“NEW BIT, NEW BUSINESS”: formazione, tecnologia e turismo

13 Febbraio 2012 

In programma dal 16 al 19 febbraio 2012 la 32° edizione di BiT

“New BiT, New Business” è la headline scelta per sintetizzare la 32° edizione di BiT, la Borsa Internazionale del Turismo che si presenta ai nastri di partenza con un concept innovativo e all’insegna del turismo come incontro e occasione di scoperta e conoscenza reciproca. I 100.000 mq di Fieramilano/Rho, che nell’ultima edizione hanno ospitato 2287 espositori, 2000 seller e 60.000 operatori da 130 paesi, superando la soglia dei 100.000 visitatori, sono pronti a dare spazio, nei giorni dal 16 al 19 febbraio 2012, a un intenso programma di eventi e incontri legati soprattutto al tema della formazione tecnologica d’avanguardia per il turismo del futuro. Cuore di Bit 2012 saranno infatti l’area “Tourism collection”, riservata agli operatori B2B (Tour operator e crocieristi, gestori di agenzie di viaggio, catene alberghiere, vettori aerei, marittimi e ferroviari, noleggi e società di servizi) e il programma di training tenuto nella “Travel Training Room” (padiglione 5), dove le diverse tipologie di servizio turistico (dall’agenzia di viaggi al turismo congressuale fino alla promozione del territorio da parte delle pubbliche amministrazioni) saranno rilette attraverso le tendenze più recenti e le novità portate dal web: si parlerà quindi di “mobile travel”, “destination marketing”, posizionamento sui motori di ricerca, scrittura creativa e travel blogging, “e-mail power” applicato al “direct marketing” e di molto altro ancora.“Bit Buyitaly”, in calendario il 17 e 18 febbraio, sarà invece lo spazio di incontro tra 2000 seller selezionati e 500 top buyer internazionali esclusivi, scelti direttamente da Bit e provenienti da oltre 50 Paesi del mondo. L’incontro metterà in luce le opportunità e le potenzialità del turismo incoming in Italia attraverso trasporti, real estate, tour operating e ricettività. Il 16 febbraio si svolgerà invece il workshop Bit BuyClub dedicato agli operatori dell’associazionismo europeo, con la presenza di 200 seller (selezionati tra tour operator, agenzie di viaggio, consorzi di commercializzazione) e 100 buyer e club di interesse provenienti da 11 paesi.

Il web è anche motore di BiT 2012: BIT COMMUNITY, la comunità professionale via web che unisce operatori e pubblico. La comunità è composta da due aree dedicate a B2B e B2C. L’area B2B per gli operatori, la B2C è divisa in tre canali: “Italy”, “The World” e “Agenzia di Viaggi”. Si tratta di aggregatori di ultima generazione che mettono a disposizione le informazioni sulle destinazioni turistiche attraverso un database di raccolta dei siti turistici uffi ciali di promozione, locali, nazionali e internazionali e delle loro pagine sui social network. Vengono dunque raccolti in modo automatizzato i flussi informativi degli espositori attraverso flussi RSS costantemente aggiornati e motori di ricerca. Nel canale Agenti di Viaggi, pre-registrandosi a BiT, l’utente può inserire anche l’indirizzo Url delle proprie attività e pagine social (Facebook, Twitter, LinkedIn, TripAdvisor, Flickr, Canale Youtube o flusso RSS del proprio sito) per promuovere la loro attività. La pre-registrazione è richiesta anche per accedere al canale tematico per B2B e operatori, che raccoglie in modo verticale e specializzato per argomento informazioni dalle fonti giornalistiche di settore e dagli stessi espositori. È possibile inoltre la creazione di un’agenda incontri pre-fiera grazie al Matching fra espositori e operatori pre-registrati.

“Con Bit Community”– spiega Marco Serioli, Direttore Divisione Exhibitions di Fiera Milano – “Bit rafforza la propria leadership anche sul web con uno strumento integrato nel sito: grazie a un motore di ricerca verticale, proprietario e sviluppato appositamente, Bit Community dialoga con i social network, ottimizza le risorse, le informazioni, le tecnologie e i linguaggi del web per portare valore aggiunto sia ai Viaggiatori, sia agli Operatori, in linea con la filosofia complessiva di Bit”. Afferma inoltre Serioli: “la ricchezza della proposta di formazione assume un’importanza ancora maggiore in questa edizione, che rappresenta per la Borsa Internazionale del Turismo una svolta verso il ‘new business’. E infatti quelli che andremo a discutere sono tutti aspetti chiave della profonda evoluzione che sta attraversando l’industria turistica, segnata dalle nuove tecnologie, dai cambiamenti socioculturali e da profondi cambiamenti nello scenario macroeconomico”.