• Newsletter
     
      
  • Abbatti i costi
     
      
  • Guida ai fornitori
     
      
  • Consulenza professionale 2
     
      
  • Contatti
     
      
  • Blog
     
      
  • Consulenza professionale 1
     
      
  • slide1
     
      

Nuove professioni del turismo: chi frequenta i corsi porta un bonus in azienda

10 aprile 2018 

Arriva una “dote” per chi completerà uno dei corsi di formazione sulle nuove professioni del turismo, come la guida in mountain bike, organizzati dalla Regione. Avrà un benefit da 3 o 6.000 che porterà in azienda. È  l’integrazione del patto per il lavoro nel turismo firmato dal presidente Giovanni Toti, dai sindacati, dai rappresentanti dei datori di lavoro, che prevede 5 milioni del fondo speciale europeo.

È una delle misure del bando da 5 milioni di euro del programma operativo Fse-Fondo sociale europeo 2014-2020 rivolto alla formazione nel settore turistico. Due le linee di intervento, presentate questa mattina in conferenza stampa dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e dagli assessori regionali alla Formazione Ilaria Cavo e alle Politiche attive del Lavoro e Turismo Gianni Berrino.

Le nuove professioni segnalate dal comparto sono cinque:

  • accompagnatore cicloturistico
  • accompagnatorie dei turisti con esigenze speciali
  • chef
  • governante ai piani
  • manutentore delle strutture ricettive

La linea 1 del bando ha una dotazione finanziaria di 4 milioni di euro ed è destinata all’inserimento lavorativo di giovani e adulti disoccupati attraverso un percorso formativo che comprenda sia le tradizionali professioni legate al turismo sia le nuove figure di recente inserite nel repertorio regionale delle professioni.

La linea 2, con una dotazione di 1 milione di euro, è finalizzata alla formazione continua e all’aggiornamento professionale degli occupati, per implementarne le professionalità, in linea con le nuove richieste del mercato turistico-ricettivo.

Il patto prevedeva già un bonus da 3.000 a 6.000 euro per le strutture ricettive e per gli stabilimenti balneari che garantivano assunzioni con contratti a tempo determinato superiori a 8 mesi o a tempo indeterminato, ha detto l’assessore al Turismo, Gianni Berrino. “Con questa estensione il bonus viene riconosciuto anche a chi viene assunto dopo aver frequentato corsi sulle nuove professioni del turismo”. I bonus occupazionali del patto per il turismo hanno già sortito i primi effetti: a 10 giorni dall’apertura del bando sono circa 440 i contratti stipulati, segno della vivacità del settore.

“Puntiamo sul turismo e su tutto quello che può creare occupazione – dichiara il Presidente di Regione Liguria Giovanni Toti – la novità è riuscire a fare sinergia tra i corsi di formazione professionale e gli aiuti che daremo alle imprese che assumono e legare il risultato di questi corsi al finanziamento degli stessi in modo che la formazione si orienti sempre più sui bisogni delle imprese e non su esperimenti che non hanno futuro. Questo è il risultato della nostra riforma della formazione professionale, delle nostre politiche attive del lavoro, l’occupazione resta la prima emergenza del Paese e della Liguria, ma qualcosa si muove i dati pubblicati sulla stampa ci dicono di un buon risultato dei nostri corsi e della formazione professionale per troppo tempo inchiodata a vecchi schemi , proseguiamo dunque su questa formula di integrazione sempre più stretta tra chi il lavoro lo dà e chi lo cerca”.

“La scelta di stanziare 5 milioni di euro per la formazione nel settore turistico, quindi di emanare un bando settoriale, è una diretta conseguenza del patto per il turismo siglato da questa giunta regionale – spiega l’assessore regionale alla Formazione Ilaria Cavo – Il restyling delle strutture turistiche non poteva non andare di pari passo con un restyling delle risorse umane del settore, e quindi dell’impostazione dei corsi di formazione. Questo bando, permette a enti, in accordo con le aziende, di presentare progetti formativi sia legati alle figure tradizionali, sia legati alle nuove figure che abbiamo inserito nel laboratorio regionale delle professioni dopo un approfondito confronto con le parti sociali e gli enti datoriali “.

Continua a leggere >>

fonte: www.primocanale.it