• Newsletter
     
      
  • Abbatti i costi
     
      
  • Guida ai fornitori
     
      
  • Consulenza professionale 2
     
      
  • Contatti
     
      
  • Blog
     
      
  • Consulenza professionale 1
     
      
  • slide1
     
      

Expo 2015: un indotto da 25 miliardi fino al 2020

20 Febbraio 2013 

Effetti positivi su occupazione, investimenti esteri e patrimonio immobiliare

Expo 2015 SPA e la Camera di Commercio di Milano hanno promosso un’importante ricerca che raccoglie le previsioni sull’impatto economico dell’Esposizione nel periodo 2012-2020.  Secondo il progetto, guidato dal professor Alberto Dell’Acqua (SDA Bocconi), la ricaduta sull’indotto e sull’occupazione sarà rispettivamente di 24,7 miliardi di produzione aggiuntiva (4 dei quali provenienti dal turismo) e di 199 mila persone occupate. Importanti anche i benefici sulle start up (1,7 mld di produzione aggiuntiva e 12,4 mila occupati) e sugli investimenti diretti esteri (per i quali si prevedono 1 mld di valore aggiuntivo e 16,5 mila occupati).  Anche nel settore immobiliare si avranno effetti positivi, con 1,1 mld di produzione aggiuntiva e 8 mila posti di lavoro portati anche dalla rivalutazione di immobili e strutture nell’area espositiva. L’ AD di Expo 2015 S.p.a. Giuseppe Sala, (nella foto), commenta così i dati dell’indagine: ci saranno effetti e ricadute positive in tutti i settori produttivi anche negli anni successivi. Per questo motivo è fondamentale che le istituzioni, locali e nazionali, investano risorse, energie e idee in questo progetto. In gioco c’è molto: l’immagine del nostro Paese nel mondo, uno sprone a uscire dalla fase di stallo che stiamo vivendo e la possibilità di dare alla nostra economia un nuovo passo”.

(Fonte: Expo 2015)