Anche le ferrovie verso la liberalizzazione?

11 Gennaio 2012 

Il governo fissa  al 20 gennaio i primi interventi su commercio e trasporti

Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Antonio Catricalà, ha annunciato che nel giro di dieci giorni sarà varato il primo pacchetto di misure per la liberalizzazione di commercio, servizi, ordini professionali e trasporti. Anche le ferrovie, che negli ultimi mesi hanno visto duri contrasti tra RFI e operatori privati come NTV e Arenaways, dovrebbero essere toccate dagli interventi insieme a taxi, farmacie, energia, banche, poste e assicurazioni: già nel mese di ottobre Catricalà, ex presidente di Antitrust, aveva chiesto l’abolizione della norma introdotta dalla manovra di Ferragosto che obbliga tutte le imprese ferroviarie operanti in Italia (anche straniere) ad applicare i contratti collettivi nazionali di settore stipulati da FS. Novità anche per autostrade (per le quali l’Antitrust chiede di rivedere i criteri di definizione delle tariffe) e per distributori di benzina, con il possibile arrivo delle stazioni multimarca.