Indagine Federalberghi, Bocca: “turismo italiano in crescita nel 2011”

25 Gennaio 2012 

Il Presidente di Federalberghi ha commentato gli ultimi dati dell’indagine campionaria sul settore

Il Presidente di Federalberghi Bernabò Bocca ha definito “completamente in controtendenza rispetto all’andamento mondiale dell’economia” gli ultimi risultati (dedicati al bilancio 2011) dell’analisi campionaria condotta su 1000 imprese turistiche nazionali. Il quadro presentato dall’indagine fa infatti registrare un +2,3% di presenze alberghiere nel 2011, un saldo stabile dell’occupazione (-0,3%) e  e aumenti delle tariffe alberghiere ridotti rispetto alla crescita dell’inflazione. Bocca, che pure ha ribadito il sostegno alla politica del governo Monti, non ha mancato però di sottolineare criticità:  la manovra “salva-Italia”, afferma il Presidente, “produrrà tra IMU ed aumento dell’IVA un aggravio fiscale quantificabile per il solo 2012 in quasi 600 milioni di Euro, ai quali andranno aggiunte le concessioni demaniali e la mina dell’imposta di soggiorno che a macchia di leopardo e senza una quantificazione omogenea finirà inevitabilmente col creare forme di disparità tariffaria e di concorrenza sleale tra località limitrofe ed a medesima offerta turistica”.

(Fonte: Federalberghi)