• Newsletter
     
      
  • Abbatti i costi
     
      
  • Guida ai fornitori
     
      
  • Consulenza professionale 2
     
      
  • Contatti
     
      
  • Blog
     
      
  • Consulenza professionale 1
     
      
  • slide1
     
      

Innside by Meliá, un hotel di lusso nella rinascente Torre Galfa

23 ottobre 2018 

Il rilancio della torre ideata da Melchiorre Bega passa anche dal nuovo albergo del gruppo spagnolo, destinato a una clientela che coniuga business e leisure

A Milano c’è una torre che, nei prossimi anni, tornerà a polarizzare l’attenzione e gli sguardi. Il riferimento va alla Torre GalFa, il grattacielo progettato dall’architetto Melchiorre Bega nel 1956, simbolo di una stagione italiana affascinante e fortunata, a lungo considerato un elemento forte dello skyline cittadino assieme al Grattacielo Pirelli.

Dopo la cessione negli anni ’80 alla Banca Popolare di Milano, e alterne vicende, compreso l’abbandono nei primi anni 2000 e un’occupazione negli anni recenti, la torre è pronta a vivere una nuova stagione, grazie al progetto di riqualificazione promosso dal Gruppo UnipolSai, che ne detiene la proprietà. Il grattacielo di 103 metri, che in passato ha ospitato perlopiù uffici, avrà una nuova vocazione funzionale, mista: fino al 13 esimo piano ospiterà l’hotel Innside Milan della collezione Innside by Meliá; spazio ai piani superiori agli appartamenti di lusso per privati, mentre tra il 29esimo e il 30simo uno sky bar e un concept restaurant dialogheranno dall’alto con la metropoli.

Nella torre quindi approderà il primo hotel italiano della collezione Innside by Meliá, brand del gruppo Meliá Hotels International, fondato nel 1956 a Palma di Maiorca, presente nei quattro continenti, con oltre 380 strutture: l’Innside Milan Torre Galfa sarà un hotel 4 stelle con 145 camere, quattro meeting room, wellness e panoramic gym al primo piano, ristorante e bar con dehor, terrazzo per eventi privati e 23 posti macchina. Un hotel che ospiterà una clientela business che planerà a Milano per fare affari ma anche per godersi la città e la sua proposta culturale.

Continua a leggere >>

fonte: www.wired.it