• Newsletter
     
      
  • Abbatti i costi
     
      
  • Guida ai fornitori
     
      
  • Consulenza professionale 2
     
      
  • Contatti
     
      
  • Blog
     
      
  • Consulenza professionale 1
     
      
  • slide1
     
      

HRS: giù i prezzi degli hotel a Roma e Atene

14 novembre 2011 

La crisi abbatte i prezzi a Roma e Atene. Lo conferma l’analisi del “price radar” nel terzo quadrimestre del 2011 diffusa da hrs.com. Il portale di prenotazioni alberghiere certifica un calo delle tariffe per stanza nella capitale italiana (-0,97%) e in quella greca (-1,67%).
Per effetto della contrazione economica, il prezzo medio di una camera ad Atene scende a 78 euro a notte. Stesso discorso per Roma dove si spendono mediamente 90,54 euro contro i 91,43 dello scorso anno. Non si arresta invece la crescita nelle altre città europee. Zurigo si conferma la meta più cara, con un trend positivo del 13,98% e una spesa media di 159 euro.
Tra le capitali del Vecchio Continente, Mosca registra l’aumento maggiore con il 14,3% e un prezzo medio di 144 euro a notte. I prezzi degli hotel crescono anche a Londra: una notte sulle rive del Tamigi costa 136 euro (+11,3%). Istanbul segna un incremento del 10,97%. Aumenti a doppia cifra anche per Praga (+10,29%) e Varsavia (+10,33), che si confermano tuttavia le città più economiche d’Europa con un costo medio rispettivo di 61 e 77 euro per notte. Dopo una temporanea caduta dei prezzi, Madrid recupera il 7,4% trainata dalla Giornata mondiale della Gioventù e dalla visita del Papa ad agosto.
Fuori dall’Europa il trend è molto vario. Con i suoi 176 euro per notte, New York si conferma la città più cara al mondo nonostante i prezzi siano scesi del 2%. Il più grande aumento si registra a Buenos Aires (+15,25%), mentre le più convenienti sono Bangkok, Kuala Lumpur e Beijing, con tariffe intorno ai 50 euro.

 

(Fonte: L’agenzia di Viaggi)