sembrano. La letteratura può cambiare la vita, l’arte può essere stimolante, la cucina può essere illuminante. E potreste non pensarlo all’inizio, ma gli hotel possono anche essere speciali come questa santa trinità. Perché è durante un soggiorno affascinante che si prova del delizioso cibo nuovo, si piange su un libro indimenticabile o si ammira un’architettura affascinante.

Il Pantheon Iconic Rome Hotel, parte della collezione Marriott’s Autograph, è uno di questi posti. La Collezione Autograph celebra gli hotel boutique che sono unici nel design e nello spirito premuroso, spesso portando i monumenti più preziosi di una città in un ambiente moderno. Situato letteralmente all’ingresso del Pantheon antico, permette praticamente di vivere la storia. Se la Roma storica è ciò che state cercando, allora questo è il luogo ideale per rivivere quel passato animato. Questo hotel si trova proprio nel cuore di quel miscuglio tipicamente romano di viuzze acciottolate, eleganti piazze e caffè ‘tascabili’.

Al tramonto serviamo a tutti i nostri ospiti un vino speziato che si dice fosse bevuto nell’antica Roma
Ci sono molti motivi per visitare Roma, e la storia e il cibo sono sicuramente in cima alla lista. Al Pantheon Iconic si possono combinare le due cose facendo colazione con lo storico tempio romano che ti fissa mentre sorseggi il tuo espresso mattutino. Situata sei piani sopra al livello della strada, l’area colazioni è un ambiente imponente per il primo pasto della giornata. “Le finestre della sala colazione sono state ridisegnate per inquadrare adeguatamente la vista del Pantheon, come in un dipinto vivente”, afferma Francesca Gori, direttore vendite e marketing dell’hotel.

QUANDO SEI A ROMA

Se i drink serali sono la vostra passione, Gori suggerisce di provare l’Iconic Sunset’. “Il nostro aperitivo italiano si tiene ogni giovedì dalle 19:00 nel nostro Divinity Terrace Lounge Bar, al sesto piano dell’hotel, con una vista spettacolare sui tetti della città e le cupole delle chiese. Proprio quando il sole tramonta serviamo ai nostri ospiti il ‘Mulsum’, un vino speziato che si dice fosse bevuto in epoca romana.

Un soggiorno qui significa immergersi completamente nella storia che ti circonda. Il Pantheon con soffitto a cupola è uno degli edifici romani meglio conservati di tutti, in gran parte perché è stato in uso continuo nel corso della sua storia. Come sottolinea Gori: “La connessione dell’hotel con il Pantheon non è solo nella prossimità, ma anche nel modo in cui rispettiamo la sua storia e il suo simbolismo per i romani.” Altri siti iconici romani che sono a pochi passi includono la scalinata di Trinità dei Monti, la Fontana di Trevi e Piazza Navona.

UNA LEZIONE IN STORIA DEL LUSSO

Il design opulento dell’hotel rende omaggio all’antico edificio accanto. “L’Oculus del Pantheon, la spettacolare apertura circolare al centro della cupola, si riflette nelle forme circolari adottate sui soffitti nelle camere degli ospiti e nelle aree pubbliche”, afferma Gori. “L’uso estensivo del marmo nell’hotel ricorda il lusso antico, mentre l’uso dell’ottone nell’arredo è un riferimento diretto sia alle maestose porte in bronzo del Pantheon che alle stelle della cupola.” Nel contempo, le colonne della galleria dell’hotel imitano direttamente l’architettura del Pantheon.

Le camere classico-chic presentano decorazioni su misura che ricordano il passato, come l’illuminazione e gli specchi a tema Pantheon. Per riportarci decisamente nel mondo moderno, invece, ci sono i servizi di alta qualità: solidi materassi Simmons e un menù di cuscini, minibar gourmet e frigorifero per vino, smartphone con istantanea portineria Manet e televisori intelligenti. I bagni sono anch’essi di lusso, spaziosi e luminosi con decorazioni in marmo, docce a pioggia in vetro e prodotti di lusso Acqua di Parma. Scegliete una Junior Suite affacciata sulla rigogliosa Piazza Sant’Eustachio per ricordarvi di essere nella Città Eterna.

Continua a leggere >>

fonte: www.marieclaire.com